Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/08/2021 alle ore 18:04

Ippica & equitazione

19/07/2021 | 09:00

Ippica, all'ippodromo Snai Sesana emerge il talento di Davos dei Greppi

facebook twitter pinterest
Ippica all'ippodromo Snai Sesana emerge il talento di Davos dei Greppi

ROMA - All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme notturna del sabato che si è aperta con la prova di maggiore dotazione, il Premio Carlo Girardengo-Vincenzo Calzavara, che vedeva impegnati i puledri di 2 anni sui 1640 metri. Autore di un buon debutto sempre sulla pista, alla seconda uscita della carriera ha trovato la vittoria Davos dei Greppi: con Edoardo Baldi in sediolo, il cavallo di Roberto Biagini è stato bravo a capitalizzare il numero interno e a conquistare il comando sfruttando l’errore di Doritos Bi: il battistrada ha potuto gestire a piacimento i parziali percorrendo metà gara in 1.06 scarsi, poi nei 600 finali ha allungato controllando il ritorno all’esterno di Doritos Bi e in retta ha staccato i rivali per vincere a media di 1.19.7. Doritos Bi ha corso molto bene dopo l’incertezza iniziale ma nei metri finali ha comprensibilmente mollato la presa venendo rimontato da Dina Vald e Davis dei Greppi, che hanno così occupato gli altri gradini del podio.

Gran bella prestazione di Carpe Diem Col nel Premio Dosio Barillari – Lillo Delfini, la reclamare sui 1640 metri per cavalli d 3 anni: sistemata da Alessandro Muretti in seconda pariglia, la cavalla di Gennaro Casillo è scattata ai 600 finali sbarazzandosi con un solo parziale dei rivali si è isolata per centrare la seconda vittoria della carriera, a media di 1.15.1. Cannes dei Greppi ha seguito le mosse della rivale e pur non avendo il passo della vincitrice è emerso chiaro secondo: ha corso molto bene Calima di Poggio, scivolata in coda a causa di un errore iniziale e poi capace di progredire per corsie larghe e finire ancora molto vitale a centro pista in retta chiudendo al terzo posto. Ritorno alla vittoria per Cosimoprimo Cla nel Premio Paolo Lucchi – Tullio Cattel, la prova sul doppio km per i tre anni: attrezzato per la distanza, il cavallo di Manlio Capanna si è impegnato senza timori all’esterno avvicinando il battistrada Costante Jet che aveva potuto graduare a piacimento completando un primo km in 1.22.3: il battistrada ha aumentato progressivamente il ritmo nei 700 finali, ma Cosimoprimo Cla non ha mollato la presa e in retta ha piazzato l’ultimo affondo piegando il rivale proprio nei metri finali, a media di 1.18.4. Dietro i due non è riuscita a farsi minacciosa l’appostata Chantal Fb, che ha chiuso terza a contatto, mentre il favorito Criz si era estromesso sulla prima curva. Incursione vincente di Daniele Cuglini e della sua Valchiria Spin nel Premio Anfcat – Memorial Renzo Maccanti e Adelmo Pieri, la prova sul miglio per anziani di cat. D/E: la mossa vincente è stata quella di prendere la scia dell’attaccante Vasty di Poggio dopo 600 metri, lasciando al portacolori della scuderia Mistero il compito di lavorare ai fianchi la battistrada Tatanka Op che aveva speso per conquistare il comando: ai 500 finali Vasty di Poggio si è sbarazzato di Tatanka Op ma la portacolori di Cristiano Pepponi lo ha aggredito e in retta ha prodotto le battute migliori passando a media di 1.13.8. Gran bella vittoria per la figlia di Ideale Luis, che già a Cesena aveva mostrato grande condizione. Vasty di Poggio ha salvato il secondo posto da Zaira dei Veltri: l’atteso Uganeo Jet non è riuscito a farsi sotto nel finale.

Gentlemen protagonisti con cavalli di proprietà a “reclamare” nel Premio Giovanni Zacconi – Prisco de Rosa, sul miglio: Matteo Angeloni e Urbe del Ronco ci avevano già provato nella Tris di una settimana fa, stavolta la coppia è riuscita a portare a compimento il percorso d’avanguardia con un primo km tranquillo di poco sotto l’1.21 e una accelerazione nei 600 finali che gli ha permesso di tenere a distanza di sicurezza un comunque valido Zuko Legend, impegnato per gran parte del percorso allo scoperto. Zilli ha subito lo schema e ha poi fornito bel finale in retta che gli è valso il terzo posto. Unico soggetto dello start, Bel Gnaro Lucy ha inscenato la fuga vincente dominando da cima a fondo il Premio Roberto Berni – Pino Ferrero, la prova a resa di metri per soggetti di 4 anni: Davide Nuti ha fatto benissimo i conti in sulky al cavallo di Holger Ehlert sfruttandone a meraviglia le doti di passista,: il figlio di Mack Grace Sm è andato via sul passo guidando sul resto del gruppo sempre con un paio di lunghezze di vantaggio e in retta, un pò in affanno, ha eluso il bel finale di Budduso Lippi, progredito bene nei 250 finali, mentre l’appostata Bentley non ha trovato le forze per farsi minacciosa ma ha comunque chiuso al terzo posto.

Partenza decisiva nel Premio Massimo Lauri-Alfredo Palloni, la prova sul miglio per anziani di cat. F che ha chiuso la serata all’Ippodromo Snai Sesana: con Francesco Facci in versione “catch -driver”, Urali Op con un gran lancio è riuscito a conquistare il comando e si è potuto permettere un primo km comodo in 1.19 e spiccioli: la gara si è accesa sul penultimo rettilineo, quando la mossa di assisi Pax dalla seconda pariglia ha sospinto Spirit Roby a premere con maggiore decisione sul battistrada, il quale però ha reagito, con il favore della curva è rientrato al rivale e in retta è riuscito a respingere all’ultimo tentativo del rivale svettando a media di1.16.3. Valeriass ha seguito le mosse dei primi due e ha chiuso terza a contatto.

Copyright foto: Rosellini - Snaitech 

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password