Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/07/2020 alle ore 19:00

Ippica & equitazione

04/05/2020 | 08:50

Ippica, Mipaaf: "Via alla riforma dei pagamenti, prosegue il lavoro per la ripartenza delle corse"

facebook twitter google pinterest
ippica mipaaf riforma pagamenti

ROMA - È partito il progetto di riforma delle procedure dei pagamenti dei premi ippici del Ministero delle Politiche Agricole. Grazie all’introduzione di semplificazioni e di processi informatizzati, si legge in una nota del Mipaaf, si punta a ridurre sensibilmente i tempi medi di lavorazione e della successiva liquidazione dei premi relativi alle corse ippiche. Primo passo sono i premi con fatture del mese di gennaio 2020 che oggi vengono pagati a 130-140 giorni in media e che, attraverso il nuovo sistema, verranno erogati in 90-100 giorni. La fase successiva riguarderà la razionalizzazione dell’anagrafica e del database degli operatori per poi passare ai premi senza fattura che partiranno non appena ripartiranno le corse.

«L’epidemia Covid-19 non ha bloccato il progetto di riforma che stiamo portando avanti sin dal mio ingresso al Ministero delle Politiche Agricole – dichiara il sottosegretario con delega all’ippica, Giuseppe L’Abbate – Sui pagamenti l’obiettivo è arrivare a pagare tutti entro 80 giorni, tenendo conto che almeno 34 giorni di questi sono propri di fasi incomprimibili: penso, ad esempio, alla registrazione dei decreti di impegno e di liquidazione nonché ai tempi tecnici di erogazione della Banca d’Italia. Per sciogliere qualsiasi dubbio sulla nuova procedura sarà possibile rivolgere i quesiti alla casella di posta elettronica dedicata (informazionipremi@politicheagricole.it, ndr). La speranza è che ci venga concesso di ripartire quanto prima con le corse ippiche: siamo coscienti del fatto che tra gli attuali allenamenti e le gare vere e proprie a porte chiuse non vi sia una grande differenza di persone coinvolte – spiega Giuseppe L’Abbate – sono il primo a voler dare avvio alla ripartenza. A tal proposito è in corso una interlocuzione ma la gestione dell’epidemia Covid-19 risponde alle direttive del Comitato Tecnico-Scientifico che nel vagliare le diverse questioni antepone, ovviamente, la salute degli italiani nell’interesse di tutti. Nel frattempo, al Ministero delle Politiche Agricole siamo pronti col protocollo di sicurezza sanitaria necessario per la ripresa delle corse ippiche». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password