Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2021 alle ore 14:51

Ippica & equitazione

07/06/2021 | 09:33

Oaks d'Italia, all'Ippodromo Snai San Siro vince Eulaila con Dario Vargiu in sella. Ospiti d'eccezione il sottosegretario del Mipaaf, Francesco Battistoni, e il ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini

facebook twitter pinterest
Oaks dItalia Ippodromo Snai San Siro Eulaila Dario Vargiu

ROMA - Nella domenica "speciale" all'Ippodromo Snai San Siro di Milano, con il clou del programma di corse nella 112^ edizione delle Oaks d'Italia, sono stati ospiti d'eccezione il Sottosegretario del Mipaaf con delega all'ippica, Sen. Francesco Battistoni, e il Ministro per gli Affari regionali e le autonomie, On. Maria Stella Gelmini. Ha fatto gli onori di casa l'Amministratore delegato di Snaitech, Fabio Schiavolin, che ha presentato il nuovo progetto dello "Stadio Equestre", in cui le specialità del galoppo, degli ostacoli, del trotto e dell'equitazione, si disputeranno dalla fine del 2022 in un unico impianto ippico, quello dell'attuale Ippodromo Snai San Siro. Gli ospiti hanno assistito al convegno di corse con grande entusiasmo ed ammirazione, soprattutto quando in pista è stato disputato il Premio Oaks d'Italia, prova di Gruppo II riservata alle femmine di 3 anni sulla distanza di 2200 metri sulla pista grande. E partiamo proprio dalla 112^ edizione delle Oaks d’Italia con Dario Vargiu, il jockey italiano più vincente tra quelli in attività, che centra il suo primo “derby rosa” con Eulaila. Alla vigilia era difficile pensare che riuscisse a sfatare il tabù proprio quest’anno, appena rientrato (a tempo record, tanta era la voglia di esserci) da un brutto infortunio e in sella a una cavalla come Eulalia che, pur arrivando imbattuta all’appuntamento, non figurava tra le più attese della vigilia. E, invece, la portacolori della Quafin si è dimostrata una cavalla superba, ben al di là delle linee che non suggerivano molto, e pure oltre la sfortuna che l’ha presa di mira quando era già dentro le gabbie, dove ha perso un ferro proprio nell’imminenza del via. Nella sua tattica d’avanguardia, l’allieva di Alduino e Stefano Botti ha trovato l’opposizione di Zelandia, e allora il suo interprete l’ha adeguata ai lati della rivale, tenendola larga per tranquillizzarla. In retta il Dario nazionale ci ha messo tutta l’energia accumulata in questi due mesi di pausa forzata: Eulalia è partita in pressing, è passata ai 400 finali e ha risposto sempre bene alle sollecitazioni svettando sul traguardo, accompagnata dall’urlo liberatorio del suo jockey e da quello del pubblico. Inutile sottolineare che la festa si è ripetuta anche al rientro al tondino. Il trionfo delle nostre portacolori è stato completato da Cima Star: la portacolori della famiglia Borsani si è impegnata a centro pista, ha lottato con grande coraggio svettando ad un meritatissimo secondo posto. La tedesca Anoush dalle retrovie è avanzata lungo lo steccato avvicinandosi gradualmente e sul palo ha beffato l’altra Grizzetti Sopran Basilea per il terzo posto, mentre è mancata l’inglese Invite, ben messa a centro gruppo ma incapace di cambiare azione a metà retta.
Ha regalato brividi anche la vittoria di Aria Importante nel Carlo Vittadini prova di Gruppo 3. L’impresa della portacolori della Blueberry era nell’aria, considerato cosa era stata capace di fare a 2 anni e ancora in occasione della splendida esibizione del Nogara ma il confronto contro gli anziani, su una distanza al limite rappresentava pur sempre un esame da far tremare le gambe. E invece Aria Imptorante se l’è meritata tutta, affrontando di petto l’impegno, spavalda al comando, per giunta dovendo ribattere all’attacco del favorito Potemkin a traguardo lontano: il tedesco è partito a testa bassa a inizio dirittura, pensando di potere liquidare in breve la battistrada, e invece ha sbattuto contro un muro di cemento armato, capace di reggere anche l’assalto di Pensiero D’Amore nei 200 finali: il portacolori della New Age si è avventato sulla femmina dando l’idea di poterne fare un sol boccone, ma la figlia di Twilight Son lo ha “cercato” allargando e poi con le unghie e i denti ha difeso il sogno salvando una testa sul traguardo. Un grande merito va dunque a Mario Sanna, che sta vivendo un momento di forma eccezionale e qui è stato bravissimo a centellinare le energie della sua allieva e poi ancora a trovare le risorse per difendersi sino in fondo. Fulminix, nel vivo sin dal via, ha concluso al terzo posto, mentre Potemkin ha concluso al quarto. Out of Time, Fayathaan e Badram hanno corso nelle retrovie e non sono riusciti a recuperare in retta. «Piccola ma ben fatta». La definizione di Stefano Botti descrive alla perfezione Lollipop Girl, splendida vincitrice del Premio Mario e Vittorio Crespi, la Listed per i 2 anni che rappresenta una importante tappa di avvicinamento al Primi Passi. Malgrado il fisico esile, la figlia di Dandy Man sa muovere bene le zampe, lo aveva già dimostrato a Roma seguendo la stimatissima Royal Ashirah nel Perrone, ma è anche cavalla molto fredda e professionale: oggi ha avvicinato la battistrada Listening dopo metà gara, ha sferrato l’attacco ai 300 finali sbarazzandosi della rivale e ha allungato ancora, sottraendosi chiaramente alle avversarie. Perfetto in sella “superman” Dario Vargiu, che ha così iniziato il suo pomeriggio di gloria raccogliendo i primi applausi. La favorita Daisy dei Grif ha un po’ faticato a trovare la destra libera ai 250 finali ma ha vinto la lotta per il secondo posto sull’ospite romana Little O’Kelly, con Listening al quarto, evidentemente non troppo a suo agio sui terreni così compatti. L’altra Listed del pomeriggio è stata le Royal Mares, sui 1600 metri in pista grande riservata alle femmine di 3 anni e oltre. Con una monta perfetta di Claudio Colombi, l’ospite Haven Park ha beffato tutte le più attese: il jockey labronico ha centellinato al meglio le energie dell’allieva di Agostino Affé (su distanza al limite attitudinale) trovando un bel varco lungo lo steccato che le ha permesso di avvicinarsi alle prime posizioni, poi ai 300 finali ha trovato un varco e ha piazzato lo scatto vincente risolvendo in bello stile la partita. L’altra ospite romana Chiaro di Luna ha risolto la volata per il secondo posto precedendo Dame de Coeur, finita bene alla distanza: la favorita Havana Love si è probabilmente “consumata” nel pressing sulla battistrada Mutamajezah, alla fine le energie le sono un po’ mancate e pur lottando ha concluso al quarto posto.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password