Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/12/2019 alle ore 15:30

Ippica & equitazione

16/11/2019 | 19:01

Ippodromo La Maura: Baresi Effe, Banderas Bi e Bristol Cr protagonisti

facebook twitter google pinterest
Ippodromo La Maura: Baresi Effe Banderas Bi e Bristol Cr protagonisti

ROMA - All’Ippodromo Snai La Maura un sabato di qualità incentrato sulle tre batterie del Premio Mipaaf per i giovanissimi. Se il buongiorno si vede dal mattino, con la leva 2016 è lecito sognare visto che i vincitori di tutte e tre le batterie si sono espressi sotto il precedente primato della pista per un 2 anni sulla distanza, 1.15.7, firmato nel 2016 da Von Wise As. Ha cominciato Baresi Effe nella prima batteria, si legge in una nota, imponendosi a media di 1.15.5: il portacolori del signor Giuseppe Mulè allenato e guidato da Marco Volpato era reduce dalla prova non del tutto convincente nella divisione maschile del Premio Anact, ma nelle precedenti uscite della carriera aveva sempre dimostrato di essere un puledro molto promettente: qui, forte del miglior numero di lancio, ha avuto schema perfetto seguendo terzo in corda dietro Belen Hall Fas (che dopo aver conquistato il comando aveva concesso strada a Bella Winner), guadagnando una posizione quando la rivale ai 500 finali ha spostato per portarsi all’attacco della battistrada, infine trovando un bel varco in retta per impallinare Belen che era passata sulla calante battistrada. Blue di Girifalco dalla quarta posizione ha mosso all’esterno in scia a Belen Hal Fas nei 500 finali e ha seguito la rivale terminando terza. L’ultimo posto utile per la finale (in programma l’8 dicembre a Napoli) lo ha acciuffato Bolero Grif, finito forte tra i cavalli in retta. Fuori quadro Bahamia, che ha avuto percorso non facile e non ha recuperato nei 500 finali. 
Ha fatto ancora meglio Banderas Bi nella seconda batteria, confermando l’ottima impressione di Bologna: il portacolori della Regina Horses nelle mani di Roberto Vecchione è sfilato in testa dopo 400 metri sul consenziente Bubble Effe, ha percorso un primo km tranquillo in 1.18.4 ma ha cambiato decisamente registro nella seconda tornata volata sul piede dell’1.13: ai 300 finali l’allievo di Holger Ehlert si è staccato e ha vinto netto, aggiornando il primato della pista per un 2 anni sulla distanza dei 2250 metri a 1.15.1. Ottima seconda Babirussa Jet, che ha affrontato all’esterno scoperta l’ultimo giro veloce ed è rimasta in quota sino in fondo, e bene anche Bolero Gar, che ha seguito la coetanea nella risalita esterna chiudendo terzo, mentre a largo intervallo Boston Wise L ha concluso al quarto posto con l’aiuto della sorte: al termine dell’ultima curva infatti Bubble Effe, secondo dietro Banderas Bi, ha sbagliato coinvolgendo i rivali che lo seguivano, ovvero l’alleato Burt Rl, Briosuss e anche Boston Wise L che era il fanalino di coda e pure in calo: l’allievo di Massimo Finetti pero’ e’ stato l’unico a rimettersi di trotto e ha cosi’ strappato il pass per la finale. Degli altri, aveva sbagliato nella fase iniziale Baccani. 
Pronostico confermato anche nella terza batteria, dove Bristol Cr ha centrato il quinto successo della carriera sulle sei uscite disputate. Il portacolori del signor Nunzio Squeglia allenato da Sabato Bevilacqua non è soggetto appariscente nel fisico ma sa fare tutto bene: dopo partenza prudente, Gaetano Di Nardo lo ha mosso all’esterno presentandosi e ottenendo strada da Belzebu Jet: dopo un km iniziale in 1.18.1, il figlio di Owen Cr ha progressivamente accelerato sull’avanzata di Bleff Dipa e al termine di 400 finali in 28.5 si e’ staccato autorevole in retta, chiudendo a media di 1.15.3. Bleff Dipa ha corso alla grande, risalendo da fondo gruppo nel secondo km veloce e resistendo ancora al secondo posto sull’appostato Belzebù Jet, mentre Barbaresco Grif di misura ha centrato il quarto posto su uno sfortunato Barolo Roc, ancora chiuso all’ingresso in retta e poi lanciato in un bel finale che però gli è valso solo il quinto posto. 

Altrettanto interessanti e qualitative le prove di contorno. Hanno aperto il pomeriggio i cavalli di 3 anni impegnati sui 1650 metri del Premio Elinor Cik, dove ha proseguito la sua marcia da “rullo compressore” Always Ek, giunto al terzo successo consecutivo (il settimo nelle nove uscite nella gestione Gocciadoro): il portacolori della scuderia Effebi con Federico Esposito in sediolo ha mosso sul penultimo rettilineo raggiungendo Alpago Wf (che era sfilato dopo 600 metri in 42.5) e lo ha messo ko in retta per svettare al nuovo record di 1.12.4. Alpago Wf pur con l’attenuante della spesa iniziale, è apparso piuttosto remissivo perdendo in retta anche il secondo posto da Antelope Gar che era stata la battistrada iniziale. 
Un Federico Esposito sempre più calato nel ruolo di “sicario” per il team Gocciadoro ha concesso il bis con Zanzibar Wise As nel Premio Indro Park, la maratonina sui 2700 metri riservata a cavalli di 4 anni: a conferma che i 2250 metri de La Maura sono distanza da… maneggiare con cura, la portacolori della Horses: Our Passion si è imposta dopo gara d’estrema attesa, piazzando 300 finali violenti per passare di slancio in retta, a media di 1.15.1 sui 2720 metri. Zara Caf dopo una piccola titubanza sull’ultima curva (era davanti alla vincitrice, in schiena all’attaccante Zeno del Ronco), si è riorganizzata in retta finendo forte a battere per il secondo posto Zè Maria: quest’ultimo, passato a condurre dopo poco meno di un km sull’altra allieva di Gocciadoro Zaragoza, ha dovuto sorbirsi l’attacco di Zeno del Ronco ad 800 dal traguardo, e i due hanno pagato la lotta calando in retta. 
Con l’errore iniziale di Vae Victis Club, con il quale si stava disputando il comando, Versus All sembrava aver messo una seria ipoteca sul discorso-vittoria nel Premio sembrava avere spianato la strada verso la vittoria a Versus All: una volta in testa, Santo Mollo è andato via a tutto gas per impedire ai rivali di avvicinarlo, ma non ha fatto i conti con l’appostata (e trascuratissima) Viola Trio: in forma smagliante da diversi mesi, la cavalla di Paolo Leoni e Marco Azzaroni con Marco Stefani in sediolo è rimasta incollata come un’ombra al rivale e in retta ha piazzato l’agguato, svettando a media di 1.11.5, nuovo personale. Al terzo posto Uraniuss, così come da posizioni assestatesi al via. 
Dopo la vittoria di Baresi Effe nella prima batteria del Premio Mipaaf, per l’appassionato proprietario Giuseppe Mulè è arrivato un altro successo nel premio Vampire Dany, l’invito sui 1650 metri per cavalli di 3 anni, con il riscatto di Allegra Gifont, reduce dall’errore nel Mangelli Filly in cui partiva tra le più attese. Lo schema ha favorito l’allieva di Gennaro Casillo guidata da Antonio Di Nardo: Axel Chuc Sm, infatti, al comando si è opposto ad Aber dell’Olmo, il quale è passato al prezzo di un km iniziale in 1.11.6 ma a quel punto il destino era segnato per il pur valido allievo di Mauro Baroncini, che in retta non ha potuto parare la progressione di Allegra Gifont, progredita per corsie esterne nel mezzo giro finale e passata di slancio in retta, firmando con 1.12.5 l’ennesimo record del pomeriggio. 
I gentleman erano protagonisti nel Memorial Arnaldo Uccelli in sediolo a cavalli di 4 anni, sui 1650 metri: l’errore al via di Zahire Bi ha reso semplice il compito di Zeudi Amg, che Matteo Zaccherini dopo partenza prudente ha portato con la massima gradualità sulla battistrada Zoe Amg per passare già al km e poi controllare senza patemi il tentativo di Zilli. Al terzo posto è tornata Zahire Bi, autrice di rincorsa strepitosa dopo i tantissimi metri persi al via.

RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Equitazione FEI Nations Cup: ecco il calendario 2020

Equitazione, FEI Nations Cup: ecco il calendario 2020

13/12/2019 | 18:00 ROMA - La Federazione Equestre Internazionale ha divulgato il calendario delle tappe del 2020 della Longines FEI Nations Cup Europa Divisione 1 di salto ostacoli. Saranno anche per il 2020 sette gli appuntamenti della massima...

FEI World Cup: Azzurri pronti per La Coruña

Equitazione, FEI World Cup: azzurri in campo a La Coruna

13/12/2019 | 14:50 ROMA - Saranno sei gli azzurri che durante il prossimo fine settimana scenderanno in campo nella settima tappa di FEI World Cup di salto ostacoli a La Coruna, in Spagna. La scelta della Fise - si legge in una nota - è ricaduta...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password