Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/09/2019 alle ore 20:43

Altri sport

14/05/2018 | 17:03

Giro d'Italia: Yates fa paura ma su Snai l'uomo da battere è ancora Dumoulin

facebook twitter google pinterest
giro d'italia snai scommesse

ROMA – C'erano due spauracchi, nel primo scorcio del Giro d'Italia 2018: Etna e Gran Sasso. Due cime dominate dal britannico Simon Yates, che nella tappa siciliana ha benevolmente lasciato vincere il compagno di squadra Chaves e in Abruzzo ha festeggiato in prima persona, consolidando la sua maglia rosa. Due prove di forza che hanno lanciato il leader della Mitchelton nelle quote sul trionfo finale: su Snai la vittoria di Yates, alla vigilia offerta a 25, vale ora 3 volte la scommessa. Esigua la differenza con il vincitore dell'anno scorso Tom Dumoulin, attuale terzo e favorito assoluto a 2,50. Sul podio dei quotisti, a 7,00, siede anche il francese Pinot, che finora sta confermando le promesse della vigilia (è quarto). In grande crescita la fiducia su Esteban Chaves, che due anni fa sfiorò il trionfo e che sulle prime salite è apparso brillantissimo. Attualmente è secondo in classifica dietro al suo capitano Yates e in lavagna è passato rapidamente da 33 a 8,00.

“Pozzo” c'è - Splendido finora anche Domenico Pozzovivo, che al Gran Sasso ha ceduto solo 4” al vincitore e sembra destinato a incarnare il ruolo di speranza italiana. Prima di correre era a 15, ora è sceso a 10. Le rampe abruzzesi hanno invece respinto Fabio Aru, franato in classifica e nel tabellone Snai: adesso la sua vittoria finale è un'ipotesi da 25,00.

Froome in caduta - Sfortunato il Giro di Chris Froome, caduto rovinosamente due volte e in ritardo a Campo Imperatore. Alla vigilia il capitano della Sky era il numero uno in quota, a 2,50, oggi è un outsider da 15. Nei prossimi giorni si capirà se resterà in corsa per vincere o per preparare la sua quita vittoria al Tour, oppure se lascerà la compagnia anzitempo.

Ancora Viviani? - Domani il Giro riprende con la Penne-Gualdo Tadino, la frazione più lunga con i suoi 239 chilometri. Spazio ai cacciatori di tappe, come Battaglin e Visconti (entrambi a 15) o come lo spagnolo Luis Leon Sanchez (a 12); i favoriti sono però due velocisti come Viviani, che cerca il tris dopo le vittorie israeliane, e l'irlandese Sam Bennet, primo nella tappa di Praia a Mare. Per entrambi, la quota è 10. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

motogp betaland

MotoGp, Aragon: Marquez vola a 1,45 nelle quote Betaland

19/09/2019 | 16:49 ROMA - Dopo il successo di Marc Marquez sul circuito di Misano, il Motomondiale torna con la tappa ad Aragon. Fatta eccezione per le prime due edizioni, vinte da Casey Stoner, dal 2012 c’è sempre stato uno spagnolo sul...

motogp aragon marquez

MotoGp, Aragon: Marquez senza rivali in quota

19/09/2019 | 15:00 ROMA - È il leader indiscusso del mondiale nonché il "Re d'Aragona", dove ha vinto le ultime tre edizioni del Gran Premio sul circuito del Motorland: Marc Marquez arriva più carico che mai all'appuntamento,...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password