Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2017 alle ore 20:35

Ippica & equitazione

04/08/2017 | 11:29

Ippica, Gran Premio Città di Cesena: campioni sotto le stelle

facebook twitter google pinterest
ippica cesena 5 agosto

ROMA - Sabato dalle magiche suggestioni all’ippodromo del Savio, con il trotter romagnolo ai vertici del’ippica tricolore grazie alla disputa di uno dei must che ne caratterizzano la stagione estiva, il Gran Premio Città di Cesena, dal 1950 imperdibile appuntamento per i quattro anni indigeni impegnati sulla selettiva distanza del miglio. Un Albo D’Oro ricco di prestigiosi riferimenti al passato, leggi Crevalcore, Agaunar ed a campioni dell’era moderna come il miliardario Esotico Prad ed  il leggendario Varenne, senza dimenticare la recorder Guendalina Bar e la più recente vincitrice Tamure Roc, eleva ai vertici del rating la sfida romagnola nel cui nobile solco incroceranno le forme i dieci protagonisti dell’edizione 2017. 
Difficile la scelta di un favorito per questo “Gran Premio Città di Cesena 2017 – Trofeo Algida”, con le preferenze che svariano dalla ritrovata proposta di Santo Mollo United Roc (griffe Rocca), a Uno Italia assurto ad un elevato rendimento grazie al certosino lavoro di Lorenzo Baldi, per non parlare di Uragano Trebì, la carta del team Ehlert con l’idolo della tribuna Roberto Vecchione saldamente alle redini e di Uet Wise As, la vincitrice delle Oaks del trotto oggi affidata a Manuel Pistone e annunciata in progresso dal team Gocciadoro, presente in forze anche con Ubertino Grif, affidato ad titolare Alessandro e Ulissemar, nell’inedita partnership con Nando Pisacane. 

Il ricco corollario alla spettacolare serata cesenate vivrà il suo prologo allo scoccare delle 21, in compagnia dei gentleman per il “Premio Cucciolone Algida”, con un ristretto novero di partecipanti alla sfida riservata ai tre anni e programmata sulla breve distanza, nella quale vantano notevoli chance di successo l’impronunciabile allievo di Ivano Fierro, Vlaktepaas Jbay, con Lucio Curato, la facoltosa erede di Ready Cash, Violet Effe, affidata a Filippo Monti e Vicky Fox, altra proposta targata Fierro sulla quale sale l’esperta Lucia Pasqualini. Alle 21.25 “Premio Winner Taco Algida”, la giovane pupilla di Paolo Leoni, Zazzà del Pino è attesa alla conferma dopo il vittorioso debutto, trovando sulla sua strada il promettente Zagor Mtt e il rodato Zagor San, carte di peso nelle mani di Vecchione e Andrea Vitagliano, riconosciuto maestro delle verdi leve che stasera affida l’altro suo allievo Zerouno Mmg all’immarcescibile Bellei. 
Il Campionato Italiano Senza Frusta torna alla ribalta con l’arrivo della terza corsa “Memorial Nives Gridelli”, sfida per anziani di lungo corso che vede il recente vincitore Total Gams ribadire la sua forma al top in compagnia di Roberto Vecchione pur trovando sul suo cammino avversari agguerriti come Bellei con Ramirez Bond e l’ex promessa Today Winner Font, sul quale si impegnerà l’emergente Sandro Miraglia. Alla quarta “Premio Cornetto Algida”, asticella in esponenziale orbita qualitativa con i tre anni a testare la forma prima di cimenti classici caratteristici della stagione, Calzolari e Marche su tutti, per un antepost che vede Vir del Ronco, Vertigo Spin e Venanzo Jet disputarsi i favori del pronostico rispettivamente guidati da Bellei, Vecchione e Loris Farolfi. Si rimane ad altro livello quando alla quinta “Premio Magnum Algida”, scenderanno in pista dieci binomi impegnati sulla distanza maratona dei 2400 metri, due i nastri a dividere i contendenti e possibile giravolta vincente per Rob Mabel, grintosa proposta del duo Congiu/D’Ambruoso sul quale però incombono la statura atletica del Bellei, Tuono Lunare e la classe dell’esperto Phebo Rivarco, vecchia conoscenza del parterre cesenate spesso a segno in schema analoghi. Alla settima, “Premio Comm. Bruno Pasini”, cronometri bollenti per sancire chi, tra Peace OF Mind, Thesaurus e Tamia Jet sarà il più veloce nel varcare il palo d’arrivo, senza peraltro trascurare i recenti progressi del globe trotter Flyer Boshoeve, scandinavo di nascita, teutonico di carriera e training, tricolore per la guida sempre ispirata di Robi Vecchione. Si chiude con il “Premio Calippo Algida” nel segno dei “pochi ma buoni”, con un miglio in rosa che vede sei esponenti della leva 2013 impegnate in una sfida disegnata su misura per la stimata Ubertà dei Venti, training di Gennaro Casillo e guida di Bellei, per un plebiscito tecnico in ottica vittoria mentre per le piazze, Udine Cas, Ulena del Rio e Uragan Francis citate in doveroso ordine di preferenza.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password