Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 11/11/2019 alle ore 19:01

Ippica & equitazione

31/10/2019 | 08:15

Ippodromo Snai San Siro, Second Nature si conferma in un buon periodo

facebook twitter google pinterest
ippodrono snai san siro second nature

MILANO – All’Ippodromo Snai San Siro di Milano ultimo turno infrasettimanale dell’anno dato che fino al 10 novembre si correrà solo nei fine settimana. La corsa tecnicamente piu’ interessante di ieri pomeriggio, si legge in una nota, e’ stato il Premio Serio, un handicap sui 1200 metri in pista dritta per cavalli di 3 anni e oltre che ha visto Second Nature confermare la bonta’ dell’ultima prestazione (secondo dietro Cracking Art): dopo aver condotto dal via insieme a You Better Run, il portacolori di Sebyan Guerrieri allenato da Diego Dettori, e montato da Andrea Mezzatesta, ha piazzato allungo imperioso ai 300 finali e ha salutato la compagnia; You Better Run ha non ha saputo replicare al cambio di ritmo del vincitore e dal gruppo e’ emerso così Gordon Gekko, terminato secondo su Fireion, mentre Yakima e soprattutto Swallow Street non sono mai riusciti a inserirsi nel vivo.

Due gli handicap riservati ai 2 anni, entrambi nel segno di Bruno Grizzetti e Silvano Mulas ed entrambi risolti da puledre alla prima vittoria della carriera. Nel Premio Naviglio Grande, la scarna prova sui 1000 metri in dirittura, Sopran Leila si e’ tolta la qualifica di maiden in maniera addirittura eclatante: veloce lungo lo steccato, la portacolori di Leonardo Ciampoli si e’ staccata progressivamente a meta’ gara relegando a 8 lunghezze Opaline Dusk, emersa al secondo posto su Disconnected: Crocus di Vallarsa e’ calato ai 400 finali, Sopran Tajmahal e’ partita male e ha arrancato in coda.

Nel Premio Palazzo Reale, l’handicap gemello sui 1500 metri in pista circolare, Silvano Mulas si e’ invece dovuto impegnare a fondo in sella a Rosetta O’Hara per piegare Lady Bardiggiana, con la quale la portacolori della scuderia Nik e Carlotta si e’ staccata in un vibrante testa a testa nei 200 finali. La corsa aveva visto Brando’s Storm guidare le operazioni a ritmo sostenuto spianando la strada in retta agli attendisti, tra cui le due femmine citate sono risultate le piu’ incisive: al terzo posto ha concluso Siracusa.

Bel colpo di Avior Hadar nel Premio Casarile, l’handicap di minima sui 1500 metri in circolare per cavalli di 3 anni: con Sergio Urru in sella, l’allieva di Alessandro Pastorelli si e’ sistemata in scia alla battistrada Joenna, in dirittura ha spostato a centro pista e con bel cambio di marcia nell’ultimo furlong ha sorvolato la rivale nelle ultime battute. Joenna ci ha provato con coraggio in avanti, ribattendo al primo attacco di Vino Tinto che l’aveva affiancata dal via ma non alla progressione della vincitrice: Vino Tinto e’ calato nel finale ma e’ rimasto terzo su Parnassus Girl, finita discretamente alla distanza.

Sergio Urru si e’ poi ripetuto con Happy Wind nel Premio Corsico, l’handicap sui 2000 metri in pista circolare per cavalli di 3 anni: quarto dal via, l’allievo di Daniela Salerno si e’ presentato in retta passando ai 250 finali e ribattendo con grinta all’attacco di Red Desert, tenendo bene il top weight. Con bel recupero Dolcedo ha invece bruciato per il terzo posto Funk, che aveva menato le danze dal via. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password