Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2018 alle ore 09:01

Ippica & equitazione

03/04/2018 | 09:18

Ippica, all’Ippodromo SNAI San Siro brilla Zan O’ Bowney

facebook twitter google pinterest
Ippica Ippodromo SNAI San Siro Zan O’ Bowney

ROMA – All’Ippodromo SNAI San Siro tempo Pasquale da incorniciare per il numero di spettatori accorsi ai convegni. In questo lunedì dell’Angelo il programma prevedeva sette prove di cui due interessanti condizionate in piano, oltre ad altre due prove riservate ai saltatori. All’altezza delle attese la corsa tecnicamente più interessante del pomeriggio, il Premio Oleggio, un condizionata sui 1000 metri della pista dritta per cavalli di tre anni e oltre: ha vinto con pieno merito Zan O’ Bowney, già brillante alla ricomparsa, ma gran parte del merito va a Fabio Branca, perfetto nel distribuire i parziali in una corsa tiratissima dal primo all’ultimo metro nella quale non c’erano margini di errore per nessuno. Il cavallo allenato da Nicolò Simondi ha subito preso il comando delle operazioni e ha tenuto ritmo sostenuto staccando il gruppo degli immediati inseguitori negli ultimi 200 metri. Il pericolo si è materializzato a centro pista nelle ultime battute: Harlem Shake, che ha galoppato discosto in ultima posizione per gran parte del percorso, ha messo in campo 200 finali supersonici e con uno spettacolare recupero è piombato sul rivale che però è riuscito a mantenere un minimo vantaggio. Gli altri sono tutti terminati vicini: Intense Life è emerso al terzo posto su Apache Kid, mentre il favorito Zapel ha galoppato senza riferimenti a centro
pista ed è calato nei 100 finali, quando però non era più competitivo per il discorso vittoria.
Tutto secondo pronostico nel Premio Arbogna, una “reclamare” sui 1000 metri della pista dritta per cavalli di tre anni, dove la favorita Stardestelle si è staccata in testa a testa nei 300 finali con Romantic Lover: la
portacolori di Roberto Milani, per il training di Luciano Vitabile e la monta di Carletto Fiocchi, ha risposto sino in fondo all’attacco della rivale siglando la seconda vittoria della carriera. Terzo posto per Ali’s Legend,
con gli altri sparsi per la pista.
Il Team Vana ha colpito nel Premio Primi Salti, una prova in siepi sui 3200 metri per tre anni al debutto nella specialità: ben impiegato da Jan Kratochvil, Mahe King ha corso nascosto in gruppo per avvicinarsi sul
battistrada Absolute Belter sulla diagonale breve e superarlo di slancio all’ultimo salto. Absolute Belter è arrivato un po’ titubante all’ultimo ostacolo e non ha saputo replicare all’affondo del rivale, mantenendo
comunque il secondo posto su Watching Spirits, finito bene, e Leonardo Da Vinci, un po’ mancato in retta.
Qualche problema (staffato Pelice, difficoltà di impiego per Far Down) per gli altri due portacolori di Paolo Favero che si sono eliminati nella prima parte del percorso. Ancora meno atteso il successo di Inclusive Price nel Premio Corona Ferrea, l’altra “debuttanti” in siepi riservata però a cavalli anziani: presentato da Gianluca Verricelli e montato da Alessio Pollioni, il portacolori del signor Pietro Di Nola in pratica ha galoppato in avanti sin dal primo metro, e nonostante qualche incertezza nei salti nel tratto finale è riuscito a staccare Balashakh, rimontato poi anche da Fast Wind. Il favorito Aeneas è caduto a metà percorso rovinando su Meyandi che era caduto poco prima.
Gran bella interpretazione di Sergio Urru e ritorno al successo per Candiani Street nel Premio Verano Brianza, handicap sui 2000 metri in pista grande per cavalli di 4 anni e oltre: una volta respinto al via da
Pancake, il cavallo allenato da Simone Sordi si è saggiamente adeguato a ridosso dei primi, però quando ai 400 finali ha trovato il varco ha piazzato una bella stoccata passando negli ultimi metri e sfuggendo al gran
finale di King Winnie, finito fortissimo a centro pista dopo corsa all’estrema attesa. War Asset ha concluso terzo a ridosso agguantando sul palo il battistrada Pancake, che aveva provato l’allungo in retta calando nei
100 finali.
Sfruttando il discarico per la monta del bravo Dario Di Tocco, Divertiti ha piazzato la zampata vincente nel Premio Porta Nuova, la condizionata sui 1800 metri in pista grande per cavalli anziani: nelle posizioni di
coda, il cavallo allenato da Marco Gasparini è migliorato a centro pista in scia a Sun Devil e ha prodotto un ulteriore cambio di marcia ai 300 finali al quale l’atteso Flight To Dubai non ha saputo replicare. Terzo posto
per Harbour A Secret, che aveva provato il contropiede dopo essere passato in vantaggio lungo lo steccato ai 450 finali. Sun Devil è avanzato bene fino ai 200 finali, poi si è un po’ piantato chiudendo al quarto
posto.
A segno nella prova di apertura, Carletto Fiocchi ha firmato il bis in chiusura di pomeriggio con Stundaiu nel Premio Vimercate. Il cavallo del Team Gonnelli è avanzato a centro pista in scia a Fritz e ha piazzato la
stoccata vincente, passando chiaramente negli ultimi 100 metri, tenendosi fuori dalla baragge che ha coinvolto il gruppo. C’è stata infatti battaglia per le piazze: la favorita Ipazia è avanzata all’interno ma ha
faticato a reperire lo spazio, alla fine forzando il varco è emersa al secondo posto ma la giuria l’ha retrocessa al terzo a favore di Time Sky. Su una stessa linea sono terminati Marea Rosa e Staisenzapenzieri
in un arrivo molto serrato.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password