Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/09/2019 alle ore 15:40

Ippica & equitazione

12/07/2019 | 08:45

Ippodromo Snai Sesana, Tarim protagonista nel Gran Premio Società Terme di Montecatini

facebook twitter google pinterest
ippodromo snai sesana

MONTECATINI TERME – All’Ippodromo Snai Sesana l’antivigilia del convegno imperniato sul classico di sabato 13 con il “Gran Premio Società Terme di Montecatini- Memorial Vivaldo Baldi” ha avuto la sua gara di cartello nel Premio Indro Park, una prova sui 1640 metri per cavalli di cat. C/D. Superbo Capar, come si legge in una nota, e’ volato al comando e ha imposto buon ritmo arrivando al chilometro in 1.14.6, ma l’illusione di rivedere il portacolori della Bellosguardo tornare allo standard di un tempo e’ finita li’, perche’ il figlio di Calipso Capar sul penultimo rettilineo ha ceduto di schianto: dalla sua scia ha mosso prontamente Vinci Per Noi trascinandosi Tarim e Thiago Three, con Panfollia unico a provare la risalita in seconda corsia ma facendo fatica a guadagnare terreno sui primi: all’ingresso in retta Tarim, senza la destra libera, si e’ gettato lungo l’open stretch e, ben sostenuto da Santo Mollo, con finale incisivo ha rimontato all’interno Vinci per Noi, a media di 1.13.1: stesso “trattamento” ha riservato Thiago Three a Panfollia, relegando l’allievo di Manuele Matteini al quarto posto: quasi uno smacco per un cavallo del suo rendimento, capace nelle ultime tredici uscite di collezionare undici primi e due piazze d’onore.

Un debutto interessante, quello dell’attesa Brenda Grif nel Premio Maldini Ok, una maiden sui 1640 metri per cavalli di 2 anni. Allenata da Lorenzo Baldi e affidata a Giampaolo Minnucci, la figlia di Ideale Luis e Giovane Italia ha fatto tutto con serieta’, spendendo per sfilare al comando (29.2 i 400 iniziali) ma chiudendo ancora bene per tenere a distanza di sicurezza una comunque valida Bonita Bar, a media di 1.16.7. Piu’ indietro Bastachesia Jet e’ emersa al terzo posto.
Dopo aver provato a correre da protagonista nella gara di cartello di sabato scorso, Zarina D’Amore scendeva a “reclamare” in questo Premio Erreuno Ok, prova sui 1640 metri con i gentlemen in sediolo. La cavalla allenata da Edi Moni si e’ dimostrata superiore ai rivali di giornata e in possesso di un parziale molto incisivo: partner ideale della figlia di Broadway Hall e’ stata la “tamberina” Monica Gradi, che ha scelto alla perfezione i tempi dell’attacco scattando dalla terza pariglia ai 500 finali per raggiungere e infine sopravanzare nelle ultime battute il battistrada Zoless, andato via a ritmo brillante (km in 1.16.4) ma alla fine costretto a inchinarsi alla superiorita’ della coetanea. Terzo posto per l’appostata Zeila Mj.

Il trotto montato tornava al Sesana con il Premio Athena di Vandelo, un invito sui 1640 metri per cavalli di 5 anni e oltre. Subito out per errore il favorito Seleniost, e’ stato Skroce D’Aghi a provare la gara d’avanguardia: il cavallo montato da Valeria Venturini ha imposto ritmo brillante impedendo ai rivali di avvicinarlo, ma ai 300 finali l’intramontabile Poseidon Bar, con Alessio Vannucci in sella, ha mosso dalla seconda pariglia in scia a Urlo Jet, in poche battute ha raggiunto il battistrada e in retta lo ha sorvolato facilmente per centrare un facilissimo successo, il ventiduesimo di una onorevolissima carriera giunta ormai al decimo anno, a media di 1.16. Il generoso Skroce D’Aghi si e’ dovuto adeguare al secondo posto precedendo lo specialista Rossano, piaciuto dopo percorso non semplice.

Gli effettivi di scuderia di Sandro Capenti attraversano un eccellente momento di forma, l’ennesima conferma e’ arrivata da Sama Jet nel Premio Venere Ok, l’handicap ad invito sul doppio chilometro che era valido come Tris/Quarte’/Quinte’ del giovedi’ sul quale la portacolori della scuderia Overture ha messo presto una seria ipoteca azzeccando una giravolta volante: dopo 450 metri, infatti, la figlia di Naglo era gia’ al comando rilevando il consenziente Otis Di Pippo, e da li’ non ha avuto eccessive difficolta’ a controllare le mosse dei rivali per staccare e andare a meta, a media di 1.16.3 sui 2060 metri, per la gioia del suo interprete e preparatore. Otis di Pippo ha fatto tesoro della posizione conservando la seconda moneta, Virtual Op, avanzato all’esterno dopo 700 metri si e’ ben guardato dallo “stuzzicare” la battistrada e la tattica ha pagato fruttandogli un meritato terzo posto che lo segnala comunque in progresso. Podio completato dai soggetti che erano meglio sistemati alla corda, ovvero l’intramontabile Noodles Bieffe e il penalizzato Ranieri. Procella Marina ha iniziato la sua progressione da fondo gruppo sulla penultima curva ma sulla curva finale il suo spunto si e? affievolito.

Tutto facile per il favorito Anteo del Ronco nel Premio Mondiale Ok, la condizionata per cavalli di 4 anni sui 1640 entri: partito in maniera sollecita dalla seconda fila e subito sui primi, il cavallo di Claus Hollman guidato da Antonio Greppi si e’ portato ai lati della battistrada Adelasia (km in 1.17.1) liquidandola facilmente al mezzo giro finale e si e’ involato sicuro verso il traguardo, tagliato a media di 1.15.6. Avila dei Greppi ne ha preso la scia a meta’ gara e ne ha seguito le mosse nel mezzo giro finale emergendo al secondo posto seppure a debita distanza, mentre Ariel Cup ha coronato un piu’ che discreto debutto aggiudicandosi la volata per il terzo posto dopo bella risalita esterna da fondo gruppo iniziata sulla penultima curva.

In chiusura, nel Premio Babe Kosmos, quasi un monologo per Zarkava Ans: la cavalla allenata e guidata da Erik Bondo ha contenuto al via Zaira Mark, ha trottato meta’ gara tranquilla in 1.01 e sul penultimo rettilineo ha salutato i rivali con un allungo secco che le ha permesso di vincere da lontano, a media di 1.15.1. Zio Salvio, l’altro soggetto piu? atteso della prova, si e’ impegnato in un tragitto in costante seconda corsia, non e’ mai riuscito ad avvicinare la battistrada e alla fine ha perso anche il secondo posto, stampato in zona traguardo da Zerogravity Fi. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica Oaks Agnano Audrey Effe BetFlag

Ippica, Oaks di Agnano: Audrey Effe è la favorita di BetFlag

19/09/2019 | 13:05 ROMA - Nel pomeriggio del Derby domenica a Napoli ovviamente spazio anche per le Oaks del Trotto (euro 253.000, metri 1600), classica di Gruppo I riservata alle femmine indigene di 3 anni. In pista le dodici qualificate dalle batterie...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password