Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/04/2021 alle ore 20:46

Attualità e Politica

03/03/2021 | 17:49

Coronavirus, Fipe "Nuovo Dpcm punisce i bar ma salva la movida. Assurdo"

facebook twitter pinterest
Coronavirus Fipe Nuovo Dpcm punisce bar ma salva movida Assurdo

ROMA - «Il ministro Speranza continua ad identificare il problema nei pubblici esercizi e nei bar, senza rendersi conto che i problemi si creano dove c’è libero accesso all’alcol da asporto. Se l’intento del nuovo Dpcm era quello di mettere un freno alla movida selvaggia e ridurre gli assembramenti incontrollati del fine settimana, la strada scelta è la peggiore possibile». In questo modo la Fipe-Confcommercio commenta i contenuti del nuovo Dpcm firmato dal Premier Draghi, che sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. «Noi - si legge ancora nella nota della Federazione italiana dei Pubblici Esercizi - avevamo chiesto di impedire la vendita dopo le 18 in tutti gli esercizi commerciali, almeno nelle zone della movida. Il ministro ha invece scelto la strada opposta, privilegiando i minimarket e punendo soltanto i bar. Un’assurdità. Cambiano i governi, si modificano le maggioranze, ma i pubblici esercizi continuano ad essere penalizzati ben al di là delle loro responsabilità».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password