Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 30/01/2023 alle ore 08:50

Ippica & equitazione

05/12/2022 | 19:00

Ippica, il Gran Premio Coppa di Milano protagonista nel pomeriggio di Sant'Ambrogio all’Ippodromo Snai La Maura di San Siro

facebook twitter pinterest
Ippica Gran Premio Coppa Milano Ippodromo Snai La Maura san siro

ROMA - – Come nell’edizione del 2021 anche quest’anno l’atteso appuntamento con il Gran Premio Coppa di Milano all’Ippodromo Snai La Maura di Milano cade il 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio, patrono della metropoli meneghina. La riunione di corse programmata su sette prove a partire dalle ore 13, con l’impianto di via Lampugnano 95 aperto al pubblico e con ingresso gratuito già dalle ore 12, vede anche delle attività di intrattenimento destinate alle famiglie e ai bambini: l’ambientazione di Natale con gli animatori pronti a coinvolgere i piccoli visitatori in laboratori creativi, il Battesimo della Sella sul pony del Centro Ippico Lombardo, le postazioni per assaporare le caldarroste, lo zucchero filato e per sedersi e sorseggiare un buon aperitivo, sono tutti gli ingredienti per trascorrere una bella giornata di festa all’aria aperta ed ammirando i cavalli in pista. Puntando l’attenzione sul Gran Premio, quest’anno dedicato alla memoria di Alessandro Ferrario, noto giornalista ed editore ippico milanese scomparso nel 2019 nella Bassa Padovana a soli 52 anni, anche questa volta vede confermata la formula delle due batterie eliminatorie alle prime due corse della riunione (con montepremi di 8.030 euro ciascuna) e della finale come penultima di programma (con montepremi di 23.980 euro). La prova internazionale di Gruppo III, valida per cavalli indigeni di 5 anni ed oltre ed esteri di 4 anni ed oltre, si disputa sulla distanza di 1650 metri con partenza dietro all’autostart. Nel 2020 a vincere è stato Vernissage Grif. In quella occasione, disputata il 4 ottobre, l’allievo di Alessandro Gocciadoro ha vinto alla media di 1.10.4. La successiva edizione, quella del 7 dicembre dell’anno scorso, ha visto la splendida vittoria di Usain Toll con una media di 1.11.9. Il portacolori di Renato Santese è stato imprendibile dai rivali per tutta la corsa grazie anche alla bravura del driver Vincenzo Gallo. In questa edizione la Prima Batteria della Coppa di Milano sembra sulla carta come la più qualitativa ed incerta. I numeri attribuiti in base alla perizia rendono obbligatorio aprire la disamina da Bepi Bi. Il portacolori della Scuderia Biasuzzi, con Alessandro Gocciadoro ai comandi, è al rientro da luglio ma con un’ottima prova pubblica effettuata una decina di giorni fa in pista, aiutano a ricordare il motivo per cui è stato un leader della generazione. Restando sempre in seconda fila troviamo anche Brillant Ferm che, affidato ad Andrea Farolfi, del terzetto presentato in questa batteria da Mauro Baroncini dovrebbe essere la punta. Dopo una campagna francese senza grossi squilli, Brillant è rientrato in Italia ottenendo due nette vittorie, e l’episodico l’errore nell’ultima uscita a Modena, appare comunque come uno dei protagonisti della batteria ed eventualmente della finale. Poi c’è Agrado, confinato all’esterno della fila, che può fare leva sulla sua duttilità tattica e sulla regolarità, armi che testimoniano l’eccellente lavoro svolto da Francesco Di Stefano suo creatore, preparatore e guidatore. Anche Alchimia di Casei e Bora La Torre, le altre due femmine presentate da Mauro Baroncini, hanno nello scatto al via la loro peculiarità il che potrebbe dare buoni risultati. Emerge nel gruppo Adamo Dipa, un possibile altro protagonista della prima fase, mentre Back on Top sa cavarsela in tutti gli schemi e può mettere sul piatto della bilancia una buona dose di grinta. Su tutti grava la minaccia di Bacco del Ronco e poi Resta Bwana Gar che cercherà di capitalizzare la posizione in corda per centrare l’accesso alla Finale, che equivarrebbe ad un successo. Nella Seconda Batteria sono otto i partecipanti. Anche in questo caso iniziamo l’analisi seguendo la perizia, che ha giudicato Zorro Wind come il più forte. Il portacolori di Edoardo Guida, al via con Alessandro Gocciadoro, ha trascorso buona parte dell’anno al nord Europa sulle cui piste da Solvalla a Bjerke passando per Aby, Mantorp e Jagersro, ha vinto ben nove corse. Il ritorno in Italia dopo la partecipazione al Lotteria, dove è stato sfortunato, ne fa ugualmente il punto di riferimento di questa eliminatoria. Tatticamente è ipotizzabile vedere Ugulinast sfilare al comando sulla freccia Zeno Tab con General Bianco proteso all’esterno nel tentativo difficile di trovare la corda. I citati si augurano un andamento senza troppi sussulti così da preservare le energie per respingere oltre al citato Zorro la percussione di Becoming, al top della forma e capace di industriarsi in percorsi complessi e il finale di Alcide Roc capace di mettere in campo 4- 500 metri finali di ottima fattura. Completano lo schieramento Voodoo degi Greppi e Bessie di Poggio, il cui ruolo resta di grossissime sorprese ed il cui obiettivo sembra rivolto a occupare i posti più bassi del marcatore. Per la finale, come sesta prova del programma, partecipano i primi 5 classificati di ciascuna batteria eliminatoria con assegnazione dei numeri rispettando la perizia iniziale. Per le altre corse di giornata, in pista con il Premio Fusetta, ovvero una Condizionata per cavalli di cinque e sei anni non vincitori di 35.000 euro in carriera affidati alla guida dei Gentlemen. Sempre una Condizionata, per il Premio Sant’Ambrogio, con protagonisti i due anni non vincitori di 20.000 euro in carriera. Il Premio Gleno Dei, invece, è una Condizionata per quattro anni non vincitori di 45.000 euro in carriera. A chiudere la giornata di corse milanesi il Premio Potenza Om, prova ad Invito per tre anni sulla distanza dei 1650 metri abbinato alla scommessa Tris-Quarté-Quinté con al via due file complete di partecipanti. 

RED/Agipro

Foto: Dena - Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password