Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/07/2019 alle ore 08:15

Ippica & equitazione

01/07/2019 | 08:45

Ippica, all'Ippodromo Snai San Siro il Premio del Giubileo lo vince a sorpresa Lapulced’Acqua

facebook twitter google pinterest
Ippica Ippodromo Snai San Siro

ROMA - All’Ippodromo SNAI San Siro domenica con otto corse che sanciscono la chiusura della prima parte della stagione per la pausa estiva. Un programma che ha regalato spettacolo dato che a reggere il cartellone e’ stato l’atteso Premio del Giubileo, Gruppo 3 sui 1800 metri per cavalli di 3 anni e oltre, con la sfida del giovane Out of Time ai piu’ anziani. Il vincitore del Parioli si era gia’ comportato con onore nel Vittadini finendo ad una incollatura da Anda Muchacho, ma davanti a Fulminix e Time To Choose che ritrovava oggi; altra linea che si intersecava nella lettura del pronostico era quella del Bereguardo, vinto dalla francese Cherisy davanti ancora a Time To Choose e Fulminix: questi quattro alla fine erano gli osservati speciali della prova, con l’aggiunta di Dersu Uzala, mentre a Frutireu e a Lapulced’Acqua spettava il ruolo di sorprese. E invece… E invece a vincere l’ultima pattern della stagione e’ stata proprio l’ultima del campo, Lapulced’Acqua: sia chiaro, la portacolori del signor Leonardo Ciampoli ha vinto con merito, sfruttando al meglio lo schema tattico e la forma ritrovata proprio in questo ultimo scorcio di stagione, e grazie ad una interpretazione magistrale di Silvano Mulas che l’ha subito posizionata dietro il battistrada Frutireu: quando ai 400 finali i piu’ attesi si sono fatti avanti a centro pista, con Time To Choose davanti a Out of Time e Cherisy, l’allieva di Bruno Grizzetti ha affiancato il battistrada dando l’impressione di viaggiare facile: e infatti ai 250 finali eccola piazzare l’allungo decisivo, passando in vantaggio e acquisendo quel paio di lunghezze che ha poi difeso abbastanza agevolmente sino in fondo. Risultato certamente a sorpresa, ma non del tutto: e’ vero che la figlia di Epaulette all’attivo aveva soltanto due vittorie, ma gia’ in passato (ricordiamo il quarto posto nelle Oaks di Sand Zabeel) aveva dimostrato di poter tirare fuori prestazioni notevoli. Time To Choose, Out of Time e Cherisy si sono avvicinati ma senza mai minacciare seriamente la vincitrice, terminando alle piazze nell’ordine, Fulminix ha concluso più indietro al quinto posto. Quella del Giubileo e’ l’unica casella mancante, per quel che riguarda le corse principali, di una riunione monopolizzata dal Team di Alduino e Stefano Botti che ha siglato le tre Listed del programma, tutte con la firma di uno scatenato Dario Vargiu. A cominciare la serie e’ stata Rose Secret nel Premio Gino e Luciano Mantovani, riservata a femmine di 2 anni sui 1500 metri in pista media. E’ nell’ordine delle cose che i 2 anni possano migliorare sensibilmente da una corsa all’altra, ancor piu’ se si tratta di puledri presentati dal team principe del nostro galoppo, notoriamente “prudente” con gli esordienti, non deve pertanto sorprendere piu’ di tanto il netto progresso di cui e’ stata protagonista la figlia di Sakhee’s Secret e Rose Celtic rispetto alla prova di debutto che l’aveva vista ben dietro a Mera di Breme. Oggi la portacolori di Stefano Botti e’ apparsa piu’ sveglia e brillante, Dario Vargiu l’ha interpretata con estrema fiducia portandola subito ai lati di Kilmokea, e ai fianchi della rivale ha temporeggiato sino ai 350 finali, poi appena richiesta ha allungato benissimo vincendo comoda e con stile assolutamente convincente. Dietro la vincitrice sono terminate le due allieve di Vincenzo Fazio, con Triana che ha sciorinato il bel parziale mostrato gia’ in occasione del vittorioso debutto finendo forte e battendo la compagna di allenamento Aisa Dream, che aveva seguito le mosse della vincitrice senza però riuscire a replicarne il cambio di marcia nell’ultimo furlong. Avengers Dream ha concluso al quarto su On The Floor, non si è invece espressa secondo le attese che l’esordio vittorioso sembrava suggerire Mera Di Breme, incapace di cambiare passo in retta. Il Premio Merano ha confermato la nuova dimensione acquisita da Chestnut Honey: dopo la vittoria sul miglio e mezzo nel Premio Italia, il portacolori della Effevi si e’ ripetuto in bello stile nella Listed sui 2000 metri: Dario Vargiu lo ha subito posizionato dietro il battistrada Thunderman, con il quale ha allungato ai 300 finali per passare in modo chiaro nelle ultime battute. Quarta vittoria in sette uscite per il figlio di No Nay Never, probabilmente pronto ad alzare il tiro gia’ dal prossimo autunno. Thunderman si e’ confermato soggetto solido, mentre Bel Ami ha completato il podio tutto Botti precedendo per il terzo posto Zoman. Meno incisivo del solito Passion Return, che ha perso meno metri del solito in avvio ma in retta non ha saputo replicare i finaloni di cui si era reso protagonista nelle ultime prove. La scuderia Effevi ha replicato poi nel De Montel, la Listed per maschi e castroni di 2 anni sui 1500 metri in pista media, grazie a Only Time: secondo nel Premio Bimbi, l’erede da Requinto e Young Americans si e’ espresso bene al primo esame con la curva, andando in pressing sul battistrada Way To Epsom per passare ai 250 finali e difendersi dopo vibrante testa a testa da Spirit Noir: i due se le sono “date” nell’ultimo furlong, il vincitore ha allargato verso l’esterno nei 100 finali intralciando l’azione dell’attaccante, la giuria ha azionato la sirena per rivedere il filmato ma ha poi convalidato l’ordine di arrivo. Terzo posto per Cool And Dry. Il team Botti si e’ aggiudicato anche il Premio Lombardia, l’Handicap Principale sui 2400 metri in pista grande per cavalli di 3 anni e oltre, grazie al finale a effetto di Menhuin. Con in sella Carletto Fiocchi, il portacolori della Ste.Ma. e’ scattato dalle retrovie e ha letteralmente volato i 250 finali, recuperando tantissimo sui primi per giustiziare in zona traguardo Blu Kraken che era passato in leggero vantaggio lungo lo steccato. In linea con i primi due sono terminati nell’ordine Full of Lying e Tout A Fait, con quest’ultimo sacrificato dalla deviazione verso l’interno del rivale che pero’ la giuria ha reputato non colpevole di sanzione. Natoire ha animato la prima parte di gara con Pretending, calando pero’ a meta’ retta. Ci ha messo tanto (aprile 2017) per ritrovare la via della vittoria, ma alla fine Harlem Shake ce l’ha fatta. D’altronde l’occasione offerta all’alfiere di Francesca Turri da questa edizione del Santiago Soto Sprint era ghiotta, considerata la distanza dei 1200 metri (la più piu’ adatta alle sue caratteristiche) e la caratura dei rivali, sicuramente piu’ malleabili di quelli che e’ solito affrontare. Piu’ veloce del solito al via, il cavallo di Marco Gasparini e’ stato da subito nel vivo della corsa, in terza posizione ai lati di Giocoforza e del battistrada Thousand Grands: quando ai 400 finali il portacolori della scuderia del Giglio Sardo e’ passato provando l’allungo, Harlem Shake lo ha tenuto nel mirino e nei 100 finali lo ha dominato chiaramente, con Dario Di Tocco che ha dato l’impressione di avere sempre il controllo della situazione. Giocoforza ha corso con coraggio, come anche Thousand Grands che ha difeso il terzo posto dal ritorno di Cracking Art, che ha compromesso la sua prova con una sgabbiata infelice.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Equitazione: Bucci vince il Longines Gran Prix a Crans Montana

Equitazione: Bucci vince il Longines Gran Prix a Crans Montana

16/07/2019 | 14:57 ROMA - Piergiorgio Bucci si è aggiudicato il Longines Gran Prix del concorso internazionale a 4 stelle di Crans Montana in Svizzera. Prestazione davvero stellare quella del cavaliere azzurro che - si legge in una nota - ha montato...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password