Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2019 alle ore 21:25

Attualità e Politica

21/02/2019 | 12:53

Decreto Dignità, Risso (FIT): "L'Agcom ha confermato, pubblicità nelle tabaccherie è consentita"

facebook twitter google pinterest
Decreto Dignità Risso FIT Agcom pubblicità tabaccherie

ROMA - «Abbiamo avuto una rassicurazione dall'Agcom: all'interno della tabaccheria la pubblicità si può fare, che poi si tratta semplicemente di mettere a disposizione del cittadino le dovute informazioni su ciò che offriamo». Lo ha detto Giovanni Risso, presidente della Federazione Italiana Tabaccai, in un'intervista a La Riviera. La FIT ha anche in cantiere un accordo con la Protezione Civile di Roma: «È un discorso appena iniziato, ma diventeremo un punto di presidio in sinergia con i Comuni, offrendo delle informazioni fondamentali, come allerte e attività in programma. Pensiamo sia un progetto importantissimo, spero presto di delinearne dettagliatamente ogni aspetto». Risso ha anche commentato l'ordinanza del sindaco di Ventimiglia: «Non è una regolamentazione di orario, come è stato detto, ma è di fatto una chiusura. L'ordinanza prevede infatti che gli apparecchi possano funzionare solo dalle 19 alle 7 del mattino, ossia sostanzialmente solo la notte, escludendo le fasce diurne. A nostro avviso la scelta del sindaco è sbagliata oltreché folle: estromette tutte quelle attività, tra cui appunto le tabaccherie, che chiudono di notte e, soprattutto, non va certo ad aiutare il ludopatico che notoriamente preferisce giocare lontano da sguardi indiscreti in orari meno frequentati. In questo modo, ripeto, si favorisce soltanto il gioco illegale che non prevede limitazioni di alcun genere. Noi siamo favorevoli a un accordo sugli orari, che è quello che ho personalmente chiesto al sindaco Ioculano, ma non ha voluto saperne a nessun costo ed è andato avanti con la sua delibera. Abbiamo presentato un ricorso e vedremo come andrà a finire». Il fenomeno della dipendenza, ribadisce, «non si cura a base di dettati del sindaco, ma attraverso le ASL e le tante persone che sanno come affrontare il problema. La nostra è una rete controllata dallo Stato: le persone che lavorano all'interno delle tabaccherie sono appositamente formate per individuare questi fenomeni. Bisogna però ricordare che il vero ludopatico è difficile che per giocare entri in tabaccheria, dove potrebbe essere visto dalle tante persone che vi transitano. Se l'offerta legale dello Stato viene meno, la domanda dei cittadini non può che rivolgersi ai canali alternativi: quelli illegali. Lo Stato deve fare la sua parte, facendo delle norme che possano adattarsi a tutti, non lasciando l'iniziativa al singolo sindaco», ha concluso.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie agipronews giochi slot scommesse de siervo manovra

Giochi, la settimana in un clic

18/10/2019 | 16:32 LUNEDI' 14 OTTOBRE Politica e giochi - Certamente le leggi regionali vanno impugnate nel momento in cui non tutelano la salute pubblica. Mi sto attivando perché la legge regionale del Veneto sul gioco possa essere impugnata...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password