Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/06/2021 alle ore 13:35

Ippica & equitazione

17/05/2021 | 10:40

Ippica, Fabio Schiavolin (ad Snaitech) racconta il nuovo Ippodromo Snai San Siro: "Uno spettacolo tutto l'anno"

facebook twitter pinterest
Ippica Fabio Schiavolin (ad Snaitech) racconta il nuovo Ippodromo Snai San Siro: Uno spettacolo tutto l'anno

ROMA - L'Ippodromo di San Siro diventerà una città dedicata all'ippica e all'equitazione con le porte sempre aperte ai cittadini. Questo è l'obiettivo del nuovo progetto Snaitech, raccontato dall'amministratore delegato, Fabio Schiavolin. Un'oasi verde e tecnologica che entro l'autunno del 2022 tornerà agli antichi fasti: "L'ippodromo e lo spettacolo ippico hanno avuto diversi lustri di importanza e di spolvero, poi quel mondo è diventato sempre più di nicchia e ha vissuto un calo d'interesse", spiega Schiavolin per il quale è doveroso sfruttare un polmone verde che non tutti conoscono: "A Milano - prosegue in un'intervista a 'Il Giornale' - ci sono tante zone verdi, ma nessuna è grande come questa. Se si guarda San Siro dall'alto sembra Central Park. Tutto il complesso ippico è grande 135 ettari ed è nostro dovere aprirne le porte a tutti: questo deve essere il posto dove i milanesi passano il weekend, per un picnic o per un pranzo ai nostri ristoranti e bar all'aperto. Dobbiamo riportare qui le scolaresche, con il progetto 'Scopri San Siro' abbiamo coinvolto migliaia di bambini". 

Arrivare al grande pubblico non è un'impresa impossibile: "Secondo la mia esperienza - motiva l'ad di Snaitech - chi viene una volta all'ippodromo di Milano ci ritorna sempre. Ci sono tanti modi e momenti per portare qui persone diversissime fra loro, l'abbiamo già fatto negli ultimi 6 anni con un calendario di eventi e manifestazioni di grande successo: dal Fuorisalone a Piano City, dai Weekend di Primavera del Fai, alle serate gastronomiche, fino al Summer Festival. Dopo il Covid sarà una sfida nella sfida". 

Infine, per quanto riguarda l'equitazione, Schiavolin ha le idee chiare: "La nostra ambizione? Avere a Milano un concorso 5 stelle, la massima categoria, ma è un percorso graduale, ci vogliono 3 anni: a luglio partiamo con la Jumping Cup, l'anno prossimo ce la giocheremo con Piazza di Siena e Verona", conclude.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password