Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/09/2021 alle ore 20:34

Ippica & equitazione

24/06/2021 | 16:07

Ippica, martedì 29 giugno i Gran premi Triossi e Turilli. Pautasso (dg Capannelle): "Concludiamo alla grande questa prima parte dell’anno"

facebook twitter pinterest
Ippica martedì 29 giugno Gran premi Triossi Turilli Pautasso dg Capannelle

ROMA - Chiusura in bellezza della stagione all’Ippodromo Capannelle. Martedì 29 giugno, dalle ore 16.00, prima grande giornata dell’anno per la specialità del trotto a Capannelle dedicata al Gran Premio Tino Triossi (€. 154.000 – gr. 1 – mt. 2.100 – per 4 anni europei) e al Gran Premio Gaetano Turilli – U.E.T. Master (€. 154.000 – gr. 1 – mt. 2.100 – per 4 anni e oltre di ogni paese), ma anche ultimo convegno in programma prima della chiusura di due mesi prevista nel periodo estivo, in attesa della ripartenza a settembre.
«Con la giornata dedicata ai Premi Triossi e Turilli concludiamo alla grande questa prima parte dell’anno. C’è soddisfazione perchè finalmente siamo operativi su entrambi i fronti, quello relativo alla presenza del pubblico a Capannelle (anche se per ora gli ingressi sono limitati a 1000 presenze) e quello delle scommesse, riaperte in tutta Italia. L’augurio naturalmente è che tutto preceda al meglio sul fronte della lotta alla pandemia per non dover più affrontare emergenze come quella vissuta finora». ha detto Elio Pautasso, Presidente di Federippodromi e Direttore generale Hippogroup Roma Capannelle. Per quanto riguarda i rapporti con il Mipaaf, «la Corte dei Conti ha approvato i decreti di ripartizione delle somme per i contratti, quindi la situazione si è finalmente sbloccata e si spera di non trovare più intoppi su questa strada. Da questo momento in poi ci dedicheremo alle opere di manutenzione estiva per farti trovare prontissimi alla riapertura della stagione a settembre», ha spiegato. 

GRAN PREMIO TINO TRIOSSI
Si annuncia un’edizione vivacissima che potrebbe regalare uno svolgimento avvincente. Nel campo dei partenti della classica riservata ai 4 anni europei (castroni esclusi) le uniche defezioni sono quelle degli stranieri e del solo Bepi Bi tra gli indigeni. 
Passato da alcuni mesi alle cure del Team Gocciadoro, Bengurion Jet si presenta da favorito al fondamentale impegno programmato sulla pista romana. Il figlio di Maharajah ha convinto in pieno nel test preparatorio disputato proprio a Capannelle la scorsa settimana (nel quale ha battuto Bleff Dipa, Bonjovi Mmg, Birba Caf e Bristol Cr che ritroverà nella circostanza) ma in precedenza aveva fatto ancora meglio dominando un'importante prova disputata in Danimarca il giorno della Copenaghen Cup e soprattutto stravincendo in stile imperioso il Gran Premio Regione Campania disputato all’ippodromo di Agnano. L’allievo di Alessandro Gocciaodoro ha già dato prova di poter essere incisivo in ogni schema di corsa ma dovrà far ricorso a tutta la sua duttilità per venire a capo di una contesa che gli proporrà la duplice difficoltà di non far gestire la corsa in avanti ai veloci Blackflash Bar e Bonjovi Mmg badando a non offrire il fianco - nella presumibilmente infuocata fase finale di gara - alla violenta progressione del derbywinner Bleff Dipa. Proprio l’allievo di Holger Ehlert ha dato prova negli ultimi mesi che la vittoria ottenuta lo scorso ottobre sulla pista romana nel Nastro Azzurro non era frutto di casualità ma di una continua maturazione agonistica ad altissimo livello. 
La corsa non si ridurrà comunque ad un match tra i due più attesi perché la leader femminile della generazione Blackflash Bar ha tutte le carte in regola (velocità iniziale, duttilità, forma e freschezza atletica in quanto dosata con molto acume negli impegni agonistici dal suo preparatore Fausto Barelli) per candidarsi al successo pieno, dovendo anche farsi perdonare l’ultima inattesa sconfitta patita a Napoli nel Gran Premio Regione Campania Filly ad opera di Birba Caf. Sarà l’allieva di Enrico Bellei, cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi mesi, ad ambire al ruolo di sorpresa della corsa. 
Penalizzato dal sorteggio del numero più alto della prima fila, un altro sicuro protagonista della contesa potrebbe essere Bonjovi Mmg, vincitore nel corso dell’anno delle classiche di Aversa e Firenze. Non si esauriscono con i nomi dei concorrenti già citati i motivi di uno splendido Gran Premio Triossi: Bristol Cr potrebbe far tesoro del numero 1 per migliorare i suoi già buoni piazzamenti, Billy Idol Jet (altra pedina del Team Gocciadoro) è il recente vincitore delle tappe classiche di Trieste e Padova ma la seconda fila lo penalizza notevolmente, Banderas Bi ha grinta, coraggio e tamburo per puntare almeno ad un piazzamento così come Belzebù Jet, duttile, veloce e in ottima forma che ha buona sistemazione alla corda in seconda fila. 

GRAN PREMIO GAETANO TURILLI
Se il Triossi ha una rosa discretamente ampia di favoriti e una serie di plausibili alternative, il Gran Premio Gaetano Turilli (che fa parte del circuito UET Master) , al contrario, si presenta come un match dal quale scaturiranno scintille per l’intero percorso tra due dei più forti anziani del nostro eccezionale gruppo di campioni del trotto (da completare con i nomi di Vivid Wise As, vincitore di questa corsa dodici mesi or sono, e Vernissage Grif solamente per citarne alcuni) : il campione del mondo Zacon Giò (vincitore a New York di un International Trot ma anche dell’ultimo Gran Premio Lotteria battendo un certo Face Time Bourbon, quest’ultimo indubbiamente considerato il più forte trottatore del momento, almeno per quanto riguarda l’Europa) e Alrajah One, il derbywinner 2019 che ambisce a ricalcare le imprese dei migliori nell’immediato futuro. 
Il sorteggio dei numeri ha sistemato i due indiscussi primattori della corsa uno di fianco all’altro - a strettissimo contatto dunque - e con posizione di lancio (il 2 per Zacon Giò e il 3 per Alrajah One) che, presumibilmente, vedrà innescarsi fin dal via una lotta furiosa per la conquista del comando e della posizione alla corda. Il numero all’interno assegna un indubbio, seppur relativo, vantaggio a Zacon Giò che potrà puntare ad anticipare sull’intero percorso le mosse del rivale dichiarato e magari giocare d’anticipo rubando il tempo. 
Non ha alcuna intenzione di accettare di doversi inchinare a Zacon Giò quel fenomeno di trottatore che risponde al nome di Alrajah One: approdato lo scorso anno alle cure del Team Gocciadoro il 5 anni da Maharajah ha dominato alcune delle più importanti prove del circuito classico per i 4 anni (Unione Europea a Modena, Continentale a Bologna, Biasuzzi a Treviso), è rientrato quest’anno impressionando a Napoli e sulla stessa pista ha poi vinto in maniera a dir poco perentoria il Gran Premio Freccia d’Europa: con la maturità agonistica il portacolori della My Horse sembra aver acquisito anche duttilità di impiego mentre il violentissimo cambio di marcia rimane una sua prerogativa di rara efficacia. 
Difficile, in sede di pronostico, ipotizzare un vincitore del Turilli edizione 2021 diverso dai nomi dei due indiscussi favoriti della corsa ma il francese Digne et Droit andrà tenuto in debita considerazione. Punterà con fondate speranze almeno ad un ottimo piazzamento e andrà preferito nel pronostico ad un Amon You Sm che continua a correre in maniera eccezionale raccogliendo meno di quanto meriterebbe. 
Sarà decisamente meno facile il compito per gli altri otto in campo: Deimos Racing sembra sacrificato dal numero esterno della prima fila, e va quindi posposto a Zefiro d’Ete e al coraggioso Antony Leone. Può essere definito “decoubertiniano” il tentativo dei cinque che partiranno in seconda fila con Toscarella e Vincerò Gar che comunque dovrebbero far meglio di Arnas Cam, Zadig del Ronco e Vulcan Black. 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password