Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/04/2020 alle ore 20:24

Attualità e Politica

17/02/2020 | 16:40

Corruzione nello sport, Cafiero De Raho (procuratore antimafia): “Piccole società sportive a rischio infiltrazioni, vietare scommesse su campionati minori"

facebook twitter google pinterest
Corruzione nello sport Cafiero De Raho (procuratore antimafia): “Piccole società sportive a rischio infiltrazioni vietare scommesse su campionati minori

ROMA - Grande attenzione, secondo il procuratore antimafia Cafiero De Raho, va rivolta alle scelta delle competizioni da sottoporre a scommesse: «Tutte le competizioni su cui si scommette sono a rischio, e quelle minori non fanno certo eccezione, anzi sono quelle in cui la corruzione si sviluppa più facilmente. - ha spiegato il procuratore nel corso del suo intervento al World congress on Global Leadership & Anticorruption in Sport -  Nelle serie minori, abbiamo riscontrato l'acquisto di club da parte delle mafie, perché attraverso queste società il mafioso riesce ad avere consenso sociale e quella base che gli consente di accrescere le proprie relazioni».

Quanto alle strategie di contrasto, il procuratore cita «il ruolo di controllo e garanzia svolto non solo dagli arbitri, ma anche dagli organismi di vigilanza. È necessaria poi la collaborazione continua tra autorità giudiziarie e gli organismi che tutelano la correttezza nella sport. Inoltre, le società sportive devono avere una struttura che non sia più basata su modelli amatoriali, poco idonei a contrastare le infiltrazioni. Va scardinato poi il sistema delle scommesse illegali su siti non autorizzati, vanno vietate le giocate sui campionati minori, più vulnerabili. Infine, bisogna mettere a punto una disciplina che tuteli chi denuncia, come accade per i collaboratori di giustizia».
MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie settimana agipronews slot coronavirus scommesse giochi

Giochi, la settimana in un clic

03/04/2020 | 18:47 LUNEDI' 30 MARZO Game Over – L'Agenzia Dogane e Monopoli stoppa la raccolta di tutti i giochi fisici, tranne il Gratta& Vinci. Il provvedimento, nell'ambito delle misure di contrasto al coronavirus, arriva dopo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password