Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/05/2020 alle ore 19:05

SBC News

18/09/2019 | 13:56

Betting on sports, l’industria internazionale scommette sul futuro degli esports

facebook twitter google pinterest
betting on sports esports

Dal nostro inviato a Londra - Le scommesse sugli esports sono il riflesso dell’interesse per un prodotto come i videogames. Non c’è nulla di strano o insolito, c’è un enorme business attorno ai tornei di esports, quindi le scommesse sono un fenomeno inevitabile, anche se fino a ora i concessionari italiani hanno scelto un profilo basso per la promozione del prodotto. Per il momento, nei mercati internazionali, nessun problema per la giovane età dei giocatori e per i possibili, conseguenti problemi con l’opinione pubblica. Ne hanno discusso a Londra - durante “Betting on sports” - ricercatori universitari e operatori di gioco.  «La differenza con gli scommettitori tradizionali è nell’offerta continua nel corso della giornata», ha detto Serge Vardanyan, Ceo di Win. «Gli operatori devono avere le immagini delle partite, la fascia d’età più presente è quella tra 18 e 35 anni e sono giocatori che vogliono sentirsi coinvolti nel gioco. Certamente è un prodotto che funziona online, molto difficile da offrire nel retail. L’offerta dei bookmaker deve sempre essere aggiornata anche con i cambi di regole del gioco stesso». Lo scommettitore di esports «non punterà su altri prodotti, in genere, e anche FIFA secondo me perderà posizioni, perché è una simulazione del calcio e non è quello che vuole lo scommettitore di esports», ha sostenuto Marco Blume, capo del trading di Pinnacle. L’integrity è un tema centrale, hanno confermato gli speaker. Le statistiche dicono però che i casi di match fixing sono, in percentuale, simili a quelli registrati negli sport tradizionali. Il settore sta crescendo a vista d’occhio, è necessario alzare le difese ma è quello che è già successo nello sportbook tradizionale. Gli interessi degli sponsor e dei giocatori sono però talmente grandi, nell’ordine di decine o centinaia di milioni di euro ormai, che l’obiettivo di tutti è vincere i tornei piuttosto che organizzare una frode. Almeno per ora. NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica Irlanda corse

Ippica, Irlanda: ripresa delle corse a porte chiuse dall'8 giugno

15/05/2020 | 17:32 ROMA - Il governo irlandese ha dato il via libera alle corse dei cavalli a porte chiuse dall'8 giugno. In base alle linee guida governative, si legge su SBC News, tutti coloro che parteciperanno alle gare saranno sottoposti a controlli...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password