Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/01/2023 alle ore 20:51

Attualità e Politica

07/12/2022 | 10:25

Apparecchi senza vincite in denaro: le associazioni del comparto Amusement chiedono incontro alle Commissioni Finanze e Bilancio di Camera e Senato

facebook twitter pinterest
Apparecchi senza vincite in denaro: le associazioni del comparto Amusement chiedono incontro alle Commissioni Finanze e Bilancio di Camera e Senato

ROMA - Le associazioni del comparto Amusement hanno attivato un tavolo inter-associativo - con il coordinamento degli uffici legali di As.tro e Sapar e il supporto della società FB & Associati - con l’obbiettivo di semplificare le procedure per l’immissione in commercio e l’uso degli apparecchi senza vincita in denaro (comma 7) e differenziarle da quelle previste per gli apparecchi con vincita in denaro (comma 6). È quanto si legge in una nota congiunta. Le associazioni - oltre ad As.tro e Sapar figurano anche Anbi, Andimepa, Anesv, Fee, Federamusement, New Asgi e Snisv - hanno inoltre chiesto un incontro ai Presidenti delle Commissioni Finanze e Bilancio della Camera e del Senato per discutere delle problematiche che gravano il settore del Puro Intrattenimento e condividere alcune proposte normative in materia.
Il comparto dell’Amusement, ricorda la nota, coinvolge circa 60mila addetti circa e più di 6.200 piccole e medie imprese, con un fatturato annuo di circa 750 milioni di euro.
Nel biennio 2020-2021 il settore ha registrato, a causa delle prolungate chiusure dovute alla pandemia, una perdita di fatturato del 95%. Un danno economico, occupazionale e sociale enorme, al quale si sono sommati successivamente gli impatti derivanti dalla crisi energetica. «Un danno economico per migliaia di imprese coinvolte ma anche per le casse dell’Erario. Un danno occupazionale per l’incessante perdita di posti di lavoro e la conseguente ricaduta sui bilanci di migliaia di famiglie. Un danno sociale perché produttori ed operatori italiani svolgono un ruolo di promotori del gioco sostenibile, a tutela della salute del giocatore e garantiscono lo sviluppo del settore industriale nazionale contro ogni infiltrazione criminale». A tutto questo, concludono le associazioni «si aggiunge le necessità di arrivare ad una separazione normativa definitiva del settore degli apparecchi comma 7 senza vincite in denaro, da quello degli apparecchi comma 6 con vincita in denaro».
RED/Agipro

Foto credits Wikimedia Commons/CC BY-SA 3.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password