Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/09/2018 alle ore 20:40

Attualità e Politica

24/08/2018 | 11:12

Casinò di Campione, il vicesindaco Balsamo: "Se il Governo risolve la situazione, sono pronto a dimettermi"

facebook twitter google pinterest
Casinò Campione vicesindaco Balsamo

ROMA - «Se il governo risolve il nodo Campione sono pronto a dimettermi». Lo ha detto il vicesindaco Alfio Balsamo in un'intervista a La Provincia di Como. «Se in un rigurgito di senso delle istituzioni il Governo ci facesse sapere, nero su bianco, che idea ha per questo Comune io non avrei problemi a dimettermi. Prima però pretendo una risposta, scritta, perché se non è scritta non ci credo, non mi fido. Buona parte del problema dipende dal ministero dell'Interno, dove come sottosegretari siedono un comasco e un varesino, entrambi leghisti. Le province di Como e di Varese per anni hanno mangiato nel piatto di Campione, la Lega nella gestione del Casinò ha sempre avuto grandi responsabilità. Adesso, invece, silenzio». Senza un intervento dall'alto però al Comune restano poche carte da giocare, entro l'inizio di ottobre occorre presentare un bilancio che si regga in piedi, pena lo scioglimento del consiglio e l'arrivo dell'ennesimo commissario. «Abbiamo incontrato un team di esperti avvocati per mettere a punto un ricorso che depositeremo oggi. Abbiamo fondati motivi per credere che il fallimento dichiarato dal tribunale di Como possa essere rivisto. Per questioni di carenze procedurali, ma anche per la tesi di fondo. Il Casinò, come società generata da una legge statale, è stato affidato al Comune, il legislatore non ha previsto cosa sarebbe accaduto in caso di fallimento». In parallelo il sindaco Roberto Salmoiraghi ha detto di stare per ultimare un serio piano di rientro di tutto il sistema Campione. «Bisognerà equilibrare il costo del lavoro e la grandezza dell'organico - dice Balsamo - certo con solo 16 dipendenti il Comune muore. La polizia è ridotta a due agenti, poco afronte delle future, speriamo, migliaia di clienti del Casinò. Mancano anche i controllori per vigilare sul gioco, è impensabile. Del resto senza i trasferimenti dal Casinò il sistema non regge». 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password