Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/10/2018 alle ore 20:47

Ippica & equitazione

14/05/2018 | 09:10

Ippica, Grande Steeple Chase di Milano dominato da Martinstar all’Ippodromo SNAI San Siro

facebook twitter google pinterest
ippica ippodromo snai san siro

ROMA - All’Ippodromo SNAI San domenica con l’ultima riunione della stagione primaverile riservata agli specialisti degli ostacoli. L’appuntamento piu’ atteso e’ stato il Grande Steeple Chase di Milano, Gruppo 1 per cavalli di 5 anni e oltre sui 5000 metri. Vome lo scorso anno, sono stati i colori della scuderia Aichner a trionfare grazie a Martinstar, che gia’ nel Durini aveva fatto intendere di essere un ottimo soggetto. Impressione pienamente confermata questo pomeriggio: l’ex francese, con Josef Vana jr in sella, ha corso praticamente in testa per tutto il percorso, dapprima scortato dall’alleato Broughton, poi solitario, rintuzzando ogni tentativo d’attacco dei rivali e sancendo una netta superiorita’ con un allungo imperioso che gli ha permesso di fare passerella in dirittura e di svettare con 15 lunghezze di vantaggio. Una conferma per papa’ Josef al training e per il giovane Josef jr che avevano vinto anche l’edizione di dodici mesi fa con Broughton. El Calife dopo corsa alla retroguardia si e’ fatto sotto nella fase finale passando secondo sulla piegata di fondo e provando ad avvicinare il vincitore sulla diagonale corta, ma in dirittura il cavallo di Ilaria Saggiomo ha pagato lo sforzo subendo la rimonta di A Pigalle, altro soggetto targato Vana che ha così completato l’en plein del trainer ceco. Delight My Fire e Axel Lauteix sono rimasti fuori dai giochi nella fase finale mentre Recently Acquired, secondo lo scorso anno, e’ caduto sul temuto oxer. L’altro appuntamento di cartello della giornata e’ stato nella 2^ prova, la Corsa Siepi dei 4 Anni, Gruppo 2 sui 3600 metri per saltatori di 4 anni, proponeva l’attesa rivincita tra Arkalon e Live Your Life, primo e secondo nel Premio Giulio Berlingieri di novembre. A dispetto della diversa situazione ponderale (oggi piu’ favorevole al portacolori di Chistian Troger), i valori sono stati pienamente confermati: il campioncino di Jiri Charvat ha le sembianze del cavallo davvero buono, soprattutto considerando che puo’ ancora migliorare sotto l’aspetto caratteriale (continua ad essere molto ardente) e sui salti: con Jan Faltejsek in sella, il cavallo allenato Pavel Tuma e’ andato via spedito in avanti guadagnando subito un discreto margine mentre Live Your Life si manteneva in coda al gruppo degli inseguitori risparmiando il massimo nella speranza di cogliere in difficolta’ il rivale nel finale: speranza vana, perche’ sulla diagonale breve Arkalon e’ ripartito brillantemente e ha concluso ancora in bella spinta in retta, con nove lunghezze di vantaggio su Live Your Life che non ha potuto far altro che accettare la superiorita’ del vincitore e adeguarsi al secondo posto. Vermithor ha concluso al terzo, mentre Aeneas e Spiritofhayton si sono eclissati appena la corsa e’ entrata nel vivo. Ad aprire la riunione milanese, i saltatori impegnati sul 4000 metri del percorso cross country del Premio Cossato, aperto agli amatori e ai professionisti. Netto primo piano di Opaleo, Raffaele Romano in sella per il training di Ilaria Saggiomo: il portacolori del signor Nicolas Nisoli ha rotto gli indugi appena terminato il percorso in cross imprimendo una netta accelerazione alla corsa, hanno provato a resistergli Strike e Kitano, che pero’ hanno perso progressivamente contatto e sono finiti nell’ordine alle piazze. Il favorito Gondaro non ha saputo seguire i primi ma si e’ esibito in un bel recupero in retta, avvicinando Kitano per il terzo posto. La giudiziosa Vanessa del Cardo ha dettato il ritmo per buona parte del percorso, poi ha dovuto lasciare la ribalta ai rivali.
Cavalieri e amazzoni in pista nel tradizionale Premio Ettore Bocconi, intitolato alla memoria di Pinuccio Molteni, sui 2400 metri della pista grande: ben gestito in avanti da Alberto Carrassi del Villar, Destination Aqlaam, training di Giuliana Foglia per i colori del signor Piero Cavallini, si e’ reso autore di un notevole allungo ai 400 finali con cui si e’ svincolato da Sillaro, il piu’ immediato inseguitore, mentre Punta di Diamante, terzo dal via, si e’ a sua volta sottratto alla rincorsa di Golden Guepard e Space Oddity. Ancora i saltatori impegnati nel Premio Martesana, condizionata sui 3600 metri del percorso in siepi: com’era nelle previsioni, ha dettato legge la coalizione della scuderia Aichner presentata da Josef Vana: coperto in gruppo, Kazoo, con Jan Kratochvil in sella, ha affiancato l’alleato Temperament sulla piegata di fondo e lo ha sorpassato sulla diagonale breve, allungando per vincere in maniera chiara. Temperament, che aveva superato dopo breve lotta il leader iniziale Tramonto A Ivry, ha accusato un po’ la fatica nel finale e probabilmente anche i 4 chili che rendeva ai rivali ma e’ rimasto in quota per il secondo posto su Archangel Raphael. L’ospite Radio Ga Ga si e’ spento all’epilogo cosi’ come Tramonto A Ivry, vincitore delle ultime due edizioni della prova. Pista inzuppata da un violento e improvviso acquazzone per il resto del programma, tutto incentrato sulle corse in piano. Molto combattuto e con qualche colpo “proibito” il Premio Terrazzano, handicap per cavalli di 3 anni e oltre sui 1700 metri della pista grande: Free Passage e Prato Mariante hanno bisticciato in dirittura mentre avanzavano a centro pista, ne ha approfittato brillantemente Mister Buzzword, training di Gianluca Verricelli e monta tempestiva di Andrea Mezzatesta, per passare in contropiede ai 250 finali superando il battistrada Lucomagno e resistendo poi al ritorno di Free Passage e di Fantastic Secret all’interno. Prato Mariante, rimasto senza spazio ai 100 finali, ha concluso al quarto posto. Arrivo confermato dopo intervento della giuria. Su un percorso che ha dimostrato in piu’ occasioni di gradire, Oakville ha imposto la sua legge nel Premio Mincio, handicap sui 1400 metri in pista dritta per cavalli di 3 anni e oltre: con Mario Sanna in sella, la portacolori della scuderia Lupayaro allenata da Sergio Dettori e’ migliorata a centro pista e ha fatto valere la sua progressione nei 350 finali su una rivale per nulla malleabile come Ipazia. Thecornishassassin ha seguito le tracce delle due femmine chiudendo al terzo posto. Retrocessa a tavolino nella sua precedente sortita sulla pista, Buonasera stavolta e’ andata dritta alla meta siglando la prova di chiusura del pomeriggio all’Ippodromo SNAI San Siro, Premio Seveso, handicap sui 1000 metri in pista dritta per cavalli di tre anni. D’altronde la puledra di Pierluigi Giannotti a Roma aveva dimostrato di essere una cavalla promettente siglando in bello stile una maiden prima di tentare l’avventura in Listed. Subito in vantaggio, Buonasera (con in sella Mario Sanna al bis nel pomeriggio) ha allungato ai 300 finali staccando Stardestelle e controllando il bel finale di Tekedici, emerso al secondo posto sulla citata Stardestelle.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

snai san siro

Ippodromo Snai San Siro, Every Promise supera l’esame

17/10/2018 | 20:40 MILANO - All’Ippodromo Snai San Siro una settimana che culminera? domenica 21 con il convegno stellare imperniato sul Premio del Jockey Club e sulla trasformazione dell’impianto del galoppo milanese in un Birrodromo a cielo...

equitazione fei world cup moneta cristofoletti

Equitazione, FEI World Cup: Moneta e Cristofoletti a Helsinki

17/10/2018 | 18:25 ROMA - Dopo le ottime prestazioni nella prima tappa di FEI World Cup di salto ostacoli la scorsa settimana ad Oslo, saranno due i cavalieri azzurri impegnati durante il prossimo fine settimana a Helsinki. Si tratta - si legge in una...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password