Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/09/2017 alle ore 20:43

Scommesse

27/05/2016 | 12:07

Scommesse, Commissione Tributaria di Bologna accoglie ricorso Stanleybet contro imposta unica

facebook twitter google pinterest
Scommesse Commissione Tributaria Bologna Stanleybet

ROMA - La Commissione Tributaria Provinciale di Bologna “ha accolto il ricorso cautelare del titolare di un CTD Stanleybet, difeso dagli avvocati Daniela Agnello e Vittoria Varzi, in tema di imposta unica sui Concorsi Pronostici e le Scommesse e ha condannato l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM al pagamento delle spese processuali”. E’ quanto fa sapere in una nota l’operatore.

“Malgrado la Stanley avesse in più occasioni notificato a funzionari dell’Agenzia che i CTD Stanley, per la loro storia giuridica e fattuale, non sono soggetti all’imposta unica - si legge ancora - tre funzionari della ADM di Bologna si presentavano presso un CTD bolognese e avviavano una verifica fiscale con successivo avviso di accertamento e conseguente cartella esattoriale per oltre 60.000 euro”. La Stanley ha dunque inviato ai tre funzionari un “atto informativo sulla interpretazione della normativa comunitaria e nazionale e sui gravi danni che la sua errata interpretazione avrebbe provocato”. Inoltre è stato impugnato l’avviso di accertamento chiedendone la sospensione “per assoluta carenza dei presupposti oggettivi, soggettivi e territoriali dell’imposta”.

“La Commissione Tributaria di Bologna - si legge ancora - ha valutato e preso atto: a) della questione di legittimità sollevata dalla Commissione Tributaria provinciale di Rieti di fronte alla Corte Costituzionale, b) del quesito pregiudiziale sollevato dalla Commissione Tributaria Regionale di Milano innanzi alla Corte di Giustizia, c) della sentenza della Corte di Giustizia nella causa Laezza del 28 Gennaio 2016 e della pronuncia del giudice del rinvio del Tribunale di Frosinone che ha ritenuto le gare Monti discriminatorie nei confronti della Stanley.

Di conseguenza, con ordinanza resa in udienza, la Commissione Tributaria ha accolto il ricorso e condannato l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli al pagamento delle spese processuali.

Ne risulta confermata l’unicità della posizione di Stanley quale soggetto discriminato nell’accesso al sistema concessorio italiano da 15 anni, dopo 3 gare censurate da migliaia di provvedimenti giudiziari che disapplicano le sanzioni penali ed escludono le pretese erariali dell’amministrazione”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

rossi aragon quote

MotoGp, Aragon: super Rossi in prima fila, l’impresa vale 7,50

23/09/2017 | 18:10 ROMA - Prima fila che sa d’impresa per Valentino Rossi ad Aragon. Il pilota Yamaha, tornato a tempo di record dopo la frattura di tibia e perone rimediata a fine agosto, ha conquistato il terzo tempo nelle qualifiche sul circuito...

lazio verona scommesse

Serie A: Verona-Lazio, primo sussulto gialloblù a 5,80

23/09/2017 | 17:40 ROMA - L’emergenza in difesa non cambia le carte in tavola per la Lazio in vista della trasferta contro il Verona. Nonostante il reparto arretrato decimato dagli infortuni e il pesante ko incassato dal Napoli, i quotisti danno...

sampdoria milan scommesse

Serie A: Sampdoria-Milan, per i quotisti sfida da Over

23/09/2017 | 17:13 ROMA - Quattro Over in cinque giornate per il Milan, tre nelle quattro gare della Sampdoria (che ha una partita da recuperare). Il cammino di rossoneri e blucerchiati fino a questo momento dà un buono spunto per lo scontro diretto...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password