Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/05/2024 alle ore 20:57

Attualità e Politica

30/01/2023 | 13:51

Caso Stanleybet, il Tribunale del Riesame di Catanzaro: “Discriminazione confermata da Cassazione e Corte UE, reato non sussiste”

facebook twitter pinterest
Caso Stanleybet Riesame Catanzaro Cassazione Corte UE

ROMA - Non sussiste reato se il centro collegato a un allibratore straniero, autorizzato ad operare in uno Stato Ue e illegittimamente discriminato, opera in modo trasparente accettando scommesse e pagando vincite, come stabilito da un decreto Mef del 2006. A condizione, naturalmente, che sia stata richiesta l’autorizzazione di pubblica sicurezza e che il rilascio di quest’ultima sia stato rifiutato per il fatto di non possedere la concessione. E’ questa la motivazione con la quale il Tribunale del riesame di Catanzaro, riprendendo le tante decisioni di Corte di Cassazione e Corte di Giustizia UE, ha annullato il sequestro dei marchi e delle insegne Stanleybet in tutta Italia. “L’assenza delle concessioni o autorizzazioni è da ritenersi conseguenza della portata limitativa delle disposizioni nazionali che disciplinano la materia”, di cui si è occupata la Corte europea. “In sede di rinvio pregiudiziale in un giudizio sulla presenza nell’ordinamento di Stanley International Betting”, è scritto nell’ordinanza, i giudici comunitari hanno riconosciuto “contraria” all’ordinamento UE la normativa italiana che ha “impedito alla società di entrare in possesso dei titoli concessori richiesti dalla legge interna per l’esercizio delle attività”. Neanche la regolarizzazione fiscale ha operato una rivisitazione della normativa interna “idonea a rimuovere meccanismi discriminatori nelle assegnazioni delle concessioni. Nelle tre gare indette nel 1999, 2006 e 2012, sono emersi profili discriminatori dell’operatore straniero, come affermato dalla corte di Giustizia Europea”.  Per tutti questi motivi, il Tribunale del Riesame ha annullato il provvedimento di sequestro della Procura e ordinato la restituzione dei beni agli aventi diritto.  L’udienza di Riesame, spiega una nota, era durata 45 minuti e si era tenuta giovedì scorso. Stanleybet Malta e i centri erano rappresentati dagli avvocati Daniela Agnello e Roberta Feliziani, che avevano chiesto di annullare il sequestro e l’oscuramento di tutti i marchi e le insegne. Per il bookmaker è la prima volta di fronte alla procura di Catanzaro, sempre al primo posto nella lotta alla criminalità organizzata.

NT/Agipro

Foto credits Michael Coghlan/Flickr/CC BY-SA 2.0

Scommesse estere: Tribunale del riesame di Catanzaro dissequestra insegne Stanleybet in tutta Italia

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password