Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/01/2022 alle ore 19:02

Scommesse

07/12/2021 | 12:47

Gioco nuovo e vincite miliardarie, Totogol protagonista negli anni 90 prima del declino

facebook twitter pinterest
Gioco nuovo e vincite miliardarie Totogol protagonista negli anni 90 prima del declino

ROMA - Pensato dal Coni nel 1992 per rilanciare il calo di popolarità del Totocalcio, il Totogol esordì in forma sperimentale il 30 maggio 1994, per poi partire ufficialmente l’11 settembre dello stesso anno. Il "totocalcio alternativo" prevede  di indovinare, su una schedina con 14 partite, le 7 che si chiuderanno con maggior numero di goal segnati, in ordine decrescente. Una modalità che già negli anni 90 prendeva spunto dalle scommesse di più moderna generazione - che sarebbero approdate legalmente in Italia solo quattro anni dopo con i Mondiali di Francia - e che incontrò subito il favore dei giocatori, attratti dall'accessibilità del gioco e dalle possibili vincite miliardarie. Inizialmente il concorso venne gestito dallo stesso Coni, poi nel 2003 passò ai Monopoli di Stato. Sul fronte premi, il record risale a dicembre 1995, quando a Terrazzo, in provincia di Verona, furono vinti 7 miliardi e 686 milioni di lire. Tra le vincite più alte assegnate nella sua storia ci sono anche i 6 miliardi di lire finiti a Genova nel 1998 e gli oltre 5 milioni di euro andati a Pero (MI) nel 2003. Poi il declino, inesorabile, iniziato nei primi anni 2000 con l'entrata in scena delle scommesse sportive e con la crescente popolarità di altri concorsi più appetibili, come il SuperEnalotto, che ancora oggi occupano un ruolo di primo piano tra le preferenze dei giocatori.
LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password