Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2022 alle ore 21:06

Ippica & equitazione

10/11/2022 | 16:05

Ippica, sabato all’Ippodromo Snai San Siro con il ‘Giulio Moroni’ in attesa della super domenica con il Federico Tesio

facebook twitter pinterest
SABATO ALL’IPPODROMO SNAI SAN SIRO CON IL ‘GIULIO MORONI’ IN ATTESA DELLA SUPER DOMENICA CON IL FEDERICO TESIO

Il sabato di corse all’Ippodromo Snai San Siro di Milano fa da anteprima all’attesa domenica 13 novembre quando nel programma sono presenti il Premio Federico Tesio e il Premio Del Piazzale – Memorial Enrico Camici –, e che vede tra i protagonisti in sella Frankie Dettori in monta a Tempesti. Ma anche la riunione del 12 novembre appare come una giornata, la 61^ stagionale di galoppo, molto combattuta ed interessante a partire dalle ore 13:15 in cui brilla il Premio Giuliano Moroni, handicap limitato di ottimo spessore tecnico sul miglio di pista media riservato ai 3 anni, e poi il Premio Vittorio Speroni riservata alle amazzoni e cavalieri per il tradizionale handicap sui caratteristici 1.400 metri in dirittura. Per le famiglie e i bambini è aperta l’area kids con gli animatori pronti a far divertire i piccoli ospiti, oppure è possibile vivere il ‘brivido’ del battesimo della sella in monta sul pony del CIL (Centro Ippico Lombardo). In pista spicca la prova in ricordo di Giuliano Moroni personaggio noto nell’ippica non solo per chi ha frequentato l’ippodromo milanese e gli addetti ai lavori che hanno lavorato per lo storico impianto di galoppo. Moroni fu direttore generale e successivamente amministratore delegato della Società Milanese Corse Cavalli, oltre ad amministratore delegato della Società Fiorentina Corse Cavalli, e il suo operato è legato dagli anni Ottanta come dirigente della Società Trenno dopo tanta esperienza e passione nel mondo dei cavalli e, in particolare, per il galoppo. Una brutta malattia lo portò via a Milano a soli 51 anni nel gennaio del 1998. Ma ora andiamo al programma corse strutturato su sei prove, partendo proprio dall’edizione 2022 del Moroni posizionato come quarta uscita. Si tratta di un handicap limitato di ottimo spessore tecnico sul miglio di pista media riservato ai 3 anni. Non sarà originale, ma è assolutamente un buon affare indicare per il betting in rapporto di scuderia formato da Sopran Belgrado, Sopran Dublino e Come On Captain, tutti e tre forti e con importanti chance di vittoria, ma indicati nell’ordine di preferenza, con i primi due che arrivano da ottime vittorie, e il primo addirittura contro gli anziani di livello un filo superiore. A rovinare la festa ci proveranno in tanti, a cominciare dalla lanciatissima Gingi Life in forma super, e con un Vento D’Estate abituato a frequentazioni anche migliori. Gli stessi Di Piu, Schiele e Miracle Of Life possono accampare giustificare pretese di inserimento.

Tornando all’ordine cronologico del programma, al via con il Premio Scalino, tosto handicap per una discreta categoria per i fondisti di 3 anni ed oltre sui 2.500 metri. Non si fa infatti fatica a trovare candidature autorevoli, con Secret Mountain prima di tutto, e visto che è finalmente tornata al successo dopo una serie infinita di piazzamenti, magari ha trovato la convinzione per concedere il pronto bis. Good Girl l’ha battuta però, con gli stessi chili, e pertanto è sulla stessa linea, ma pure Principessa Aisha e She Is So Cold contano parecchio, e attenzione a Sheretan, protagonista di un rientro promettente dal quale è attesa in progresso, senza dimenticare che ha già vinto sulla pista e la distanza. Occhio anche al declassato Parisiamo. La generazione più giovane può contare su questa vendere sul miglio di pista media per il Premio Ocala. Il gruppo folto e la categoria può lasciare spazio a qualche sorpresa, ma al netto di tutto questo, la nomination è chiaramente rivolta verso Emiro Dei Grif, autore di un esordio ampiamente incoraggiante dal quale verrà certamente avanti e un po’ a sorpresa dirottato a questo livello. Montreal è il rivale più insidioso come indica la carta, mentre qualcosa di più ci si può aspettare da Sopran Leger, fuori quadro al debutto di un paio di mesi fa ma con qualche voce sul suo conto. Per un piazzamento conta Yusmila, con i due inediti che vanno osservati sul mercato. Tocca ai velocisti del Premio Chiese, impegnati in un handicap di discreto livello sui 1.200 metri per i 3 anni ed oltre Senza dubbio conta molto nella valutazione la linea di una prova di categoria leggermente inferiore che ha visto vincere Some Other Time su Etoile Di Vallarsa e Ilomilo, con i tre virtualmente inseparabili e tutti in grado di vincere, ma a sparigliare le carte ci può essere Damnatio Memoriae, che corre a stretto giro di posta per sfruttare in pieno la forma ottima messa in scena in una categoria migliore di questa, con un numero che peserebbe moltissimo se ripetuto. Vibrant Spirit e Jeux De Prestige possono a loro volta mettersi in mezzo e se si ritrovasse, ci sarebbe anche Niagara Mouse. Dopo il Moroni ecco il Vittorio Speroni, con le amazzoni e i cavalieri in azione per il tradizionale handicap sui caratteristici 1.400 metri in dirittura. Lo scenario di corsa e il gruppo affollato possono creare delle sorprese, ma questa può essere l’occasione giusta per Stealth Mode, che quest’autunno ha trovato una seconda giovinezza e con gli ultimi due piazzamenti ottenuti che lo lanciano diretto verso la pole position. I rivali più cattivi sono nella parte alta della scala dei pesi, con Ginger E Fred che si presenta con una forma a prova di bomba, ed Immense Dream che invece è parso in chiara ripresa nella sua apparizione più recente. Occhio a Love Emperor, appoggiato al betting l’ultima volta, e a L’Idea, alterna, ma con distanza e terreno preferiti. Chiude il bel sabato di corse all’Ippodromo Snai San Siro Galoppo di Milano il Premio Vigano, con l’ultimo handicap di categoria ordinaria per i 3 anni ed oltre, sui 1.800 metri in pista media. Più di tutti intriga la chance di Capo San Martino, che arriva a questa corsa con tutte le cose a posto per colpire, compresi forma e terreno amico. Il vincitore del San Siro Classic Creek Island è parso in ripresa, e insieme ad Iskandal, che gli è finito in linea nel comune ingaggio più recente, forma una coppia di alternative serie ed insidiose. Attenzione anche a Tiara, che si è rivista in azione con una prestazione interessante sulla quale può costruire. Poi testa al giorno dopo, domenica 13, con il Federico Tesio. 

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password