Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/11/2018 alle ore 20:45

Ippica & equitazione

28/05/2018 | 10:32

Piazza di Siena, Di Paola (Fise): “Con il Coni abbiamo fatto scelte nuove, è una vittoria di tutti”

facebook twitter google pinterest
Piazza Siena Di Paola fise Nepi coni

ROMA - "In molti mi chiedono se sono più fortunato o vincente. Io dico che sono fortunato a essere il presidente della Fise e che si è vincenti quando si scelgono le persone giuste. Oggi abbiamo vinto una sfida lanciata meno di due anni fa con il presidente del Coni Giovanni Malagò". Lo ha detto il presidente della Fise, Marco Di Paola, al termine dell’86° CSIO di Roma Piazza di Siena, dove l'Italia ha centrato una doppietta (Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo e Rolex Gran Premio Roma) che mancava dal 1976. "Abbiamo vinto tutti, il cittì Bartalucci, lo chef de piste Uliano Vezzani, la nostra sport director Eleonora Ottaviani fondamentale per i rapporti internazionali, ha vinto la squadra. Oggi abbiamo una rosa di binomi molto vasta e di altissima qualità, che ci ha permesso di non risentire di assenze importanti. Con il Coni abbiamo avuto il coraggio di fare scelte nuove, l’erba, il Galoppatoio e i risultati ci hanno premiato. Con la vittoria nel Gran Premio Roma e del bis in Coppa delle Nazioni abbiamo colmato un vuoto di quarant’anni nella nostra storia equestre. Sappiamo che il prossimo anno ci si chiede di alzare l’asticella, noi daremo il massimo per riuscirci e rendere ancora più bello questo concorso”, ha spiegato. "Qualche sera fa abbiamo presentato alla Casa del Cinema un cortometraggio che racconta la storia sociale e culturale di Piazza di Siena e la sua storia sportiva. E allora mi sono fatto un film anch’io e ho pensato a 'Percorso netto' come il titolo di quel film. Ecco, oggi tutti noi abbiamo fatto 'Percorso netto'", ha aggiunto l’event director del CSIO di Piazza di Siena e direttore Marketing di Coni Servizi, Diego Nepi. "Lo scorso anno per Piazza di Siena avevamo coniato lo slogan 'Il cuore sopra l’ostacolo', mettendoci il cuore per rendere tutto pronto in appena tre mesi, questa volta ho respirato invece un saldo concetto di squadra. Tra tutti si è raggiunto un fortissimo senso di compattezza. Poi sappiamo tutti che nello sport si vince e si perde ma l’importante è restare sempre uniti verso obiettivi comuni”, ha concluso.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password