Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/05/2019 alle ore 19:08

Ippica & equitazione

19/03/2019 | 18:59

Ippodromo Snai La Maura, Atena Caf pronta conferma

facebook twitter google pinterest
ippodromo snai la maura

MILANO – All’Ippodromo Snai La Maura Atena Caf e Matteo Zaccherini trovano un grande feeling: fallosa nelle prime due uscite della carriera con i professionisti in sediolo, si legge in una nota, la figlia di Nad Al Sheba aveva trovato la prima vittoria all’ultima uscita all’Arcoveggio proprio con il bravo gentleman in sediolo, e oggi la cavalla di Alessandro Gocciadoro ha fatto un altro passo avanti nella sua crescita dominando il Premio Fakir Ve, la prova di apertura riservata a cavalli di 3 anni: piu’ gestibile rispetto alla prova bolognese, la portacolori della scuderia Super Fantastica e’ andata in testa, si e’ fatta graduare e nel finale ha allungato spegnendo sul nascere il tentativo di attacco di Anguria Jet, appostata nella sua scia sin dal via. Media finale di 1.14.8 per la vincitrice, con Anguria Jet altrettanto netta al secondo posto precedendo A Modo Mio Bi, che nel finale ha piegato Armstrong Louis.

Tutto facile per Zambia di Pippo nel Premio Ascot Luis, la prova sui 1650 metri per cavalli di 4 anni: subito in testa, la portacolori della signora Marina Danova ha imposto ritmo regolare e ha concluso al minimo dei giri, limitandosi a controllare i rivali che non hanno mai dato l’impressione di poter mettere in discussione il risultato. Media finale di 1.15.6 e secondo successo da allenatore per Alessandro Gocciadoro. Una generosa Zambia Op si e’ scoperta al passaggio, complice anche il ritmo regolare e’ rimasta in quota sino in fondo respingendo per il secondo posto Zeman Bini e l’appostata Zarkava Ans.

Dopo il buon secondo posto di Zamia Op, Andrea Bigliardi ha centrato il bersaglio pieno nel Premio Magia del Lupo, prova con partenza tra i nastri, grazie a Vento Da Barco: il portacolori del signor Roberto Sezzi ha mosso sul penultimo rettilineo portandosi ai lati della penalizzata Vita Breed, la quale aveva provato la soluzione di forza puntando e sfilando a meta’ gara sul battistrada Vaclav Lux: Vento Da Barco ha preso un leggero vantaggio sulla rivale e pur senza staccare lo ha mantenuto sino in fondo, imponendosi a media di 1.15.9. Vita Breed e’ rimasta generosamente al secondo posto, mentre terzo con tante recriminazioni e’ terminato Vaclav Lux, che nei 300 finali non ha mai trovato lo spazio per sprintare, chiuso dietro i primi due e con Vastom dei Mag (poi falloso in retta) all’esterno.
Prima vittoria in carriera per Aly Prav nel Premio Ideale Luis, una “reclamare” sui 1650 metri per cavalli di 3 anni: guidata da Flavio Martinelli, la cavalla di Tiberio Cecere nella risalita all’esterno ha trovato la scia preziosa di Adrenaline Bi che l’ha portata in posizione di sparo sull’ultima curva: da li’ la portacolori del signor Giovanni Caruso ha piazzato scatto superiore per spaziare a media di 1.17.2, dimostrandosi migliore dei rivali di giornata. L’appostata Abelinda e’ emersa al secondo posto su Amarcord Matto, battistrada dal via.

Tuono di Venere ha risolto allo speed il Premio Lemy del Lupo, la prova sui 1650 metri per cavalli di cat. F: in terza pariglia all’esterno, il cavallo di Pietro Demuro guidato da Cosimo Cangelosi ha mosso in terza ruota sull’ultima curva anticipando Roller Roc e in retta ha preso la meglio su Rey Ninio, che aveva sfondato dopo 600 metri con un gran volo. Terzo Roller Roc ha concluso al terzo posto su Valkyria Run.

Doppio come driver e triplo da allenatore per Alessandro Gocciadoro nel Premio Ubresson Luis grazie all’attesa Zingara Bi: unico brivido una brevissima incertezza al via, dalla quale si e’ rimessa al volo, poi la portacolori della scuderia Biasuzzi e’ sfilata in 200 metri e ha controllato sicura, impreziosendo la sua performance con un mezzo miglio conclusivo volato in 57. 8 che le ha permesso di largheggiare nel finale. Zenith Power dopo aver rinunciato al lancio e? risalito in scia a Zuzurro D’Asti d e’ emerso al secondo posto mentre Zond Mission Treb dopo un momento di crisi al mezzo giro finale si e’ ripreso in retta tornando al terzo posto.

Ottimo in una recente maratonina (non propriamente la sua distanza), Velodrome ha confermato l’ottimo momento di forma dominando il Premio Volperossa Luis, la prova sui 1650 metri a resa di metri per cavalli di cat. D/E/F/G. Con Edoardo Loccisano in sediolo, il cavallo di Marco Smogon ha rilevato Ulrica Mont al comando, e’ andato via di lena ribattendo al pressing di Tino Roc, in retta ha salutato la compagnia per imporsi a media di 1.14.2 sui 1650 metri. Davvero una performance con i fiocchi. Ottimo anche Ur del Ronco: incerto in avvio, il cavallo guidato da Antonio Greppi e’ scivolato in fondo al gruppo e pur usufruendo di varchi interni, e’ riuscito a rimontare nel finale Ulrica Mont. Poca fortuna per Troppo Bella, anticipata nella risalita da un paio di rivali e incapace di farsi sotto nel finale. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Piazza di Siena roma

Piazza di Siena: domani al via l’87° CSIO di Roma

22/05/2019 | 19:08 ROMA - Dopo le prime due giornate riservate esclusivamente alle competizioni nazionali e a quelle internazionali per i cavalli giovani di 6 e 7 anni, l’edizione numero 87 dello CSIO di Roma Piazza di Siena - Master fratelli d’Inzeo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password