Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/10/2020 alle ore 20:40

Attualità e Politica

29/04/2020 | 13:09

DL Imprese, Melillo (proc. Napoli): "Sanzioni prive di capacità deterrenti"

facebook twitter google pinterest
DL Imprese Melillo Napoli

ROMA - Le sanzioni previste dal DL Imprese «sono prive di capacità deterrenti, e vi sono strumenti deboli ai fini investigativi, che, ad esempio, non permettono di disporre intercettazioni e hanno termini di prescrizione ridotti». Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Napoli, Giovanni Melillo, nel corso di un'audizione nelle Commissioni Finanze e Attività produttive. «Bisogna aumentare la risposta repressiva dello Stato, prevedendo reati adeguati alla gravità del momento e alla gravità di un'appropriazione indebita di denaro di cui, al momento, lo Stato non si può permettere il lusso», ha aggiunto il procuratore della Repubblica di Milano, Francesco Greco. «Bisogna modificare leggermente le fattispecie» dei reati e «aumentare le pene», ma «lasciare sotto il profilo meramente amministrativo - quindi togliere via dal penale - i finanziamenti fino a 25mila euro», ha concluso. 
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password