Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 11/05/2021 alle ore 20:47

Attualità e Politica

09/04/2021 | 14:37

Decreto Sostegno, Sistema Gioco Italia: "Maggiori coperture agli operatori in lockdown, riprogrammare versamenti preu e stop a canoni concessori"

facebook twitter pinterest
Decreto Sostegno Sistema Gioco Italia operatori lockdown preu canoni concessori

ROMA - Una riprogrammazione dei versamenti previsti per il preu, l'introduzione di un credito d’imposta per canoni di locazione, la non debenza dei canoni concessori e la possibilità - per le aziende di gioco - di accedere al fondo per il sostegno delle attività economiche particolarmente colpite dall’emergenza epidemiologica: sono le proposte di Sistema Gioco Italia al Decreto Sostegno, contenute in una memoria consegnata alle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato, in cui si sollecita la necessità di «interventi che siano direttamente proporzionali all’intensità del “danno” subito a causa dell’emergenza sanitaria, dando maggiori coperture e supporti agli operatori le cui attività sono sottoposte a lockdown».
«Si rende necessario un intervento normativo di riprogrammazione temporale dei versamenti e delle scadenze attualmente previste del preu entro il primo semestre 2021, posticipandole al successivo secondo semestre e, comunque, entro il 15 dicembre 2021», per permettere «alle filiere distributive ed ai concessionari stessi di essere messi in condizione di adempiere alle proprie obbligazioni in materia, grazie alle auspicate riaperture, e alla conseguente ripresa delle attività distributive e degli ordinari flussi finanziari», si legge nella memoria.
«La riduzione dei ricavi a fronte della presenza di costi fissi come il canone locatizio hanno provocato indubbie difficoltà», segnala Sgi, che sollecita l'introduzione di «un beneficio a favore di quelle attività economiche che non hanno potuto esercitare del tutto l’attività nel 2021». Inoltre «per garantire una maggiore liquidità alle reti distributive che operano per la raccolta delle scommesse e del gioco del bingo e a titolo di ristoro per il periodo di sospensione delle attività, si propone di introdurre una norma che preveda la non debenza dei canoni concessori per la durata delle integrali sospensioni di attività». Infine, «al pari delle attività commerciali», Sistema Gioco Italia propone di inserire anche le aziende del gioco pubblico tra i beneficiari del fondo da 200 milioni di euro destinato al sostegno delle categorie economiche particolarmente colpite dall'emergenza da Covid-19.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password