Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/06/2018 alle ore 14:57

Ippica & equitazione

23/05/2018 | 19:32

Ippica: all’Ippodromo San Siro, Amyntas non perdona

facebook twitter google pinterest
ippica san siro amyntas

ROMA -  All’Ippodromo Snai San Siro, sotto un bel sole, ma su una pista ugualmente pesante per le abbondanti piogge dei giorni scorsi (ecco spiegato il motivo dei tanti ritiri della giornata), si è disputato il convegno infrasettimanale con al centro del pomeriggio il Premio Lodovica, ben frequentata condizionata sui 1800 metri in pista circolare, occasione per l’ospite Wai Key Star di effettuare il rientro e rodare la condizione in vista dei futuri ingaggi. Quarto nel Derby tedesco, il cavallo di Sarah Steinberg era il netto favorito della prova, ma ha probabilmente pagato la lunga inattività. Secondo dal via dietro il connazionale Fortissimo che si è incaricato di fare l’andatura, il portacolori della Stall Salzburg è passato in leggero vantaggio ai 200 finali ma non è riuscito ad allungare e un “drago” come Dario Vargiu, in sella ad Amyntas, non si è fatto certamente pregare per approfittarne, e così il portacolori della Dioscuri dopo aver sfruttato gli “scarichi” del rivale in dirittura, lo ha infilzato chiaramente negli ultimi 100 metri. Fortissimo è stato superato ai 200 finali ma è rimasto in quota al terzo posto, mentre gli altri sono arrivati lontani, pagando dazio alla maggiore qualità dei primi tre.
Missione compiuta per la favoritissima Zengia nel Premio Duca di Marino, maiden sui 1000 metri in pista dritta per cavalli di tre anni: la portacolori della scuderia Incolinx, Nicolo’ Simondi al training e Fabio Branca in sella, ha superato gia’ ai 500 finali la labile Nibras Fortunes e ha allungato in progressione per centrare col minimo sforzo la prima vittoria della carriera, al settimo tentativo. Stay Bella a intervallo è emersa chiaramente al secondo posto su Zigant, in discreto recupero finale. Rose Gold ha avuto problemi in avvio ed è rimasto subito attardato.

Ancora una maiden, ma sui 1800 metri in pista circolare, e ancora i tre anni protagonisti nel Premio Razza Spineta: lo stimato Sensazione Poy stavolta è entrato nelle gabbie, ma una volta partito si è impegnato poco confermando di essere soggetto estremamente caratteriale. La vittoria ha premiato Notturno Ligure, che vantava discrete frequentazioni: alla prima uscita con la giubba della scuderia Glena, il cavallo allenato da Marinella Arienti si è mantenuto sui primi presentandosi facile in retta e con Salvatore Sulas ha allungato sul passo tenendo a distanza Acire Xam, mentre la battistrada Reine Vraie, superata ai 400 finali, si è mantenuta in quota chiudendo al terzo posto.

Tante defezioni nella terza eliminatoria del San Siro Mile, handicap di minima sui 1600 metri in pista circolare. Dopo un rientro prudente, Black Imagin è tornato a tirar fuori il pezzo migliore del suo repertorio, ovvero la zampata conclusiva: sul terreno che predilige e ben servito dal ritmo allegro imposto in avanti da Furud, il cavallo di Laura Marinoni con in sella l’allievo Pasquale Emmanuele ha regolato in volata Lady Bangkok, altra specialista del pesante, mentre Native Glorious, che in coppia con Fleming Fire aveva guidato il gruppo all’inseguimento del battistrada, ha concluso al terzo posto.

Pennellata di Fabio Branca (alla seconda vittoria nel pomeriggio) in sella a Capo San Martino nel Premio Grezzago, discendente sui 1800 metri sempre in pista circolare per cavalli di tre anni: in sella al portacolori del signor Leonardo Ciampoli, il jockey sardo ha messo tutti nel sacco con un ben calibrato percorso di testa, piazzando un allungo in progressione ai 400 finali che ha lasciato sul posto i rivali. Ha corso in progresso Dollar Exchange, unica a recuperare sul vincitore, mentre Faradays Spark sul filo di lana ha agguantato e battuto per il terzo posto Bellagianlu.

Chiusura in bellezza all’Ippodromo Snai San Siro con la terza eliminatoria del San Siro Classic, discendente sui 2000 metri sempre in pista circolare valido come Tris/Quartè/Quintè del pomeriggio: ritrovata gradualmente la condizione, Puntuale ha tenuto fede alle attese del betting che l’aveva eletta favorita piegando dopo acceso testa a testa Giufeum, altro soggetto tra i piu’ attesi che ha fatto l’arrivo in diagonale allargando verso lo steccato esterno. Bravo Sergio è finito forte dalle retrovie al terzo posto, Pour Me l’ha spuntata di misura su Grey Anita per il quarto posto.

 

Copyright: Foto Dena – SNAITECH SPA.

 

RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password