Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/05/2022 alle ore 16:00

Calcio

04/02/2022 | 13:08

Report Uefa: le società di scommesse rappresentano il 19% delle sponsorizzazioni di maglia in Europa (+2%), è l'industria che investe di più nel calcio

facebook twitter pinterest
Report Uefa scommesse sponsorizzazioni Europa industria calcio

ROMA - «Le società di scommesse sportive e giochi rappresentano il 19% di tutte lo sponsorizzazioni di maglia delle principali squadre di calcio in Europa, con un incremento del 2% nel 2021 rispetto all'anno precedente, nonostante diversi Paesi (tra cui l'Italia, con il Decreto Dignità, ndr) abbiano introdotto leggi che vietano la pubblicità per le società di betting». È quanto si legge nel report Uefa "The European Club Footballing Landscape". 
«Dei 183 club che hanno svelato un nuovo main sponsor della maglia all'inizio della stagione, un quarto aveva concluso accordi con società di giochi e scommesse», si legge nel report. Si tratta del settore che investe di più nel calcio, davanti alle società di servizi finanziari (14%), retail (10%), costruzioni (9%), servizi professionali o beni industriali (8%), turismo o società aeree e automobilistiche (7%). 
Diversi Paesi come Italia, Francia, Spagna e Danimarca hanno vietato l'utilizzo di marchi di società di betting sulle maglie delle squadre. L’Italia in questo senso è il Paese più oltranzista: qui da noi è vietata dal 2018 ogni forma di pubblicità e sponsorizzazione – con ogni mezzo - delle aziende di gioco. Un divieto che, oltre a produrre confusione nelle distinzione tra scommesse legali e illegali, ha scavato un solco profondo sul fronte della competitività tra i 'Big Five' – i cinque maggiori  campionati - dal punto di vista delle risorse economiche. Secondo le recenti stime, il nostro pallone ha perso tra i 150 e i 200 milioni di euro per effetto del divieto. 

Altri paesi hanno invece scelto una strada più “soft”. In particolare, la Francia ha limitato il divieto ai soli operatori stranieri, mentre la Spagna è stato l'ultimo Paese in ordine di tempo ad aver introdotto limitazioni a partire dalla stagione 2021-2022, nonostante nella stagione precedente sette squadre fossero state sponsorizzate da società di scommesse: quattro di queste non sono riuscite a trovare un nuovo sponsor. Dal 2018 al 2021, i Paesi in cui sono stati introdotti limiti alla pubblicità del gioco sono aumentati da 14 a 18, ma nonostante questo il numero di squadre che hanno scelto società di betting come sponsor sono passate da 78 a 117. 
Tra i campionati col maggior numero di sponsorizzazioni di società di giochi e scommesse in Europa, la Bulgaria è in testa col 71%, seguita dall'Ungheria col 58% e dalla Grecia col 57%. Quarto posto per Ucraina e Portogallo (56%), poi Cipro (50%) e Inghilterra (45%). 
MSC/Agipro

Foto Credits Steindy (talkCC BY-SA 4.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

totocalcio palinsesti

Palinsesti Totocalcio del 21-22 maggio 2022

17/05/2022 | 12:20 ROMA - L'Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) comunica il palinsesto e gli orari di accettazione del gioco del concorso Totocalcio n. 18 del 21 – 22 Maggio 2022. Pannello A (eventi obbligatori)                           ...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password