Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2022 alle ore 15:07

Attualità e Politica

22/11/2022 | 13:05

Antiriciclaggio, Razzante (Univ. Bologna): "Nel primo semestre 2022 5.000 segnalazioni di operazioni sospette, operatori giochi in prima linea nel contrasto a illegalità"

facebook twitter pinterest
Antiriciclaggio Razzante segnalazioni operazioni sospette operatori giochi

ROMA - "Sono circa 5.000 le segnalazioni di operazioni sospette nel primo semestre del 2022, con un trend in aumento nella seconda parte dell'anno. Questi numeri degli operatori legali di gioco per la prevenzione del riciclaggio sono il doppio della percentuale dei liberi professionisti e le più alte nel gruppo dei segnalanti non finanziari. Se c'è qualcuno che ancora dubiti della buona fede e della compliance normativa del settore, può trovare le risposte anche in questi dati". Lo ha detto Ranieri Razzante, Presidente AIRA – Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio e docente di Intermediazione finanziaria e Legislazione antiriciclaggio all'Università di Bologna, nel corso dell'evento "In nome della legalità" a Parma. 
"Il livello di allerta si è innalzato e non è più tollerabile la pubblicità negativa ed il reputational risk troppo alto che viene ingiustamente assegnato ai concessionari 'legalizzati' da provvedimenti statali e sorvegliati dalle autorità di settore", ha spiegato. "Il gioco illegale non è gestito dai concessionari di Stato ma viene contrastato anche con le politiche di prevenzione e controllo da parte degli operatori onesti. Laddove questi ultimi si trovassero a subire restrizioni, tassazioni esorbitanti e provvedimenti pregiudiziali e pregiudizievoli, frutto di demagogiche campagne legate più a convenienze politiche ed associative che a convinzioni e dati rilevati, il loro livello di argine alla legalità si abbasserebbe notevolmente", ha concluso Razzante.
Infine Riccardo Pedrizzi, già presidente della Commissione Finanze del Senato tra il 2001 e il 2006, sottolinea "l'impegno delle forze dell'ordine per l'importante ruolo che svolgono per il controllo e contrasto delle attività illecite" e sollecita "una riforma complessiva del settore, che tenga conto degli ingenti investimenti da parte di imprenditori italiani e stranieri, delle esigenze degli operatori legali ma anche delle problematiche legate alle forme di gioco patologico". 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password