Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2022 alle ore 21:06

Ippica & equitazione

12/10/2022 | 11:15

Ippica, all'ippodromo Snai La Maura il "Trofeo Mario Manfredi" se lo aggiudica Urla del Ronco con una bella finale

facebook twitter pinterest
Ippica all'ippodromo Snai La Maura il Trofeo Mario Manfredi se lo aggiudica Urla del Ronco con una bella finale

ROMA - – La 40^ giornata stagionale di trotto all'Ippodromo Snai La Maura di Milano ha fatto emergere tutte le qualità di Urla Del Ronco che si è aggiudicato l’edizione 2022 del Trofeo in memoria di Mario Manfredi, grande driver di origine mantovana che negli anni 50/60 fu protagonista a livello nazionale ed internazionale, ma che il destino gli fu beffardo a causa di un fatale incidente stradale a soli 37 anni. Sul circuito del trotto milanese, le prime due batterie hanno offerto i dieci partenti della finalissima in chiusura di convegno. Nel primo atto, per il Premio Polesella, si sono confrontati i cavalli di cat. G ed è stato Axe Zack ad imporsi di forza e con pieno merito: dopo aver costretto Urla del Ronco a spendere per guadagnare il comando, il cavallo di Manuel Galeazzi muoveva all’attacco del rivale al mezzo giro finale e in retta se ne sbarazzava, chiudendo a media di 1.15.6: terza dal via, Uetra Fel aveva a sua volta ragione di Urla del Ronco, mentre più indietro Vaclav Lux e Bassou Zs si accaparravano gli altri due posti validi per l’accesso alla finale. Nel Premio Tegù, per la seconda batteria, Boys Going In andava senza fatica in avanti, poteva impostare liberamente il ritmo ed entrava in vantaggio in retta, ma nei metri finali andava un pò in sofferenza e sul palo salvava solo una testa di vantaggio dall’affondo di un Bitols Spritz grintoso nel percorso esterno: Bb King usciva indenne da un agganciamento con Astecca Dimar nella fase iniziale, seguiva in terza posizione e manteneva sino in fondo il piazzamento, mentre Zanza Franck e Un Grande Ido completavano il quadro della finale. Nel Premio Nautilus G, per la finale del Trofeo, si presentava da favorito Axe Zack dopo la vigorosa prestazione della prova di apertura, ma Urla del Ronco sapeva prendersi la rivincita sul rivale grazie anche ad una perfetta interpretazione di Francesco Di Stefano: il figlio di Southwind Vernon doveva spendere al via per superare l’opposizione iniziale di Uetra Fel, e a quel punto il driver palermitano decideva di giocarsela a viso aperto, e anziché provare a rifiatare andava via di gas completando un km tutto d’un fiato in 1.13.5: nei 100 metri finali Urla del Ronco accusava comprensibilmente la fatica, ma stringeva i denti e riusciva a salvarsi di stretta misura dall’affondo di uno strepitoso Axe Zack, rivisto sui suoi migliori livelli. Media di 1.14.8 per il portacolori di Luca Crosetti, un decimo in più per lo sconfitto che però ha davvero poco da rimproverarsi. Terza dal via, l’appostata Uetra Fel completava il podio e il trionfo dello start: fuori quadro invece i penalizzati, con Bitols Spritz che sbottava di galoppo sul penultimo rettilineo quando stava progredendo bene in terza ruota e Bb King sulla curva finale quando però sembrava accusare il lungo tragitto in terza ruota. Falloso al debutto torinese ma autore di una convincente sgambatura, Esteban Bar realizzava un bel “numero” nel Premio Delmary Hanover, la condizionata sui 1650 metri per cavalli di 2 anni: prudente al via, l’erede di Charly du Noyer e Guendalina Bar allenato e guidato a Filippo Rocca affrontava all’esterno scoperto la prima metà gara, si accodava secondo sul penultimo rettilineo ma solo per un attimo, poi tornava all’esterno in pressing sul battistrada Egon Ferm di cui si sbarazzava appena in retta: il portacolori della Sant’Eusebio finiva in spinta e si imponeva media di 1.16.4 destando davvero una bella impressione. Alle sue spalle Espada e Elettra Bright terminavano alle piazze nell’ordine su Egon Ferm, calato drasticamente nel finale.

Una delle prove tecnicamente più interessanti del pomeriggio è stata il Premio Equinox Bi, l’invito sui 1650 metri per cavalli anziani dove Gennaro Casillo consegnava a Pietro Gubellini un Brivio D’Elite in grande spolvero: il portacolori della scuderia Opitergium era capace di rientrare al via ai rivali e di percorrere tutto d’un fiato il miglio al nuovo personale di 1.12.1, mai avvicinato: Ugolinast provava a muovere all’esterno a metà corsa anticipando le mosse di Burraio Op ma pagava lo sforzo già sull’ultima curva, così Burraio Op allo sprint prevaleva per il secondo posto sull’appostata Zonda Cup. Gentlemen in sediolo a cavalli di 3 anni nel Premio Briaschi, sul miglio: il favorito Damocle Degli Dei doveva reggere il pressing costante di Don Perignon, riusciva a crollarsi di dosso il rivale sull’ultima curva ed entrava in chiaro vantaggio in retta ma lì si gettava improvvisamente di galoppo: incollata alla sua scia sin dal via, Dorothy Moon, con Graziano Reggiani in sediolo, ringraziava e si imponeva a media di 1.15.5, mentre Don Perignon seppure provato chiudeva secondo su Divine Muttley staccata. Nel Premio Gill di Jesolo Calvados Bi riscattava prontamente lo sfortunato rientro patavino: con Max Castaldo in sediolo, il biasuzziano allenato da Alessandro Gocciadoro sfilava in breve al comando sul consenziente Countach e faceva corsa per proprio conto, trottando i 1650 metri a media di 1.12.2 per vincere in beata solitudine. Schema e ritmo imposto dal battistrada impedivano risalite per corsie esterne e così alle piazze terminavano Countach e Click Starlight, secondo le posizioni delineatesi dopo 200 metri

RED/Agipro

Foto credits Dena Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password