Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/12/2018 alle ore 11:00

Ippica & equitazione

14/05/2018 | 09:00

Ippica, Capannelle: Royal Julius vince il Premio Presidente della Repubblica

facebook twitter google pinterest
ippica capannelle premio presidente della repubblica

ROMA - Come antipasto al clou della giornata a Capannelle - il Premio Presidente della Repubblica in programma alla quinta corsa - sei femmine anziane si contendevano il Tadolina, listed a loro riservata in memoria di Patrizio Galli, sul miglio della pista grande. Rispettando lo scenario Movees prendeva in breve il comando seguita a ruota da Musa d'Oriente, Mamma Ela ed Extremely Vintage a ridosso. Lo scarno plotone, si legge in una nota, si adeguava al ritmo della leader arrivando di conserva fino all'intersezione delle piste, dove Vargiu chiedeva l'allungo a Movees senza trovare risposta – cosa che spesso le capita dopo recente prestazione vittoriosa – e veniva sopravanzata da Musa seguita da Mamma Ela con Extremely Vintage (Dylan Thomas) lanciata in progressione al centro della pista dal puntuale Antonio Fresu. Quest'ultima aggrediva Musa ai trecento finali, le carpiva un minimo vantaggio riuscendo a conservarlo fin sul palo al culmine di acceso duello. Alle spalle delle due contendenti, Sadilla, in risalita interna, carpiva la terza moneta ad una esausta Mamma Ela, alla quale e a nome di tutte, non possiamo esimerci di fare, nel loro giorno, i nostri più cari auguri.

Sui 1800 metri del Presidente della Repubblica (Gr. II), l'atteso ospite francese Royal Julius (Royal Applause), sulla scorta del secondo posto nell'Harcourt - e rimasto ahinoi ai box Anda Muchacho - imponeva la legge del più forte e confermava i recenti progressi surclassando gli avversari pur limitandosi a poco più del canter nelle esperte mani di Gerald Mosse. Per la cronaca, dopo le schermaglie iniziali, Fresu in sella a Presley assumeva il comando del plotone seguito da Royal Julius, sul quale Mosse non aveva perso tempo per trovare posizione favorevole pur partendo dallo stallo estremo. Alle sue spalle Greg Pass, Cima da Conegliano mentre Time to Choose seguiva più discosto in attesa degli eventi. L'unico evento da registrare era però la mossa di Mosse ai 400 finali, che sbarazzatosi di Presley, apriva i rubinetti a Royal Julius, il quale si allungava imperioso e solitario verso il traguardo, vanamente inseguito da Time to Choose che, a debito distacco, regolava il compagno di training e colori Together Again per la miglior piazza, mentre al quarto terminava il battistrada Presley. Ben poco da dire se non che la vittoria ottenuta, fin troppo schiacciante, ribalta la linea del Ribot dello scorso ottobre e proietta il francese verso il Prix d'Ispahan fra due settimane o addirittura - è pur sempre un regale - le Prince of Wales's a metà giugno. In ogni caso, a difesa della nostra causa, dobbiamo tifare per lui e sperare ci possa portare in dote buoni riscontri, in modo da riuscire a salvare la posizione pattern del Repubblica.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password