Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/07/2018 alle ore 12:16

Attualità e Politica

11/07/2018 | 18:35

Decreto Dignità verso Gazzetta Ufficiale: da aumento tassa su slot e Vlt maggiori entrate per 240 milioni di euro all’anno

facebook twitter google pinterest
Decreto Dignità aumento preu

ROMA - Saranno gli apparecchi da intrattenimento – slot machine e Videolotteries – a fornire le risorse necessarie per il taglio della pubblicità di giochi e scommesse, previsto dal decreto Dignità, giunto alla versione finale prima dell’approdo in Gazzetta ufficiale. Il Governo ha deciso di aumentare il prelievo erariale unico (Preu) dello 0,5 su slot machine e Vlt, portando le rispettive aliquote al 19,5% e al 6,5% della raccolta, a partire dal primo maggio 2019. “Gli oneri derivanti dall’articolo sono stimati in 150 milioni per il 2019 e 200 milioni dal 2020”, è scritto nella relazione tecnica che accompagna il testo. L’aumento delle aliquote fiscali sulle macchinette – stando ad un’elaborazione Agipronews – porterà maggiori entrate per 240 milioni di euro all’anno: 125 dalle slot e 115 dalle Vlt, ipotizzando per i due prodotti una raccolta sui livelli del 2017 (rispettivamente 25 e 23 miliardi di euro). 

Tutti confermate, stando all’ultima bozza, le misure già previste. L’esecuzione dei contratti pubblicitari alla data di entrata in vigore del decreto saranno consentiti “fino alla loro scadenza” e comunque per “non oltre un anno” dalla pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale. Sarà quindi vietata «qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet», si legge nel decreto.

STOP ALLE SPONSORIZZAZIONI - Dal 1° gennaio 2019 «il divieto si applicherà anche alle sponsorizzazioni di eventi, attività, manifestazioni programmi, prodotti o servizi e a tutte le altre forme di comunicazione di contenuto promozionale, comprese le citazioni visive ed acustiche e la sovraimpressione del nome, marchio, simboli, attività o prodotti la cui pubblicità, ai sensi del presente articolo, è vietata».

LE DEROGHE - Sono escluse dal divieto «le lotterie nazionali a estrazione differita» come la Lotteria Italia e «i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli». Inoltre, «Ai contratti di pubblicità in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore del presente decreto resta applicabile fino al 30 giugno 2019 la normativa vigente anteriormente alla medesima data di entrata in vigore del presente decreto».

LE SANZIONI - La violazione del divieto di pubblicità «comporta a carico del committente, del proprietario del mezzo o del sito di diffusione o di destinazione e dell’organizzatore della manifestazione, evento o attività, l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria commisurata nella misura del 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità e in ogni caso non inferiore, per ogni violazione, ad un importo minimo di 50mila euro». L’Autorità competente alla «contestazione ed all’irrogazione delle sanzioni è l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che vi provvede ai sensi della legge 24 novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni». I proventi delle sanzioni saranno devoluti «ad un apposito capitolo dello stato di previsione della spesa del Ministero della Salute per essere destinati al fondo per il contrasto al gioco d’azzardo patologico».

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password