Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2021 alle ore 20:55

Ippica & equitazione

06/11/2021 | 08:40

Jumping Verona 2021: la firma di Fredricson sul Premio n. 3 presented by Regione Siciliana

facebook twitter pinterest
Jumping Verona 2021 Fredricson

ROMA - Un appassionante Premio n. 3 presented by Regione Siciliana (cat. mista, h. 1,55; 51.100 €), valevole anche come qualifica per il Longines FEI World Cup Grand Prix presented by Volkswagen (h. 1.40/1.60; 190.000 €) di domenica, ha concluso la prima giornata di gare del CSI5*-W di Jumping Verona 2021.
Ben sedici binomi si sono infatti qualificati per il barrage decisivo, al quale ha però rinunciato la statunitense Jessica Springsteen con Don Juan van de Donkhoeve. E qui l’ha spuntata il 49enne svedese Peder Fredricson, attuale numero 1 del mondo, quest’anno grande protagonista soprattutto per l’oro a squadre e l’argento individuale all’Olimpiade di Tokyo e il bronzo europeo individuale a Riesenbeck.
Tornato in campo per ultimo, con H&M Christian K ha chiuso in uno strepitoso 34”68 soffiando la vittoria all’olandese Willem Greve, che con Highway M TN aveva chiuso il barrage in 34”74. Il podio è stato completato dal colombiano Carlos Enrique Lopez Lizarazo, il quale con Admara in 34”98 era stato il primo a scendere sotto i 35”.
«È stato un jump-off particolarmente impegnativo, con tanti cavalieri e tutti di grande livello - il commento di un Fredricson particolarmente soddisfatto - Sono andato in campo per ultimo e questo è stato un vantaggio: un’altra buona giornata, per me e per H&M Christian K. È davvero un buon cavallo, con esperienza, molto rapido nelle girate: ora si riposa un po’ e lo ripresenterò nel Gran Premio di domenica, nel quale l’avversario che tempo di più è Martin Fuchs».
L’unico italiano in barrage è stato Riccardo Pisani, dodicesimo con Chaclot (4, 38”69).

A SEGNO ANCHE JESSICA SPRINGSTEEN E OLIVIER PHILIPPAERTS

Le gare del CSI5*W a Jumping Verona 2021 si sono aperte nel segno di Jessica Springsteen. Già vincitrice due volte in passato a Verona, la 29enne amazzone statunitense si è infatti aggiudicata il Premio n. 1 presented by Safe Riding (cat. a due fasi consecutive, h. 1,45; montepremi 5.000 €).
In sella alla saura 14enne Tiger Lily, Jessica ha lasciato i gradini più bassi del podio a due cavalieri italiani: Filippo Marco Bologni, secondo su Quidich de la Chavee, e Luca Marziani, terzo con Don't Worry B. I tre sono stati gli unici a completare il percorso scendendo sotto i 31”: la Springsteen, argento olimpico a squadre a Tokyo e attuale n. 33 nel ranking FEI, in 30”39 ha preceduto Bologni di 56/100 e Marziani di 57/100.
Una vittoria straniera anche nella seconda gara CSI5*-W di Jumping Verona 2021. Il Premio n. 2 presented by Banca Passadore (cat. a tempo, h. 1,50; 25.400 €) è andato infatti al 28enne belga Olivier Philippaerts: l’Italia evidentemente porta bene al suo Miro, un castrone di 9 anni con il quale aveva ottenuto un successo nel maggio scorso a Piazza di Siena. Philippaerts con il tempo di 59”45 ha battuto al fotofinish l’irlandese Mark McAuley, che in precedenza con O’Hara ELS aveva fermato il cronometro su 59”46. Il podio è stato completato da Riccardo Pisani, terzo con Charlemagne JT Z in 60”83.

TOP TEAM LA ‘NOVITÀ’ DI JUMPING VERONA

Il programma di Jumping Verona 2021 propone oggi una novità assoluta: la prima edizione della Top Team, competizione riservata a squadre composte da cavalieri e amazzoni di varie nazionalità, tra i migliori al mondo. Sarà l’evento pilota di un’idea che ha l'obiettivo di dare visibilità e rilevanza ai team, all’interno di CSI5*-W di grande tradizione e importanza, per arrivare in futuro a creare magari una ranking list di squadre e patron e concludere l’annata agonistica celebrando il team più forte del jumping internazionale. L’iniziativa consolida la partnership tra Fieracavalli e Scuderia 1918, che suggellano la loro alleanza con questo appuntamento previsto sul campo gara del Pala Volkswagen (Padiglione 8) alle ore 16.30 con la denominazione di Top Team Charity Cup presented by Selleria 1918 (cat. a tempo; h. 1.45/1.60).

LE SQUADRE - Il team di Scuderia 1918 sarà formato da Lorenzo De Luca e Giulia Martinengo Marquet, dal tedesco Daniel Deusser, dalla statunitense Jessica Springsteen e dal francese Kevin Staut. Quello di Jumping Verona sarà invece composto da Luca Marziani, dallo spagnolo Sergio Alvarez Moya, dallo svizzero Martin Fuchs, dal brasiliano Marlon Modolo Zanotelli e dal belga Olivier Philippaerts.

Kevin Staut è entusiasta di questo nuovo progetto: «La tradizione va conservata e difesa, nel nostro sport, ma bisogna anche guardare avanti, con un occhio di riguardo alle evoluzioni intelligenti, nel tentativo di allargare il numero degli appassionati che già adesso ci seguono davvero numerosi. E un format come questo, rapido, essenziale, con la partecipazione dei migliori cavalieri, è sicuramente una proposta interessante. Sono proprio curioso di vedere come risponderà il pubblico».

FORMAT - Gara a tempo h 145-150; due team di 5 cavalieri ciascuno; un cavaliere del team 1 sfida un cavaliere del team 2, il vincitore in base a penalità e tempo conquista 1 punto; per ogni team vengono sommati i punti conquistati dai propri 5 cavalieri, vince il team che accumula più punti.

CHARITY - Ogni ostacolo superato senza penalità genera un montepremi che Scuderia 1918 darà in beneficenza a due progetti (a favore dell’amazzone paralimpica Sara Morganti e dell’associazione Saving Penguins) scelti in base alle preferenze del pubblico, che potrà votarli utilizzando un QRcode presente ovunque in fiera. Il montepremi generato durante la Top Team sarà diviso in proporzione alle preferenze.


GRAN PREMIO FIERACAVALLI 123X123 E ITALIAN CHAMPIONS TOUR: DAY 2

Nella seconda giornata di Jumping Verona, si sono disputate altre due gare del Gran Premio Fieracavalli 123x123, atto finale di un circuito di tappe distribuite su tutto il territorio nazionale che anche quest’anno ha riscosso grande successo. Tre le categorie previste, ciascuna con differenti difficoltà: Bronze riservata a Brevetto e 2º grado, Silver a 1º grado e Gold a 1º grado e 2º grado.
I successi sono andati a Federica Di Properzio (Nancledra; 0 pen., 19”59) nella Bronze presented by Pegus (cat. a due fasi, h. 1,15) e Alessandra Rensi (Wessel; 0 pen., 20”25) nella Silver presented by Tattini (cat. a due fasi, h. 1,25). La categoria Gold presented by Amahorse (cat. a tempo, h. 1,35) è prevista invece domani, sabato. Sempre domani si disputeranno la finale Bronze presented by Berton Rimorchi (cat. a due manche, h. 1,15; 10.000 €) alle ore 10:00 e la finale Silver presented by Clabel (cat. a due manche, h. 1,25; 15.000 €) alle ore 11.05. La finale Gold presented by Volkswagen, infine, è programmata per domenica mattina.
Seconda giornata di gare anche per il Final Event by Fieracavalli della prima edizione di Italian Champions Tour. Le due gare odierne (cat. a tempo di h. 1,20 per la Gentlemen Riders e di 1,45 per la Sport), entrambe presented by Regione Siciliana Assessorato Sport e Turismo, sono servite a definire i partecipanti alle finali di domani: alle ore 12.10 si disputerà quella Gentlemen Riders (cat. mista, h. 1,20) e alle ore 13.15 quella Sport (cat. mista, h. 1,45), anche queste presented by Regione Siciliana Assessorato Sport e Turismo.
RED/Agipro

Foto Ph. JV / M. Proli

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password