Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/10/2020 alle ore 21:06

Ippica & equitazione

09/10/2020 | 15:25

Ippica, Capannelle: 14 concorrenti per le Oaks del Trotto, si punta su Betta Zack e Balsamine Font

facebook twitter google pinterest
Ippica Capannelle Oaks Trotto

ROMA - Domenica all’ippodromo delle Capannelle l’attesa spasmodica degli appassionati delle corse al trotto e dell’ippica sarà per la finale dell’edizione numero 93 del Derby Italiano del Trotto, ma indubbia trepidazione sarà riservata, si legge in una nota, alle Oaks del Trotto (gr. 1 - €. 253.000 – per femmine indigene di 3 anni - mt. 1.640) , vero e proprio Derby al femminile che regalerà alla vincitrice, oltre alla fama e al ricco montepremi, il tradizionale Nastro Rosa. 
Lunedì mattina c’è stata la dichiarazione ufficiale dei partenti per la classica riservata alle femmine indigene della generazione 2017 e domenica vedremo in pista quattordici concorrenti che si avvieranno in scia all’autostart equamente divise su due file complete. 
La classifica parametri stilata prima del sorteggio dei numeri ha naturalmente posizionato in prima fila quasi tutte le migliori ma in seconda fila scalpitano tre o quattro concorrenti che nutrono la concreta e legittima ambizione di poter essere competitive per cogliere almeno un piazzamento di prestigio. 
Le principali candidate alla vittoria - che presumibilmente si spartiranno il pronostico anche sul fronte scommesse - saranno Betta Zack e Balsamine Font. La prima è la “punta” del come sempre numeroso schieramento proposto da Alessandro Gocciadoro (cinque le cavalle che verranno schierate dal team di Noceto) che vanta un curriculum quasi impeccabile avendo vinto ben sette delle dodici corse disputate in carriera e avendo fallito in una sola occasione l’ingresso nel marcatore. La forma recente della figlia di Rotary Ok e Martina Grif è perfetta: tre vittorie nelle ultime tre gare disputate con il facile successo nella Finale del Campionato Femminile dei 3 anni (sulla pista del Garigliano) e in precedenza il posto d’onore a Cesena battuta solamente dalla compagna di allenamento Babirussa Jet (una delle due femmine che sarà al via nella finale del Derby). Betta Zack ha rifinito la condizione vincendo in bello stile l’invito programmato il giorno delle batterie del Derby e non ha problemi di impiego: Andrea Guzzinati, abilissimo catch driver chiamato ad interpretarla per la scelta di Alessandro Gocciadoro di guidare Bahamia, è una garanzia che saprà tirare fuori il meglio dalla portacolori di casa Brischetto. 
Anche il curriculum recente di Balsamine Font è di assoluto rispetto ma il percorso seguito dalla campioncina di casa Rocca per giungere a questo fondamentale appuntamento della carriera è completamente diverso: la figlia di Filipp Roc è stata infatti trasferita in Svezia alle cure di Bjorn Goop in pieno lockdown (perché nel paese scandinavo le corse non sono mai state interrotte) e negli ultimi cinque mesi ha corso otto volte in quattro diversi ippodromi cogliendo cinque significative vittorie. Balsamine Font è stata anche capace di migliorarsi sensibilmente sotto il profilo cronometrico aggiornando il proprio record sulla breve a 1.11.2 e quello sulla media distanza a 1.13.2. Il numero 4 di avvio è perfetto per la portacolori della Scuderia Sant’ Eusebio che comunque non dovrebbe partecipare alla rovente fase iniziale per poi far valere il suo violento parziale conclusivo. 
La terza forza in campo, molto vicina nella valutazione alla due favorite, non può che essere Bahamia. La figlia di Maharajah può infatti vantare tra le sue ultime prestazioni l’ottima piazza d’onore dietro Babirussa Jet a Montecatini e il precedente perentorio successo a Montegiorgio nel Gran Premio Marche Femminile cui si deve aggiungere il fatto di essere stata selezionata da Alessandro Gocciadoro nel gruppo delle sue cinque partecipanti alla corsa. Sul conto di Bahamia solamente un piccolo dubbio sulla condizione attuale: essendo infatti stata ritirata a fine agosto nel Gran Premio Giovanardi arriverà all’impegno di domenica due mesi esatti dopo l’ultima corsa disputata. 
Tante altre aspirano ad essere protagoniste della corsa ma non avranno evidentemente vita facile al cospetto delle tre favorite. Considerazione non può certamente essere negata (nonostante uno scomodo numero 11 di avvio) a Bahia Pax (una delle cinque del Team Gocciadoro) che nel Gran Premio Nazionale è giunta terza al cospetto dei maschi dimostrandosi in esponenziale crescita psicofisica; quasi medesimo discorso vale per Bica Dl, abituale frequentatrice con discreti esiti delle classiche per le femmine, Bonneville Gifont, che ritrova la distanza preferita, Buena Suerte Bi (da pochi giorni passata alle cure di Marcello Di Nicola dopo essere stata plasmata e cresciuta da Tiberio Cecere) e la decaduta Belen Hall Fas, una delle reginette giovanili della generazione che però quest’anno dopo un promettente rientro ha sempre fallito al cospetto dei migliori rimediando tre rotture nelle ultime tre corse disputate (e dovrà anche fronteggiare lo scomodo numero 7 di partenza all’esterno della prima fila) . 
Dalla seconda fila proveranno l’inserimento fra le migliori anche le due del Team Minopoli Berenice Bi e Beautyful Breed, comportatesi ottimamente nella Finale del Campionato Femminile, Betta Indal e Blue di Girifalco, che è al rientro dopo due mesi e mezzo ma per la quale Alessandro Gocciadoro ha richiesto la guida di un guidatore prestigioso come lo svedese Orjan Kihlstrom. 
Tutto quanto detto finora lascia lo scomodo ruolo di outsider a Brooklyn Lux (che parte al pessimo numero 14 ma resta peraltro su una bella suite di vittorie) e Brezzapura Ferm che completano la corsa. 
Un’edizione comunque bellissima – certamente da non perdere – delle Oaks del Trotto anche se non si è passati attraverso le batterie di qualificazione che avrebbero ulteriormente “limato” lo schieramento di partenza rendendo lo svolgimento della gara maggiormente lineare. 
RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

equitazione fieracavalli

Equitazione, annullata la 122ª edizione di Fieracavalli

27/10/2020 | 13:40 ROMA - È stata annullata la 122ª edizione di Fieracavalli, prevista a Verona dal 5 all’8 e dal 13 al 15 novembre. «Il Dpcm della Presidenza del Consiglio dei Ministri - si legge in una nota di Veronafiere -...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password