Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/10/2020 alle ore 19:01

Ippica & equitazione

06/07/2020 | 08:45

Ippica, all’Ippodromo Snai Sesana Coffee Col e Antonio Greppi protagonisti

facebook twitter google pinterest
Ippica Ippodromo Snai Sesana

ROMA - All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme sabato in notturna con delle corse interessanti. Mattatore della serata Antonio Greppi, che ha messo il suo sigillo su tre corse tra cui il Premio Nublosa, la prima prova della stagione riservata ai puledri di due anni che rappresentava la moneta più ricca della riunione. In sediolo a Coffee Col, il driver fiorentino partiva veloce e si presentava deciso sulla battistrada iniziale Century As per rilevarla al comando dopo 300 metri, ridurre il ritmo (con km iniziale in 1.22.3) e poi controllare senza troppi patemi il tentativo di attacco della rivale in retta. Media finale di 1.19.7 per questo erede di Pacha dei Greppi e Idra Etoile allenato da Vincenzo Mango. Century As chiudeva seconda su Corazon Font, che finiva bene in retta dopo essere scattato in terza ruota sull’ultima curva. Gli altri due successi arrivavano con altrettanti sorprendenti allievi di Robert Gramuller. Per primo toccava a Delux Ms nel Premio Assiette Normand: l’ospite sloveno gettava le basi del suo primo successo italiano con un lancio volante che gli permetteva di conquistare d’acchito il comando: Delux Ms proseguiva a passo spedito completando il km in 1.15 e poi chiudeva ancora forte al record di 1.13.7 resistendo all’agguato dell’appostata Tuberosa. Finiva bene a centro pista Ulisse Effe a far suo il terzo posto su Zalika, mentre il favorito Zip A Dee Doo aveva percorso dispendioso e si esauriva a traguardo lontano. Ancor più impressionante la vittoria di Adonis Cg nel Premio Vertedero: il tedesco stanava dopo 600 metri Vortice D’Amore, ne sfruttava il lavoro di demolizione ai danni del battistrada Vinicio, spostava in terza ruota sull’ultima curva e nonostante la chiusa velocissima pizzicava sul palo il cavallo di Gennaro Casillo a media di 1.13.8. Vortice D’Amore correva bene ma doveva arrendersi di fronte al sorprendente rivale, mentre Vinicio salvava il terzo posto da Zaira Dvs, onesta e nulla più. Gentlemen in azione nel Premio Soberania in sediolo a cavalli di 3 anni di proprietà: Bbking dei Greppi sfilava subito al comando su Bahama dei Greppi, controllava il pressing di Benur Risaia Trgf (km in 1.16), sull’ultima curva salutava i rivali e vinceva da assoluto dominatore, con Roberto Michelotto, a media di 1.15.3. Bahama dei Greppi rientrava per il secondo posto al generoso Benur Risaia Trgf, ancora in quota al terzo posto nonostante il tragitto interamente allo scoperto. Nel Premio Fortaleza, la prova sui 1640 metri per femmine di 3 anni, Bamby e Benedetta Jet, le due cavalle più attese, si eliminavano nella fase iniziale: provava la gara di testa Belena Jack riducendo per quanto possibile il ritmo (km in 1.20), ma Baltimora Op, guidata di Gennaro Amitrano per il training di Claus Hollmann, la avvicinava gradualmente all’esterno per sferrare un duro attacco al mezzo giro finale e passare infine negli ultimi metri, a media di 1.17, mentre allo speed Blancka regolava Brigitte per il terzo posto.
Dopo la sconfitta bruciante con Vortice D’Amore, Antonio Di Nardo si rifaceva nel Premio Nevera, l’handicap ad invito sul doppio km, con Zippo Bi: subito in quarta posizione, il biasuzziano spostava dopo 600 metri in anticipo su Vasty di Poggio, avvicinava gradualmente il battistrada Zeus di Girifalco, lo metteva sotto pressione nei 600 finali e lo batteva di precisione in zona traguardo a media di 1.15.8. Zeus di Girifalco lottava come un leone arrendendosi solo negli ultimi metri: più indietro concludeva al terzo posto Spritz Holz, mentre Vasty di Poggio aveva sbagliato sull’ultima curva quando era a contatto dei primi due. In chiusura, nel Premio Garganta, bel percorso di testa di Admiral Men: l’allievo di Massimo Trevellin guidato Alessandro Fonte volava al comando, teneva ritmo brillante spegnendo le velleità di Azzurra Pisana e in retta si salvava dal contemporaneo attacco di Abel del Ronco all’interno e Ajaccio all’esterno, i due terminati in quest’ordine alle spalle del vincitore che tagliava il traguardo a media di 1.14.8.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password