Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/09/2018 alle ore 09:22

Scommesse

07/09/2018 | 13:17

New York Times contro Trump, caccia alla talpa: per i bookmaker è nello staff del presidente

facebook twitter google pinterest
trump new york times bookmaker

ROMA - La Casa Bianca è in subbuglio, alla ricerca dell'anonimo autore dell'editoriale pubblicato dal New York Times, e la caccia alla talpa ha contagiato anche i bookmaker. Dopo il pesante attacco a Donald Trump, e la rivelazione di una resistenza interna contro la politica del presidente americano, i traders d'oltremanica hanno elaborato la loro idea sull'identità del "traditore": una persona molto vicina a Trump, a giudicare dalle quote della sigla Paddy Power, che mette in cima alla lista dei sospetti Donald McGahn (a 6,00), consigliere legale della Casa Bianca. In primo piano anche un altro trio di stretti collaboratori: Dan Coats (direttore della National Intelligence), James Mattis (segretario alla Difesa) e John Kelly (capo di Gabinetto della Casa Bianca), tutti in tabellone a 7,00. L'elenco dei bookmaker prosegue con figure femminili di spicco dello staff, come la consigliera Kellyanne Conway (a 9,00), la responsabile per Russia ed Europa del Consiglio di Sicurezza Nazionale, Fiona Hill (11,00), e la direttrice della Cia, Gina Haspel (11,00). Non è esclusa nemmeno l'"ipotesi di complotto", ovvero la possibilità che a scrivere il pezzo sia stata una persona molto lontana dal presidente, magari con un particolare inclinazione per la scrittura: in questo filone, i principali "indiziati" sono Stephen King, John Le Carré e J.K.Rowling, tutti dichiaratamente anti-Trump. Tra gli avversari politici figurano Barack Obama e Bill Clinton, ma i quotisti azzardano anche un'opzione "casalinga" con Melania Trump e Ivanka Trump. Scelte remote - per tutti la quota è oltre 100,00 - e forse anche difficilmente verificabili, visto che per avere un riscontro servirebbe la rivelazione del New York Times sull'autore del pezzo. Uno scenario che i bookmaker aspetteranno fino al 31 dicembre, prima di gettare la spugna sulla Gola Profonda dell'amministrazione Trump. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password