Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/11/2019 alle ore 19:02

Ippica & equitazione

25/09/2019 | 14:59

Ippica, all'Ippodromo Snai La Maura Vallecchia Dr si conferma alla grande

facebook twitter google pinterest
Ippica Ippodromo Snai La Maura Vallecchia Dr

ROMA - All Ippodromo SNAI La Maura convegno del trotto al martedi che giunge dopo la “ pausa ” della scorsa settimana . Il centrale, posto in chiusura di convegno , e stato il Premio Nad Al Sheba , una prova sui 1650 metri per cavalli di cat. B/C molto ben frequentata, in cui l’hanno fatta da padrone Vallecchia Dr e Versus All de i fratelli Mollo Fabio Settimio in sediolo alla femmina e Santo nella duplice veste di guidatore del secondo e di allenatore di entrambi. Corsa spettacolare com’era nelle previsioni, e tirata sin dal primo metro: Urora ha provato la corsa di testa reggendo al via Versus All che si e dovuto adeguare all’esterno per il pronto inserimento di Senator Roc; e stata allora Toscarella a puntare in
avanti non concedendo respiro alla battistrada, che infatti ha alzato bandiera bianca ancor prima del chilometro : Toscarella e passata, ma Versus All l’ha attaccata trascinandosi in scia la compagna di training la quale, avendo speso molto meno dei due rivali, in retta non ha avuto difficolt a a piazzare l’allungo risolutore e a svettare nitidamente a media di 1.12.4, migliore velocit a della giornata. Perfetto Fabio Settimio in sediolo alla vincitrice, con la quale si era gi a imposto all’ultima uscita sempre a Milano e sempre in versione “ attendista ”. Versus All dal canto suo ha corso benissimo, sul “ pezzo ” dal via (primo quarto in 27.6 e ancora in grado di rimontare per il secondo Toscarella, che ha provato a giocare in contropiede ma alla fine ha pagato lo sforzo: Up Right Bi ha concluso al quarto posto su Senator Roc, blinda to all’interno.
Potrebbe essere un debutto interessante, quello al quale abbiamo assistito nel Premio Divina Dei , la prova riservata ai puledri: il tempo finale di 1.15.9, figlio di un primo chilometro tranquillo, potrebbe non dire tanto ma quel che e pi u piaciuto dell’esordiente Beautiful Colibri e l’allungo con il quale nei 300 finali la cavalla affidata ad Andrea Guzzinati ha lasciato sul posto i rivali. E poi c’ e una genealogia regale (Ready Cash e Gilly Lb) e il training dietro le quinte ” di Philippe Allaire. Se son rose…: v edremo I ntanto la annotiamo sui nostri taccuini. Babymon ha seguito le mosse della vincitrice sin dal via e pur perdendone la scia in retta, ha mantenuto agevolmente il secondo posto. Bernardette Jet ha provato ad avvicinarsi nel mezzo giro finale ma sull ’accelerazione si e dovuta adeguare al terzo posto, posizione poi difesa con i denti da Bugia D’Amore e da Heracles du Mont. Al via aveva sbagliato Balsamine Font.
Nel Premio Ora Pronobis , la prova sui 1650 metri per cavalli di 3 anni, ritorno al successo per lo stimato Aster Prav: l’allievo di Carlo Belladonna e Flavio Martinelli si e reso autore di un bel percorso “ coast to coast ”, volando al comando e guadagnando qualche lunghezza di vantaggio che ha poi difeso bene sino in fondo, a media di 1.13.8, eguagliando così il suo personale. Anubis (reduce dalla bella prestazione di Torino in cui aveva ven d uto cara la pelle contro Aber dell’Olmo) ha seguito il vincitore sin dal via, per un attimo in retta ha dato l’impressione di poterlo impensierire, alla fine s i e dovuto accontentare del secondo posto. Avasinis Jet ha mosso al mezzo giro finale passando terza sul calo di Ajlen Dl ma non è più venuta avanti in retta.
Al rientro dalla trasferta svedese, un Vaprio in versione bulldozer ha dominato il Premio Ares degli Dei, la prova sui 1650 metri cavalli di cat. E nel quale il portacolori della scuderia Indal e’ stato chiamato a confrontarsi con un altro “nobile decaduto” come Uno Italia. Rinunciatario al via, l’allievo di Alessandro Gocciadoro con in sediolo Rene’ Legati ha iniziato la sua risalita al passaggio, avvicinando il rivale dichiarato che intanto era potuto sfilare in avanti in 450 metri con spesa contenuta: nonostante lo svantaggio tattico, Vaprio ha messo sotto Uno Italia sul penultimo rettilineo (penultimo quarto in 27.8), ha insistito anche sull’ultima curva e in retta infine e’ passato, svettando a media di 1.12.8. Uno Italia non e’ ancora quello dei giorni migliori ma ha comunque corso con onore e ha conservato il secondo posto davanti a Sugar Ray che non è riuscito a interferire nel discorso-vittoria, come anche Real Mede Sm.
Ai trottatori di 4 anni toccava il compito di aprire il pomeriggio nel Premio Forbante Dei, una prova a resa di metri sulla distanza del miglio. La corsa dei due favoriti Zeudi Amg e Zita Vez e’ finita poco dopo la giravolta con un galoppo quasi contemporaneo, e della debacle dei piu’ attesi e’ stata lesta ad approfittarne Zola Budd: guidata con tempismo da Luca Farolfi, la cavalla di Ettore Vairani ha rifatto in breve la penalita’ sfilando in breve sull’accondiscendente Zandroz e dopo un chilometro soporifero ha allungato sul penultimo rettilineo sull’avanzata di Zarina Ross e si e’ mantenuta in vantaggio sino in fondo, anche perche’ Zandroz, che all’imbocco della dirittura sembrava l’avversario piu’ insidioso, ha sbagliato in zona proibita quando provava a filtrare all’interno. Media di 1.17.1 per la vincitrice, alle spalle della quale e’ terminata Zarina Ross sfruttando le “disgrazie” di Zandroz, con Zunbawe, unico superstite, al terzo.
La connection Ettore Vairani-Luca Farolfi ha concesso il bis nel Premio Nocturne Hanover, una prova sui 1650 metri per cavalli di cat. F, grazie ad una volitiva Tempesta Lux, capace di girare all’esterno nell’ultimo chilometro al battistrada Ultrasonido e prevalere in retta, a media di 1.15.,4, con maggiore facilita’ di quanto possa dire il distacco finale. Ultrasonido sembrava aver messo una seria ipoteca guadagnando facilmente il comando e gestendo a piacimento i parziali, ma ha trovato sulla sua strada una rivale molto ispirata. Deludente Polipo Jet, calato ai 400 finali nonostante un comodo percorso in corda, e’ stato Turbo Bye Bye ad emergere al terzo posto, mentre Sherwood Bi e’ incappato in una delle sue “giornate-no” e non ne ha voluto sapere di prendere il trotto. Tutto facile infine per la favoritissima Venere degli Dei nel Premio Nosaka Prav, la reclamare sui 1650 metri per cavalli anziani con alla guida i gentlemen: con in sediolo Filippo Monti, l’allieva di Matteo Restelli e’ sfilata al comando dopo 600 metri su Volterra e da li’ ha controllato saldamente le operazioni, allungando netta in retta per imposti a media di 1.15.5. Al secondo posto, con 500 finali in terza ruota, e’ emersa Undisclosed superando in retta l’appostata Volterra, mentre la generosa Valkyria Run ha corso scoperta per oltre un chiloemtro restando in quota e chiudendo ancora quarta.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica Ippodromo Snai La Maura

Ippica, all'Ippodromo Snai La Maura Zaffiro Jet non perdona

13/11/2019 | 08:40 ROMA - All’Ippodromo SNAI La Maura il primo dei tre appuntamenti di questa settimana con il trotto milanese. Pietro Gubellini ha aperto e chiuso il pomeriggio firmando un bel doppio: particolarmente probante il successo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password