Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/05/2021 alle ore 20:50

Ippica & equitazione

09/04/2021 | 15:47

Ippica, domenica a Capannelle il Premio Signorino e il Premio Saccaroa

facebook twitter pinterest
Ippica domenica Capannelle Premio Signorino Premio Saccaroa

ROMA - Domenica imperdibile all'Ippodromo Capannelle: pezzo forte di giornata il Premio Signorino sui 1800, listed che porta gli anziani al Repubblica. Ma rilevanti anche il Doria e il Saccaroa, ultimissime chiamate verso Parioli ed Elena. E come se non bastasse - si legge in una nota - anche gli handicap Principali: il tradizionale Cloridano sui 1200 in pista dritta per i soli tre anni, il Jebel Ali per le femmine sui 1500, il Mario Perretti, anche questo per femmine intergenerazionale e sull’impegnativa distanza dei 2000 metri, ed infine il WWF, canonico appuntamento per gli anziani sui 1500. Senza dimenticare, infine, l'interessantissima condizionata sui 2000, il Premio Tony Bin, quasi una chiamata verso il Derby o magari dopo due settimane per il Botticelli.
Il Signorino sui 1800 è una corsa piuttosto recente. La prima edizione nel 2006 fu stellare. Un decollo da quasi 120 di rating con Distant Way, Rammonti e Groom Tesse. Ma questa è corsa che ha sovente lanciato ottimi cavalli come Vol de Nuit, Principe Adepto, Romantic Wave e più recentemente è stata la volta di Perego, Time to Choose e Out of Time, primo al traguardo nella versione autunnale dello scorso anno segnato dalla pandemia.
Chi al via della edizione 2021? Un gruppo di eccellenti protagonisti in odore Repubblica e capeggiati proprio dall’ultimo laureato Out of Time, opposto al fresco vincitore del Natale di Roma Frozen Juke, con il ritrovato Attimo Fuggente e poi Baptism, Kendar Joy, Only Time e Axcelerator.
Passando alle femmine, grande attenzione per il Premio Saccaroa: 15 cavalle protagoniste, con in testa Al Siq che attirerà le maggiori attenzioni, ma meritano la citazione anche Deadline, Morellina, Tumiturbi, Zanfagna.
A fare da pendant del Saccaroa, ecco l'Alfonso Doria, sempre sui 1500 e davvero ultimo imbarco verso la grande classica del 25 aprile. L’ultimo laureato è stato Ranger in Paradise. Pronti a succedergli un gruppetto formato da Assalto, Capitan Miki, Doctor Strange, Guida’s Force, Please Exceed, You Make Me Shever, pochi ma buoni.
Gran spettacolo negli HP: nel Cloridano proveranno in 10 tre anni, nel Perretti saranno al via in ancora in 10, i protagonisti del Jebel Ali saranno 9 mentre quelli del WWF 11. Da non perdere assolutamente la condizionata sui 2000 per i tre anni, il Premio Tony Bin. In pista Boboalena, Canto Corale, Gleanearn, Hard Worker, Killer Mamba, Linosa, Resident Evil, Rio Natal.
Un programma per palati fini: otto corse dai 1200 fino ai 2000 metri, quasi tutte sulla pista grande (una sola corsa su quella dritta).
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password