Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/10/2020 alle ore 21:38

SBC News

11/09/2020 | 13:02

Sbc Summit Barcelona, Garrisi (Ceo Stanleybet) entra nella “Hall of Fame” delle scommesse sportive

facebook twitter google pinterest
garrisi hall of fame scommesse sbc

ROMA – Giovanni Garrisi, Ceo di Stanleybet, è entrato nella Hall of Fame delle scommesse sportive di Sbc. Nel corso di un’intervista, Garrisi ha ripercorso le tappe della sua carriera nel settore giochi: “Ho iniziato nel sistema bancario, ma poi sono passato al gaming. Ho iniziato cercando di battere il banco nelle schedine e creando software di sistemistica per le ricevitorie. Nei primi anni novanta poi entrai in contatto con un imprenditore svedese, iniziammo con un centro scommesse a Bologna nel 1994 (il marchio era SSP e l’imprenditore Peter Andersen, ndr) ma in pochi anni approdai alla Stanleybet: durante i primi incontri, trovai una sterlina di fronte alla porta dell’ufficio e pensai con un manager del gruppo inglese che fosse un fortunato segno del destino. Pensai che le scommesse sportive, che avevano un grande successo nel Regno Unito da decenni, potessero diventare popolari anche in Italia, dove esistevano solo ippica, Lotto e Totocalcio, oltre al “picchetto” illegale. L’interesse fu da subito formidabile e presto anche la questione diventò un caso legale di diritto comunitario”. Nel 2005 i betting shop Stanley furono venduti a William Hill e nacque Stanleybet International, ha ricordato Garrisi: “Contrariamente a quanto temevo, i migliori manager della società – che l’avevano resa grande - rimasero con me. Da allora, ho continuato a lavorare per il possibile ritorno in Borsa di Stanleybet, prima o poi. Ora abbiamo 3000 dipendenti, credo sia la cosa che conta di più: dare lavoro e benessere alle persone”. Tra i manager che lo hanno accompagnato in oltre venti anni di avventura nel betting, spiccano Adrian Morris e John Whittaker, scomparso recentemente. “L’influenza di John, in termini di etica, perfezionismo, correttezza, è stata fortissima”. Le prospettive del settore sono tutte per l’Intelligenza artificiale e per la tecnologia: “Abbiamo creato Magellan Robotech per sviluppare i prodotti in casa, visto che non sono un fan dell’outsourcing. Il sistema virtual Trident e l’ultima versione “Falcon” – uno dei migliori sul mercato - con il live betting sono le nostre ultime novità”, ha concluso.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password