Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/11/2020 alle ore 17:29

Ippica & equitazione

03/11/2020 | 18:37

Ippica: all'Ippodromo La Maura brilla Ari Lest nella quarta eliminatoria del Winter Challange per i 4 anni

facebook twitter google pinterest
Ippica: all'Ippodromo La Maura brilla Ari Lest nella quarta eliminatoria del Winter Challange per i 4 anni

ROMA - All’Ippodromo Snai La Maura convegno di trotto che ha visto come prova di cartello della giornata, si legge in una nota, la Quarta eliminatoria del Winter Challenge riservata ai 4 anni. Ari Lest, dall’estate in poi, si era cimentato nel giro classico, centrando a sorpresa la prova maschile del Città di Torino ma poi confermando di meritare un ruolo tra i migliori della generazione con il piazzamento nel Nello Bellei. Le ultime sortite non erano state fortunate, e così il betting si presentava aperto anche ad Allegra Ok e All of Host (che ha ricevuto attenzioni) mentre Atena Wf era l’unica considerata fuori dai giochi. Il figlio di Pascia’ Lest ha fatto valere la sua classe regalando ad Alessandro Gocciadoro il secondo centro del pomeriggio, ma Allegra Ok si è dimostrata cavalla coriacea: sfilata al comando dopo un quarto veloce su All of Host (che al via aveva saltato Ari Lest), l’allieva di Pietro Demuro ha provato a far pesare la risalita al rivale “sparando” un penultimo quarto in 28 secchi e poi provando un’estrema difesa in retta, ma Ari Lest ha proseguito nello sforzo e nei 100 metri finali è passato, di misura ma chiaramente, svettando a media di 1.12.2, mentre All of Host non è riuscita a incidere in retta e si è dovuta accontentare della terza moneta.
Ancora meglio di quanto aveva fatto vedere nel già eccellente debutto, By Luca di Venere ha prontamente riscattato il passo falso dell’ultima uscita dominando i rivali nel Premio Korvette Hanover: evitate esitazioni in avvio, il cavallo di Mauro Baroncini con Andrea Farolfi in sediolo è andato subito al comando, ha accelerato (penultimo quarto in 28.9 ) quando Blazing As ha provato a far sentire la sua presenza e si è progressivamente staccato per vincere isolato a media di 1.13.2, naturalmente nuovo personale. Ottima impressione davvero per un soggetto pronto per affrontare altri contesti. Blazing As ha pagato lo sforzo ed è stato sopravanzato in retta da Bjorn Op (dopo tragitto costantemente all’esterno) il quale però a sua volta ha subito l’affondo dell’appostata Beautiful Mind Op. Al via aveva sbagliato Bengurion.
Nel Premio Brads Photo è arrivato il turno di Chrono EK: alla quarta uscita della carriera (la terza da quando è arrivato nelle scuderie di Noceto), il cavallo di Alessandro Gocciadoro è sfilato dopo 400 metri su Come Chuck Sm, ha ribattuto alla puntata di Capoclasse Italia (giocato) e nell’arrivo lento (32 l’ultimo quarto) ha controllato il nuovo tentativo del rivale, comunque generoso. L’appostato Come Chuck Sm è rimasto in quota sino in fondo ma senza migliorare e nei metri finali è stato battuto per il terzo posto da Craken As, in buon recupero nei 600 finali dopo avvio lento.
Bella prestazione di Avenida di Ruggi nel Premio Ima Lula, l’invito sui 2250 metri per cavalli di 4 anni. La cavalla di Claus Hollman con Francesco Tufano in cabina di regia è stata capace di bruciare allo speed Alonso: eppure l’allievo di Cristian Rizzo dopo aver graduato a piacimento (km in 1.19.6), sull’ultima curva ha cambiato marcia chiudendo forte, ma Avenida ha saputo tenere il contatto, in retta ha spostato e nei metri finali ha stampato il rivale: il quarto finale in 28.4 e l’ultimo km in 1.13.8 testimoniano la bontà della prestazione della vincitrice ma anche quella dello sconfitto, che ha poco da rimproverarsi. Alinaz ha tenuto il contatto chiudendo terza: al via aveva sbagliato Armoric.
Altro arrivo serratissimo e ancora un favorito beffato in zona traguardo nel Premio Lagas Bi, la prova sui 1650 metri con i gentleman in sediolo: Zia Pina Gnafa’ ha provato la consueta gara di testa, ma l’allieva di Cristian Rizzo ha un pò preso la mano a Filippo Monti nella prima parte di gara (600 iniziali in 43.2) e in retta si è così esposta al finish di Zorro Code: con Enrico Colombino in sediolo, il cavallo di Andrea Guzzinati si è scoperto al mezzo giro finale e in dirittura si è prodotto in un rush notevole acciuffando la rivale proprio sul filo di lana. Media di 1.13.5 per entrambi, con Victory Gar al terzo posto. Al via aveva sbagliato Zebra Jet.
Corsa “al bacio” e netta affermazione per Bangla D’Esi nel Premio Keystone Impala: seconda in corda, la cavalla allenata e guidata da Mauro Baroncini (al doppio come trainer) ha sfruttato il “lavoro sporco” di Briseide Pal, che all’esterno nell’ultimo giro ha impegnato la battistrada Beautiful Day e l’ha “stesa” appena in dirittura: Bangla D’Esi a quel punto è entrata in azione e ha fatto un sol boccone della rivale, svettando a media di 1.14.1: Briseide Pal si è dovuta accontentare della seconda moneta, mentre Beautiful Day, esausta, ha perso anche il terzo posto ad opera di Bokonella Run.
Con una giravolta perfetta, Tinto del Nord e Lorenzo Besana hanno gettato le basi per il loro successo nel Premio Kading, la prova a resa di metri per soggetti di cat. C/E/G che ha chiuso il pomeriggio: subito secondo, il portacolori della scuderia Giuly è passato dopo 600 metri sull’accondiscendente Ultrasonido, in retta ha allungato e ha eluso senza problemi, a media di 1.14.4 sui 1670 metri, il buon finale di Revillon, emerso al secondo posto su Ultrasonido.
 

Copyright immagini: FOTO DENA - SNAITECH SPA

 

RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password