Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/10/2022 alle ore 20:35

Ippica & equitazione

28/06/2022 | 16:00

Italia Polo Challenge, Giachetti (Fise): "Grazie Arzachena per aver creduto nel polo, saranno giorni splendidi"

facebook twitter pinterest
Italia Polo Challenge Giachetti (Fise): Grazie Arzachena per aver creduto nel polo saranno giorni splendidi

ARZACHENA (SS) - Lo spettacolo del polo è sbarcato in Sardegna. Dal tutto esaurito di Piazza di Siena al campo sportivo di Abbiadori, che da mercoledì sera sarà il teatro della tappa di Arzachena di Italia Polo Challenge, circuito di arena polo ideato da Patricio Rattagan e organizzato in collaborazione con la FISE. «Dopo il successo dello scorso anno, siamo pronti a vivere un altro grande evento con protagonisti i cavalli, a cui va il mio ringraziamento per aver viaggiato in nave ed essere qui con noi a dare spettacolo - ha spiegato Alessandro Giachetti, coordinatore del dipartimento polo della FISE -. Prima di tutto, da parte nostra, c'è il rispetto per gli animali e per un territorio splendido come quello che circonda Arzachena, località che ha creduto sin da subito nell'importanza di Italia Polo Challenge, ed è per questo che ringrazio il sindaco Ragnedda e tutta l'amministrazione comunale. Grazie anche al Consorzio Costa Smeralda e al suo direttore generale Massimo Marcialis, a Sgaravatti Group che ha "vestito" il villaggio attorno al campo di Abbiadori e a tutti gli operai che hanno lavorato intensamente per far sì che tutto venisse organizzato nel migliore dei modi. Attraverso eventi come Italia Polo Challenge, costruiti all'insegna della sostenibilità e dell'immersione nella natura, il nostro obiettivo è quello di far conoscere il polo, soprattutto alle nuove generazioni: non è un caso che a Piazza di Siena si sia esibita la prima squadra di polo della storia della Sardegna. Giovani campioni che rivedremo anche qui ad Arzachena.

Grande appassionato di polo anche roberto Ciufoli che ammette «ho il polo nel cuore». Per questo, dopo essere stato ospite speciale della tappa del Galoppatoio di Villa Borghese, all'interno dello CSIO di Piazza di Siena, l'attore non è voluto mancare neanche nella sfilata che ad Arzachena ha aperto la tappa sarda di Italia Polo Challenge. «Sono innamorato dei cavalli e di questo sport, sostenuto da una grande federazione come la FISE, circondato da una grande atmosfera di amicizia e ospitato in posti splendidi come Piazza di Siena e, ora, Arzachena - prosegue Ciufoli -. Non c'è una cosa che nel polo non sia piacevole». Durante Italia Polo Challenge, si esibiranno anche i giovani campioni sardi di Polo Pony: «È importante che al polo ci si avvicinino soprattutto i giovani, perché è uno sport fisico e impegnativo, e i giovani che hanno un rapporto con lo sport e con i cavalli attraverso il polo riescono a stabilire un rapporto con un altro animale, in questo caso il cavallo, che nel polo "comanda". E mi auguro che prima o poi venga realizzato, anziché un film western, un film sul polo». Se, a Piazza di Siena Ciufoli, aveva invitato José Mourinho, allenatore della Roma, a vedere una partita di polo, stavolta da buon romanista racconta l'incontro con un altro campione: «Giocare con Gabriel Batistuta è stata una grandissima emozione, vista anche la mia nota fede calcistica - ha concluso Ciufoli -. Non solo abbiamo giocato, abbiamo anche vinto».

«Per noi è una grande emozione poter ospitare Italia Polo Challenge anche quest'anno». Così il sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, dopo la sfilata dei cavalieri che ha aperto la tappa sarda del circuito di arena polo organizzato in collaborazione con la FISE (Federazione Italiana Sport Equestri). «Ed è un'emozione - prosegue Ragnedda - ascoltare la Brigata Sassari e veder sfilare i cavalli e i cavalieri. Questa manifestazione rappresenta un momento di promozione per far visitare il nostro centro storico». Le località di Poltu Quatu, Porto Cervo (Costa Smeralda), Baja Sardinia e Cannigione sono conosciute soprattutto per la bellezza del mare e delle spiagge, ma c'è tanto altro da scoprire. «Il nostro è un comune territorio - conclude Ragnedda -, che ci permette di mostrare ai nostri visitatori il mare e le spiagge, ma anche tanto altro: i nostri borghi, la cultura e l'identità. Un bel mix tra mare ed entroterra, che vogliamo valorizzare anche attraverso eventi come Italia Polo Challenge».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password