Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/06/2019 alle ore 11:49

Ippica & equitazione

23/05/2019 | 08:40

Ippica, all’Ippodromo SNAI San Siro è il giorno di Piazza di Siena

facebook twitter google pinterest
Ippica Ippodromo SNAI San Siro Piazza di Siena

ROMA - All’Ippodromo Snai San Siro un bel mercoledi’ di corse in cui la pista circolare e’ stata protagonista. Un infrasettimanale quasi interamente riservato ai cavalli di tre anni e dove il Team Gonnelli si e’ guadagnato i riflettori con un bel triplo siglando anche la prova piu’ ricca del pomeriggio, il Premio Afrodite, l’handicap sui 1700 metri per femmine di 3 anni. Grazie a Piazza di Siena, sicuramente agevolata dal pesino ma capace di imporsi con stile autorevole e di centrare cosi’ il secondo successo della carriera, ha visto in sella Dario Di Tocco (due successi nel pomeriggio milanese). La portacolori del signor Gianluigi Candiani ha scortato dal via la battistrada Tutta Pepe liquidandola ai 400 finali e allungando con apparente facilita’. Tutta Pepe dopo un attimo di smarrimento si e’ ripresa tornando al secondo posto su Rolly Billy, fattasi avanti in retta a centro pista, mentre Twinkle Dew e Sweet Chili dopo essersi affacciate in prima linea sono un po’ mancate nell’ultimo furlong. Male Mubay Rose, che ha mollato a meta’ retta. Il bis immediato e’ arrivato nel Premio Razza Spineta, l’affollata maiden sui 1800 metri, dove ha fatto centro all’undicesimo tentativo Happy Wind: cavallo non sempre sincero, il portacolori del signor Andrea Chiaravalli con Antonio Fresu in sella si e’ proposto bene a centro pista ai 400 finali, recuperando sul battistrada Thunderstorm per passare chiaramente nelle ultime battute. Thunderstorm ha corso al comando provando la difesa in retta ma si e’ dovuto arrendere al rivale. Terzo con buon finale tra i cavalli e’ sgusciata Final Coutdown rimontando Sir Maxalot, discretamente presentatosi sulle piste italiane. Non ha invece inciso l’atteso Anacreonte, incapace di seguire il vincitore nella progressione a centro pista. L’hat-trick per il team del trainer senese e’ arrivato nel Premio Camparada, l’handicap di minima sui 2000 metri: a contendersi la vittoria Dolcedo e Piccolo Farore, rispettivamente penultimo e ultimo lungo il percorso, il che indica che probabilmente davanti si sono sbagliati i parziali: Piccolo Farore e’ avanzato tra i cavalli in retta, ovviando pure a qualche problema di traffico, Dolcedo invece si e’ fatto avanti a centro pista e nelle ultime battute ha proposto le battute migliori, superando di slancio il rivale che era passato ai 100 finali. In sella al vincitore Luca Maniezzi. Per il terzo posto Fortuna (anche lei nelle retrovie lungo il percorso) ha raggiunto e battuto Amica Mia. Ad aprire il pomeriggio a San Siro il Premio Mezzago, un handicap di minima sui 1600 metri in pista circolare per cavalli di tre anni, e prima vittoria in carriera per l’ospite toscana Dragon Billy, per il training di Roberto Cova e la monta di Dario Di Tocco: la portacolori del signor Ferruccio Giacobbe ha piazzato lo scatto ai 400 finali passando netta prima ancora dell’ultimo furlong lasciando Bovaglie e Texas Cactus in lotta per la seconda moneta, con la cavalla di Eugenio Goldin che nelle ultime battute e’ riuscita a rientrare alla rivale. Gli altri piu’ indietro: Joenna e King of Watson sono stati poco incisivi in retta, Daisy Due e’ passata per prima ai 400 finali ma è rimasta sul passo, Dobbiaco si e’ spento presto dopo aver guidato dal via.
Primo successo in carriera anche per Nap Time, a segno nel Premio Grezzago, l’handicap sui 1800 metri: il cavallo allenato da Federica Tomasini e montato da Andrea Deias ci ha messo un po’ ad ingambarsi, solo nei 200 finali ha trovato la giusta pedalata ed e’ venuto ad agguantare Principessa Aisha, che ai 250 finali era passata dando l’impressione di aver chiuso la partita: impressione errata, perche’ la cavalla di Diego Dettori ha perso pure il secondo posto, stampata sul filo di lana da Albareto. Picedo sul ritmo blando imposto da Le Soupirant aveva provato a smuovere le acque portandosi sul battistrada ma nei 300 finali e’ calato. A chiudere il convegno il Premio Mara, un handicap sui 1400 metri per cavalli di 3 anni e oltre valido come TQQ del mercoledi’: Sambuca e Mario Sanna hanno provato la “fuga per la vittoria”, la trascuratissima Shimmeringlady, sospinta energicamente da Gabriele Cannarella, e’ stata l’unica a recuperare in retta sul battistrada passando pure in leggero vantaggio nei 50 finali ma il rivale ha trovato la forza di reagire e i due sono terminati perfettamente in parita’ sul traguardo: parita’ sancita anche dal fotofinish e vittoria dunque da dividere tra l’importato di Valeria Toccolini e la grigia di Daniela Salerno. Ida Chicken ha rimontato Mister Maestro per il terzo posto, mentre Strong Effort, non troppo fortunata nell’avanzare per linee interne, ha completato il podio del Quinte’.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

ippica Gp Antonio Carena BetFlag Zaniah Bi

Ippica, Gp Antonio Carena: su BetFlag Zaniah Bi è favorita

26/06/2019 | 09:40 ROMA - Non solo Triossi a Roma il 29 giugno giorno della festa patronale. C'è anche il Gran Premio Antonio Carena (euro 88.000 - metri 1640), classica riservata alle signorine in rosa della generazione 2015. Ben quattordici...

Equitazione Giulia Martinengo losanna

Equitazione, Giulia Martinengo seconda nel Gp di Losanna

25/06/2019 | 10:00 ROMA - Grande gara di Giulia Martinengo Marquet ed Elzas che domenica 23 giugno, hanno ottenuto la piazza d’onore nel Gran Premio del CSI5* di Losanna in Svizzera. L'azzurra - si legge in una nota - sta confermando con...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password