Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 01/04/2020 alle ore 15:04

Attualità e Politica

17/12/2019 | 15:49

10 e Lotto, Cassazione conferma condanna per truffa per esercente: "Il pagamento delle vincite è stato simulato"

facebook twitter google pinterest
10 e lotto cassazione

ROMA - La Corte di Cassazione ha confermato la condanna per truffa disposta dal Tribunale di Livorno nei confronti del co-gestore di una ricevitoria del lotto, punito per aver ottenuto - tra il 18 e il 25 gennaio 2012 - l'«ingiusto profitto di oltre 500.000 euro di vincite, mediante la simulazione dell'avvenuto pagamento delle somme puntate nel gioco 10 e Lotto». Nella sentenza pubblicata oggi, i giudici che «l'imputato ha fornito un rilevante contributo alla consumazione della truffa» organizzata dalla sua famiglia, «effettuando numerose prenotazioni di vincite e incamerando le somme liquidate». Nel caso della madre, titolare della ricevitoria, l'accusa di truffa non può essere avanzata, vista una precedente sentenza di applicazione della pena per il reato di appropriazione indebita, sempre per la stessa vicenda. In questo caso si tratta della «medesima condotta, seppure diversamente interpretata». Respinto infine anche il ricorso dell'altro figlio della titolare che «pur non avendo fornito un diretto contributo nella truffa» è stato comunque coinvolto nella vicenda, in particolare con le «somme accreditate dal fratello sul suo conto corrente»; tale denaro, conclude la Cassazione, è stato giustamente confiscato. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password