Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/05/2018 alle ore 09:37

Ippica & equitazione

01/11/2017 | 18:13

Ippica, La Maura: il Gran Premio delle Nazioni a Uza Josselyn

facebook twitter google pinterest
ippica la maura

MILANO – All’Ippodromo SNAI La Maura di Milano spettacolare giornata di trotto con in programma, per la prima volta insieme, il Gran Premio delle Nazioni e il Gran Premio Orsi Mangelli con un Montepremi ciascuno di ben 308.000 euro. Due finali senza esclusioni di colpi per un convegno che ha visto in scena anche la finale della Coppa d’Oro di Milano dopo le due batterie di qualificazione.

Ma andiamo alla cronaca del soleggiato convegno milanese partendo dal clou con la finale del Gran Premio delle Nazioni – Memorial Vittorio di Capua, programmata all’ottava prova, e che parla straniero. Infatti è stato Uza Josselyn a confermarsi principale alternativa al favorito Timone Ek, e alla resa dei conti la cavalla di proprieta? franco-svizzera, allenata da Rene’ Aebischer e improvvisata magistralmente da Gabriele Gelormini, ha confermato la fiducia del suo team sulla distanza di 2250 metri. Eppure Timone Ek, grazie alla solita bravura di Enrico Bellei, sembrava aver risolto i problemi relativi al numero sfilando in mezzo giro sulla compagna di training El Catwalk. Il portacolori del signor Luigi Lettieri ha proseguito a passo costante impedendo a Tony Gio, che guidava il treno esterno, di farsi troppo minaccioso: in retta però Timone Ek è apparso in affanno, Bellei lo ha sostenuto energicamente ma a centro pista e? arrivato inesorabile lo speed di Uza Josselyn, liberatasi sull’ultima curva dalla quarta posizione in corda e passata di slancio per imporsi a media di 1’12”2. Timone Ek come lo scorso anno ha dovuto adeguarsi al secondo posto, salvandosi dal mastino Tony Gio e da Toseland Kyu, a sua volta penalizzato dallo svolgimento e autore di un finalone a centro pista.

Per giungere all’incredibile ed emozionante Finale del Gran Premio Paolo e Orsino Orsi Mangelli, disputata alla nona corsa, si sono affrontate, alla 4^ e 5^ prova, le batterie di qualificazione che hanno visto il dominio di Vanesia Ek nella prima, già vincitrice delle Oaks, e sempre con Pippo Gubellini in sulky, mentre nella seconda si è imposto Vitruvio con Alessandro Gocciadoro alla guida. La finalissima ha visto protagonisti, oltre ai primi due per batteria, i qualificati Valdivia, Von Wise As, Vertigo Spin, Voltaire Gifont, Voyager Grif, Varietà Luis. Non si poteva prevedere epilogo migliore con un arrivo incertissimo proprio tra i vincitori delle due batterie, Vitruvio e Vanesia Ek. L’ha spuntata il primo, portacolori della scuderia Pink & Black, salvandosi di un muso dalla compagna di training, che gli aveva concesso strada dopo i primi metri e che con Pippo Gubelllini ha provato l’imboscata sulla lunga dirittura: Vitruvio si è difeso fino in fondo, a media di 1’11”8, regalando ad Alessandro Gocciadoro il quarto successo in veste di driver di un pomeriggio indimenticabile che lo ha visto mattatore assoluto. Valdivia ha vinto la lotta per il terzo posto, ma a netto intervallo dai due protagonisti. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippodromo La Maura vistamar

Ippica: all’Ippodromo La Maura, Vistamar concede il bis

18/05/2018 | 19:00 ROMA - All’Ippodromo Snai La Maura di Milano pista tirata a lucido e cronometri “bollenti” in questo tranquillo venerdì di corse. In ben cinque prove, infatti, si legge in una nota, si è corso sul piede...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password