Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2020 alle ore 19:10

SBC News

21/10/2020 | 16:41

Betting on Sports Europe - Fabio Schiavolin, ad Snaitech: “Il Covid sta accelerando il cambiamento del mercato, il futuro è 'onlife'”

facebook twitter google pinterest
schiavolin betting on sports europe

ROMA - Fabio Schiavolin, amministratore delegato di Snaitech, ha aperto questa mattina la convention “Betting on Sports Europe”, organizzata da SBC Events. Partendo dalla sua carriera che lo ha portato anche a ricevere un riconoscimento alla Hall of Fame l’anno scorso, l’ad ha raccontato delle strategie di Snaitech presenti e future, analizzando un mercato in profondo mutamento, a seguito dell’emergenza Covid.

Può raccontarci come è diventato l’uomo alla guida di Snaitech?

"Tutto è iniziato 25 anni fa, nel 1995, quando ho ricevuto una chiamata da Cirsa in Spagna, una multinazionale consolidata in decine di paesi in tutto il mondo che gestiva gaming machine, bingo e casinò. Ero giovane e l'idea di far parte di una start up completa è stato per me un grande stimolo ad accettare il lavoro. Grazie all'esperienza in Cirsa e al forte network costruito mi sono trovato pronto per il progetto Cogetech, l’azienda che ho co-fondato. 10 anni di crescita fino ad arrivare al 2015 quando ho traghettato il Gruppo Cogemat/Cogetech verso l’integrazione con Snai. Senza dubbio le caratteristiche che mi hanno aiutato in questo percorso sono dinamismo, flessibilità e la voglia di guardare sempre avanti”.

Il bagaglio di esperienza le è stato di aiuto per guidare l’azienda in questa fase di emergenza?

"Assolutamente sì. Durante il lockdown, siamo stati tra le prime categorie merceologiche a chiudere i punti di vendita fisici e gli ultimi a riaprire a metà giugno. Ora, a causa del trend di contagi in risalita, stiamo vivendo un nuovo blocco delle attività, per fasce orarie, come previsto dall'ultimo Dpcm, e territoriale, con la Lombardia e l’Umbria che hanno disposto la chiusura totale dei negozi. Dopo il primo stop completo di quasi 100 giorni, nel mese di settembre, abbiamo iniziato a registrare un trend positivo con incrementi medi del 30% di GGR che auspicheremmo di mantenere invariato fino alla fine dell'anno, anche se la situazione di queste ore non è incoraggiante. Durante il lockdown abbiamo chiaramente avuto un impatto sulle performance causato dalla mancanza di eventi sportivi in programma, con un calo della spesa dei clienti del 60%, ma in forte ripresa già dalla fine di giugno con la ripartenza dei principali campionati europei. Questo scenario in rapida evoluzione ha sicuramente contribuito alla migrazione di molti clienti dal retail all'online, accelerando un processo naturale che era già in atto. Per Snaitech, storicamente operatore di retail, la mission è stata ancora più sfidante, si è trattato di gestire velocemente anche un processo di scolarizzazione della rete distributiva. In sintesi il Covid ci ha insegnato a pensare in modo flessibile e reagire rapidamente utilizzando tutti gli strumenti possibili e mettendo in campo la creatività".

Come ha risposto l'industria al Covid-19? Quali sono le iniziative di cui va particolarmente orgoglioso?

“La nostra prima preoccupazione è stata quella di adeguarci tempestivamente alla situazione soprattutto verso i nostri dipendenti e i nostri clienti, garantendo loro la sicurezza attraverso protocolli che prevedono la misurazione controllata della temperatura al negozio, la sanificazione, la distanza fisica. Abbiamo quindi introdotto rapidamente misure straordinarie come lo smartworking nelle nostre tre sedi mantenendo aperti, con le doverose precauzioni e misure di sicurezza, i reparti core dell’azienda e tutto il business digitale. Abbiamo potenziato il servizio di customer care per gestire le problematiche emergenziali della rete e per supportare l’extra traffico digitale. Nonostante la perdita temporanea di oltre l’80% dei nostri ricavi, dovuta alla chiusura della rete fisica, siamo infine venuti incontro ai nostri partner studiando agevolazioni dirette ai nostri clienti.”.

Alla luce dell'emergenza Covid-19 non deve essere semplice programmare il futuro.

"Mettendo da parte l'emergenza Covid, dobbiamo concentrarci sui nostri pilastri strategici. Uno degli obiettivi principali è crescere oltre i confini nazionali: abbiamo le risorse e il know-how per farlo e facendo parte del Gruppo Playtech possiamo contare su un network internazionale esteso. Poiché la tecnologia è una variabile competitiva determinante nel mercato in cui operiamo vogliamo proseguire sulla strada dell'innovazione che abbiamo intrapreso 5 anni fa e che ci ha portato ad una posizione di leadership anche nell'online.

Infine, continueremo ad essere impegnati in ambito Csr, che consideriamo essere uno dei principali pilastri dello sviluppo di Snaitech. Tra i tanti progetti in cantiere in quest'area, vorrei citare il grande progetto di valorizzazione dei nostri ippodromi e delle strutture ippiche finalizzato non solo a rilanciare il prodotto sportivo ma anche a rendere questi luoghi dei veri e propri centri attrattivi per tutti i cittadini".

Ha in mente progetti specifici? Come vede il futuro del retail? Si può fare di più per migliorare l'esperienza omnicanale?

"Questa è un'altra cosa che ci ha insegnato il Covid: l'emergenza può cambiare ed ha cambiato in questo caso le abitudini dei clienti in tutto il mondo, accelerando come abbiamo visto il processo di diffusione della omnicanalità; i consumatori hanno iniziato a usufruire sempre più di prodotti e servizi online ed il gioco è diventato parte di questa tendenza. Nel nostro mercato si è assistito ad un progressivo incremento del passaggio dal puro retail al multicanale. La nostra epoca, per usare le parole di un filosofo italiano, Luciano Floridi, è “onlife”, termine coniato per descrivere l'esperienza che si vive in un mondo iper-connesso dove non c'è più la distinzione tra l'essere online o offline. Il nostro obiettivo come azienda è arrivare a un'esperienza di gioco “onlife”, dove il cliente non è più solo legato al sito o all’agenzia, ma vive una “cross-experience”. Abbiamo diversi obiettivi per il prossimo futuro; innanzitutto la formazione dei nostri dealer, che diventerà strategica in ottica omnichannel, la digital local strategy, per aumentare la visibilità e l'identificabilità dei punti vendita ed, infine, l’implementazione dei contenuti a cui destineremo parte dei nostri investimenti. Snaitech lavora da tempo su vari Home Media come il blog Snainews, RadioSnai, l'App Sn4iFun e il nuovo sito Snaiscore per seguire gli eventi in tempo reale. Infine, investiremo nel restyling delle agenzie che supporterà l'esperienza omnicanale completa. A tal proposito va detto che in Italia il lavoro è più complesso che in altre nazioni visto che la normativa vigente non consente l’utilizzo di un portafoglio unico del giocatore. Quando le modifiche normative lo consentiranno, l'omnichannel potrà diventare un’esperienza di gioco unica, tra retail e spazi digitali".

Non teme che la digitalizzazione possa accelerare le dinamiche compulsive del gioco? In che modo Snaitech sta affrontando il problema?

"La nostra azienda è da sempre impegnata nel diffondere e premiare la cultura sportiva, incoraggiando i valori positivi dello sport senza eccessi. Proprio per questo stiamo promuovendo un approccio al gioco responsabile e consapevole, inteso come puro divertimento e passione, basato sull’informazione del giocatore. L'App che stiamo lanciando, Sn4ifun, è il progetto che rappresenta l’evoluzione naturale di questo approccio, progettata non solo per i giocatori ma per tutti gli appassionati di ogni sport, in particolare i giovani adulti nativi digitali. Al suo interno ZeroXs è la piattaforma attraverso la quale Snaitech intende diffondere i valori che, ispirandosi allo sport, promuovono un approccio senza eccessi compulsivi. Infine, BetBuddy, uno strumento di Playtech, è una piattaforma di analisi per il gioco responsabile che utilizza l'intelligenza artificiale per identificare proattivamente comportamenti patologici, assistendo gli operatori nell'identificazione dei giocatori a rischio e nell'attuazione delle azioni necessarie". 

RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password