Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/11/2018 alle ore 20:03

Ippica & equitazione

14/09/2018 | 16:45

Ippica, Capannelle: dopo due mesi riprendono le corse, sabato in programma il trotto

facebook twitter google pinterest
Ippica Capannelle trotto

ROMA - Dopo due mesi di stop ripartono le corse al trotto all'Ippodromo delle Capannelle. L'orario di inizio è previsto alle 15.15 ed il convegno è incentrato sulla sesta corsa, alle 17.45, un miglio per soggetti di categoria CB che vedrà nel ruolo di probabile favorito Uragano Stecca, che potrà avvalersi della guida del top driver italiano Enrico Bellei. Avversari principali per il portacolori della famiglia Stecca - si legge in una nota - il velocissimo Tornado Spritz, che deve riscattare l'ultima di Montegiorgio, ed il potente Roger Waters, che potrebbe avvantaggiarsi del campo scarno. Ma la qualità non mancherà neanche in apertura nel miglio riservato ai 2 anni, con lo stimato Axl Rose atteso al riscatto dopo il deludente debutto a Cesena, e merita attenzione anche la seconda corsa, alle 15.45, un miglio riservato a buoni 3 anni che vedrà partire con i favori del pronostico Zanziabar Wise As, presentata e guidata dal top trainer italiano Alessandro Gocciadoro. L’ippica italiana, meglio il turf, è stata, da sempre, concepita intellettualmente, tecnicamente e culturalmente per poggiare tutta se stessa su due pilastri portanti: gli ippodromi di San Siro e quello di Capannelle.
Dovesse venire a mancare uno dei due, inevitabilmente la costruzione franerebbe con conseguenze esiziali. Per questo la riapertura di Capannelle che era stata messa in forte dubbio e che avviene con due settimane di ritardo sulla tabella di marcia rappresenta una sorta di liberazione da un brutto incubo. Si è rischiato, tra l’altro, di non poter ottemperare al primo punto nelle priorità esistenziali del turf: la selezione che, come è noto, avviene al massimo livello internazionale solo tra Milano e Roma. La piena attività dei nostri ippodromi è, in ogni caso, la condizione essenziale ed irrinunciabile per poter progettare un domani o anche solo un presente in grado di invertire alcune rotte negative per il nostro mondo.
Capannelle riapre dunque i suoi cancelli e lo fa in questa domenica, giusto in tempo per non abdicare al ruolo fondamentale che le è assegnato di produrre, creare selezione. Infatti vanno in scena le prime due indispensabili listed della stagione. Indispensabile per un motivo tecnico chiarissimo: sono prove che preparano e non consolano. Il Repubbliche Marinare porta al Dormello (come il Milanese Coolmore), l’Archidamia (come il milanese Verziere Cirla) conduce al Lydia Tesio che è anche la ultima prova di gruppo uno che è concessa al turf italiano e che, per continuare a restare tale, dovrà, il 4 novembre, esibire un campo di partenti, meglio un ordine di arrivo, da 110 di rating. Che queste prove, entrambe rosa, siano fondamentali non è nostra opinione ma è conseguenza degli ordini di arrivo degli ultimi anni, ad esempio. Dal Marinare sono passate, nel tempo appunto, cavalle come Intello Kiss, Candy Store, Cassina de Pomm, Punta Stella, Cherry Collect, Bezique, My Sweet Baby, Aria di Festa, Dionisia, Bugia, Timi, Rumba Loca, una sorta di gotha. Non è da meno l’Archidamia (ricorda la ultima vincitrice rosa del nostro derby) che ci ha dato nomi come quelli di Quiza Quiza Quiza, Sound of Freedom, Turfrose, Bardonecchia, Pourquoi Pas, Midnight Heigts e Lara’s Idea.
L’autunno è altrettanto importante come la primavera, sia per Roma come per Milano. La seconda parte di settembre e ottobre vedranno San Siro sotto i riflettori con le sue prove di selezione  mentre novembre è il grande mese, come maggio, in cui il testimone elitario al massimo torna nelle mani di Capannelle.
Da quest’anno, con notevole coraggio, si è operata una scelta importante: creare, la domenica quattro novembre (centenario della vittoria nella prima guerra mondiale), il grande pomeriggio, meglio il giorno, della selezione. Augurandoci un clima propizio, il palato del vero appassionato sarà deliziato dalla disputa del Lydia Tesio, il summit rosa sui 2000, del Roma, la grande prova di chiusura europea ancora sul doppio km e a metà (112,5) tra il gruppo uno e il due, del Ribot Luciani chiamata conclusiva per i miler, ancora una pattern come lo sono l’Aloisi per i flyer e il Berardelli per i due anni che pensano di avere disposizioni sulla distanza. Aggiungete il Divino Amore, mille metri solo per i due anni, listed ed avrete la prova palmare di un pomeriggio che più selettivo non si sarebbe potuto immaginare. Ciò anche per favorire, ove possibile, l’indispensabile presenza di ospiti esteri, vitale per la sussistenza e il mantenimento del rating necessario.
La concentrazione di eventi potrebbe invogliare allenatori stranieri a disporre viaggio per i loro pensionari in numero maggiore. Questa la speranza oltre a quella di creare comunque un super evento. Il cui controcanto si allungherà di una settimana grazie alla domenica 11, altro pomeriggio da non perdere. Infatti ecco in programma ben quattro listed (sempre e nutrita ogni domenica gli HP faranno compagnia rappresentando il primo gradino della selezione). Il Rumon ha subito rivoluzione, nel senso che da preparazione settembrina al Gran Criterium diventa adesso ultima occasione per i due anni prima del riposo invernale, sempre sui 1500 e fa pendant con il Criterium Femminile mentre maratoneti e femmine si consoleranno ma con black type grazie al Roma Vecchia sui 2800 e al Buontalenta portato sul miglio. Non solo queste due domenica ovviamente, prima spazio anche al Pandolfi il 14 ottobre, al Villa Borghese sui 2200 che porta al Jockey Club o al Roma e in programma il 30 settembre mentre i tre anni avranno anche lo Scheibler il 28 ottobre e le ultime domeniche di novembre vedranno in azione tradizionali HP come il Sette Colli per due anni e il Capannelle per velocisti. Il telaio del programma è solido con anche gli appuntamenti con le corse per i purosangue Arabi.
Non resta che iniziare e la prima domenica, anche per una sorta di voglia di recuperare il tempo perduto ci regala per dieci corse. Nella listed per le due anni femmine ecco in campo sette pretendenti potenziali al Dormello capeggiate da Birthday Party e Spectralight opposte a Isole Maldive, Crisaff’s Queen, Dehara, Glimmies e MaryBambi. La risposta dell’Archidamia sulla via del Tesio è affidata a Flower Party, Lady Ramon, Enrife, Miss Garbo, Party Goer e l’ospite Lovelett. Dieci corse perché c’è tanta voglia di esserci per tutti dopo la sosta forzata e c’è anche desiderio di spettacolo, quello che sono una bella corsa di cavalli sa regalare. 100 in campo per dieci in media per ogni corsa. I gentlemen e le amazzoni saranno in 13 sui 1400 (sei in all weather e quattro in pista grande, le corse, con distanze da 1400 a 2200), i tre anni ancora maiden saranno in 16 sul miglio ma non mancano le condizionata, una sul dirt e sul miglio con i consueti specialisti, l’altra sui 2200 viatico verso il Villa Borghese e poi il tradizionale Hp Autunno con 8 al via: Keplero, Slowpoke, Caterpillar, Freedom Day, War Asset, Benazzi, Irishmamark e Tout a Fait. Ovviamente non mancheranno le tris, insomma si riparte e con un pomeriggio di altissimo contenuto insieme tecnico e spettacolare con l’ippodromo pronto ad accogliere nel migliore dei modi gli appassionati.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

ippodromo snai la maura atene trebì

All’Ippodromo Snai La Maura la prima di Atene Trebì

13/11/2018 | 18:14 MILANO – Dopo la chiusura della stagione a San Siro galoppo, l’Ippodromo Snai La Maura trotto diventa protagonista assoluto delle vicende ippiche milanesi sino alla fine del 2018. Nel convegno di questo martedi’,...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password