Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/05/2019 alle ore 20:32

Ippica & equitazione

15/03/2019 | 18:56

Ippica: all’Ippodromo Snai La Maura, Adelante sempre più in alto

facebook twitter google pinterest
ippica ippodromo snai la maura adelante

ROMA - In attesa dell’apertura della 132/a stagione all’Ippodromo Snai San Siro del galoppo, programmata nel pomeriggio di sabato 16 marzo, all’Ippodromo Snai La Maura continua la stagione con il consueto appuntamento del venerdì. Al centro del convegno - si legge in una nota - il Premio Correr By Pass, una prova sui 1650 metri riservata a cavalli di 3 anni che ha visto il successo dello stimato Adelante, che Marco Smorgon sta facendo maturare con la massima calma: cavallo dal potenziale notevole ma di non semplice impiego, oggi il portacolori della Trotto Italia ha avuto vita facile visto che il principale avversario Anthony Gar è sbottato di galoppo nella fase iniziale: Adelante è andato subito in testa stampando un primo chilometro in 1.13.5 con cui ha preso largo vantaggio su Aramis Bar tanto che la retta conclusiva è stata percorsa in totale relax. Il figlio di Ready Cash ha concluso a media di 1.13.8, nuovo personale, centrando la quinta vittoria della carriera su sette uscite. Altrettanto netto secondo e’ terminato Aramis Bar su Albatros Joy.
Ottimo rientro di Zorro Wind nel Premio Balanced Image, la prova di apertura: assente dalle piste dall’r.p. di dodici mesi fa che aveva interrotto la striscia vincente, l’allievo di Erik Bondo ha subito ripreso la marcia dominando rivali sulla carta inferiori. Il quarto iniziale lottato tra Zagreb As (al comando) e Zetajohn Pizz ha “spianato” la strada al figlio di Ready Cash, che è passato a metà gara e si e’ poi allungato facilmente per chiudere al record di 1.12.9. Vittoria nettissima ma con il brivido di una breve incertezza al passaggio, alla quale Erik Bondo e il suo allievo sono stati bravi a rimediare al volo. A intervallo Zitella Jet ha conquistato il secondo posto su Zodiaque Five Lux, prevalente sul filo di lana su Zebra Jet, mentre Zetajohn Pizz è andata in crisi ai 500 finali.
Tutto facile per Vivienne Effe nel Premio Ruty Grif, la maratonina sui 2720 metri per cavalli anziani. Subito in testa, la cavalla di Alessandro Gocciadoro ha imposto ritmo brillante nonostante la lunga distanza arrivando al miglio in 1.59.5: ai 400 finali Verdon Wf, secondo dal via, ha spostato per preparare l’attacco ma ha preso un inciampone rischiando la caduta e coinvolgendo i rivali che lo seguivano, così la portacolori di Ettore Berno ha potuto proseguire sicura e concludere a media di 1.14.7 sui 2720 metri, seguita da Vega Etoile che ha approfittato dei problemi altrui precedendo lo sfortunato Verdon Wf e Uragano Op, a sua volta coinvolto dall’impasse dell’ultima curva come anche Unique Rek, finita sul tabellone degli squalificati.
Spettacolare il Premio Intense Image, la prova sui 1650 metri per cavalli di cat. E: scavalcato al via da Vincent Trio, Universo D’Amore ha spostato sul rivale dopo 600 metri e i due se le sono date di santa ragione sul penultimo rettilineo staccandosi in uno spettacolare testa a testa risolto solo in zona traguardo dal cavallo di Mauro Baroncini affidato ad Andrea Farolfi al record di 1.12.2. Stessa media per Vincent Trio, al quale va l’onore delle armi, e arrivo stretto per il terzo posto, che alla fine ha visto Unlight Grif prevalere sull’appostata Une di Nando.
Dopo Vivienne Effe, Alessandro Gocciadoro si è imposto anche nel Premio Mirror Grif, la prova per cavalli di 3 anni sui 2250 metri: con il debuttante Artico Op, il driver emiliano ha sorpreso dopo 800 metri il battistrada e favorito Amornero Roc, poi ha ribattuto al tentativo di rivalsa del rivale, il quale ha sferrato un duro attacco sul penultimo rettilineo: Artico Op e’ riuscito a contenere il rivale e seppure con un po’ di affanno negli ultimi metri, ha chiuso vincitore a media di 1.16.4, presentandosi nel migliore dei modi considerato anche che il rivale di cui ha “preso lo scalpo” gode della stima del suo team. Per il terzo posto Alles Furs Leben ha bruciato allo speed Arno di Pippo, mentre Alcatraz Gso si e’ gettato di galoppo sull’ultima curva quando era terzo.
Gentlemen protagonisti nel Premio El Più Light in sediolo a cavalli di 4 anni: al rientro da fine dicembre, Zara Caf sembrava aver messo una seria ipoteca sulla prova dopo aver conquistato il comando senza spesa e gestito a piacimento le energie per oltre metà gara. Probabilmente pero’ l’inattivita’ si e’ fatta sentire nel finale, quando sulla cavalla guidata da Matteo Zaccherini e’ piombato il controfavorito Zaffiro Gso, allievo di Cristian Rizzo che con Filippo Monti ha travolto la rivale per imporsi a media di 1.13.6, con una chiusa molto brillante. Buono anche il finale Zumba Pizz che ha rimontato per il terzo posto Ziguli’ Roc, che dopo essere partito meno forte del previsto era stato il primo a muovere all’esterno passando secondo ai 400 finali sul calo dell’appostata Ziara dell’Est.
Un doppio anche per Marco Snorgon, che nel Premio Keystone Luanne, la prova sui 1650 metri per cavalli di cat. G, ha riportato al successo il redivivo Scirocco: il portacolori della Immobiliare La Moretta da terzo in corda si è liberato ai 300 finali e si è esibito in un finalone con il quale ha stampato proprio sul filo di lana la battistrada Ulrica Many, che dopo gara tattica in retta si era svincolata dal pressing di Otis di Pippo, all’esterno sin dal via e ancora terzo al traguardo. Poco centrato il favorito Ramses degli Dei, in errore al via e poi di nuovo di galoppo all’ingresso in retta mentre provava a riproporsi.

 

 FOTO DENA - SNAITECH

RED/Agipto

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password