Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/06/2019 alle ore 20:48

Ippica & equitazione

30/04/2019 | 19:37

Ippica: all’Ippodromo SNAI La Maura, All About Bi fa la differenza nel Premio Giant Cat

facebook twitter google pinterest
Ippica SNAI

MILANO - Ultimo convegno del mese di aprile all’Ippodromo Snai La Maura in un martedi’ che ha visto in programma sette corse con le due prove piu’ ricche riservate ai cavalli di tre anni. Il Premio Giant Cat, la sfida sui 1650 metri per cavalli di 3 anni con partenza tra i nastri, non e’ sfuggita al favorito All About Bi, reduce da un convincente successo torinese ottenuto con chiusa notevole: il cavallo allenato da Paolo Mirabello e improvvisato da Francesco Di Stefano ha preso il comando delle operazioni in 300 metri e, ben cadenzato dal suo interprete, si e’ mantenuto sicuro in avanti sino in fondo, completando la sua fatica a media di 1.16.3. Alonso, soggetto macchinoso ma non privo di mezzi, si e’ impegnato costantemente all’esterno ed e’ rimasto generosamente in quota salvando di stretta misura il secondo posto dall’affondo conclusivo di Apple Time, con Alfa Wise As quarto a contatto e Admiral Grif piu’ attardato dopo incertezza iniziale, mentre al via aveva sbagliato irrimediabilmente Anayti D’Asti.
A togliersi la qualifica di maiden nel Premio Coming Up Cash e’ stato Armstrong Luis: il cavallo allenato da Matteo Restelli e guidato da Cesare Ferranti (una connection che funziona davvero bene) ha aggredito ai 400 finali Aleph Lux, che si era sbarazzato forse un po’ troppo frettolosamente della battistrada Ambaraba Cc Gnafa, e ne ha disposto facilmente in retta, a media di 1.14.2: terza al traguardo, Angola Jet e’ stata distanziata dall’ordine di arrivo per aver danneggiato ai 500 finali Anna Grif: al terzo posto e’ cosi’ rimasta Ambaraba Cc Gnafa.
Tra i due litiganti... Il proverbio calza a pennello per la vittoria di Zalabar Men nel Premio Workaholic, l’handicap ad invito per cavalli di 4 anni che dopo il ritiro di Zenobia Font, ha perso per errore iniziale anche Zodiac Dany Grif e Zute Holz: sono rimasti cosi’ in tre, con Zairon dall’ultima posizione ha attaccato duramente dopo 600 metri il battistrada Zeus Ross, costringendolo a 800 metri intermedi (dal 400 ai 1200) “feroci” senza pero’ riuscire a completare il sorpasso, complice la curva che ha permesso al rivale di rientrare. Zalabar Men dopo aver assistito spettatore interessato alla diatriba, in retta ha spostato ed e’ passato a redini basse, a media di 1.14.6, mentre Zeus Ross alla fine ha vinto il suo duello con Zairon.
A segno lunedi? ad Albenga con Zio Roc, Stefano Manzato si e’ prontamente ripetuto nel Premio Etico Gual, la “gentlemen” di giornata rieravate a cavalli di cat. F, sempre in sediolo ad un portacolori della scuderia Sant’Eusebio: nonostante il percorso esterno, Vida Loca Roc si e’ impegnata in una graduale risalita esterna, avvicinando il battistrada Un Grande Ido per passare facilmente in retta sul labile rivale e svettare a media di 1.14.2. Con bel finale a centro pista, Unuk Bi e’ emerso al secondo posto su Un Grande Ido, mentre la favorita Valeriass ha subito il calo drastico di Triglav ai 400 finali e non e’ riuscita a recuperare.
Piuttosto tirato lo svolgimento del Premio Mistic Love, la condizionata sui 1650 metri per cavalli di 4 anni valida come II Tris, con Zimarra che ha speso per sfilare in testa e ha completato il primo chilometro in un veloce 1.13.9 sotto il pungolo di Zibellino: la corsa e’ cosi’ venuta al bacio per l’attendista Zedo Kronos, che con Andrea Guzzinati in sediolo e’ risalito in terza ruota sul penultimo rettilineo sfruttando la schiena di Zinia Mow e poi in retta ha prodotto le battute migliori passando a media di 1.14.6. Si e’ presentato bene sulle piste italiane il francese Flash D’Arzal, che e’ finito forte in retta a bruciare sul filo di lana Zar Parlante per il secondo posto. Zarina York, seconda dal via, ha spostato ai 400 finali ed e’ entrata in vantaggio in retta ma nel tentativo di difendersi si e’ disunita sbagliando brevemente e finendo squalificata.
Bis per la connection Cristian Rizzo-Andrea Guzzinati nel Premio Italiano grazie al favorito Uramaki Lux: in testa dopo aver scambiato la posizione con Something, il portacolori della Fast Horse dopo un primo chilometro in 1.15.1 ha allungato sicuro nel finale svettando a media di 1.12.8: sfruttando un paio di varchi interni, Uncle Nico e’ emerso al secondo posto su Something.
Dopo una serie di ottimi piazzamenti, nel Premio Working Gal, la prova sui 1650 metri per cavalli di cat. G, e’ arrivato il meritato turno di Rene’ D’Orio: con Flavio Martinelli in sediolo, l’anziano allievo di Antonio De Felice ha risolto la prova di forza con una notevole progressione che neppure la curva affrontata per corsie proibitive (a causa degli anticipi di un paio di rivali) ha smorzato: Rene’ e’ passato netto in retta a media di 1.14.7 precedendo Ubaldo Jet e la novita’ per le piste italiane Ayral de Bougy, ancora in quota malgrado il percorso costantemente allo scoperto ai lati di Sisco Gan.

Copyright immagini: FOTO DENA - SNAITECH

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

ippica Snai san siro Way To Epsom

Ippica: all’Ippodromo San Siro si distingue Way To Epsom

15/06/2019 | 18:39 ROMA - All’Ippodromo Snai San Siro sabato di belle corse con a reggere il cartellone due condizionate sui 1400 metri in pista media per cavalli di 2 anni, divisi per sesso, molti dei quali alla prima esperienza con la curva (e...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password